Prove di chimica clinica

La chimica clinica si riferisce all'analisi biochimica dei liquidi organici. Usa le reazioni chimiche per determinare i livelli di vari composti chimici in liquidi corporei. Parecchie prove chimiche semplici sono usate per individuare e quantificare i composti differenti nel sangue e l'urina, gli esemplari il più comunemente provati in chimica clinica.

analisi del campione di sangue

Le tecniche quali la spettrofotometria, i immunoassays e l'elettroforesi egualmente sono utilizzate nella chimica clinica per misurare la concentrazione di sostanze quali glucosio, i lipidi, gli enzimi, gli elettroliti, gli ormoni, le proteine ed altri prodotti metabolici presenti in sangue umano ed urina.

Esemplari provati nell'analisi clinica

Siero

Il siero è l'esemplare più comune provato - è ottenuto tramite centrifugazione di sangue coagulato. Il siero non contiene globuli o fattori di coagulazione ma ha gli elettroliti, gli ormoni, gli antigeni, gli anticorpi ed altre sostanze quali le droghe, i microbi e le proteine non utilizzate nella coagulazione.

Plasma

Il plasma è ottenuto tramite centrifugazione di sangue uncoagualted. Contiene i globuli, i fattori di coagulazione, il glucosio, gli elettroliti (quali sodio, magnesio, calcio, il cloruro), gli ormoni e le proteine (quali le albumine, il fibrinogeno e le globuline).

Urina

Le prove cliniche richiedono solitamente una collezione di 24 ore dell'urina. Il contenitore della raccolta contiene solitamente un conservante.

Esame delle urine

Liquido spinale cerebrospinale (CSF)

Il CSF è un liquido chiaro presente nel cervello e la spina dorsale che è in gran parte simile al plasma sanguigno comunque differisce non contenendo quasi proteina. È analizzata solitamente in chimica clinica per identificare o eliminare la meningite.

Parametri chiave provati ed il loro significato

Carboidrati

I livelli del glucosio indicano il risparmio di temi dell'organismo nel metabolismo del glucosio. Digiunando ed i livelli casuali del glucosio nel sangue aiutano nella diagnosi dei disordini endocrinologici quali l'ipoglicemia (zucchero di sangue basso) ed il diabete.

Lipidi

I lipidi sono presenti nei moduli differenti come grasso corporeo, come componente delle membrane cellulari e come steroli quale colesterolo. I livelli di lipidi possono contribuire a diagnosticare il fegato e la malattia di cuore in esseri umani.

Per esempio, gli alti livelli di colesterolo e di trigliceridi totali nel sangue sono un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare (CVD). La lipoproteina ad alta densità (HDL) è un buon modulo di colesterolo che offre la protezione dalla malattia di cuore mentre la lipoproteina a bassa densità (LDL) è un modulo nocivo che è un altro fattore di rischio per CVD.

Enzimi

La misurazione dei livelli di enzimi scaricati dagli organi nel sangue può indicare i problemi con l'organo particolare.

Per esempio, i livelli della chinasi della creatina degli enzimi nell'organismo indicano il cuore o i livelli di danno del muscolo scheletrico, dell'amminotransferasi dell'alanina o dell'amminotransferasi dell'aspartato possono contribuire a diagnosticare i disordini del fegato ed i livelli della lipasi e dell'amilasi per segnalare l'infiammazione del pancreas o il carcinoma pancreatico.

Ormoni

Gli ormoni secernuti dalle ghiandole endocrine del nostro organismo regolamentano i vari trattamenti. Un aumento o una diminuzione nei livelli di ormone può segnalare le ghiandole iperattive o hypoactive rispettivamente.

Per esempio, il cortisol è un ormone secernuto dalle ghiandole surrenali, l'ormone (T4) di stimolazione della tiroide e della tirossina (TSH) è secernuto dalla ghiandola tiroide e l'ormone e le ormoni della crescita (FSH) di stimolazione del follicolo sono secernuti dall'ipofisi. Quindi misurare i livelli di questi ormoni può contribuire a determinare se le ghiandole corrispondenti stanno funzionando correttamente.

Proteine

La concentrazione di proteine nell'organismo può essere indicativa dei disordini nutrizionali e metabolici e di certi moduli di cancro.

Per esempio, la proteina totale ed i livelli dell'albumina contribuiscono a diagnosticare il fegato o la malattia renale oltre a malnutrizione. I livelli della globulina ed il rapporto di albumina a globulina possono contribuire ad individuare l'infezione, l'infiammazione, la malattia autoimmune e certi moduli del cancro di sangue.

Elettroliti

I livelli di vari elettroliti quali sodio, il cloruro, il potassio, il calcio, il bicarbonato, il fosforo ed il magnesio nell'organismo possono contribuire a diagnosticare alcuni rene e disordini metabolici.

Metaboliti

Alcuni prodotti metabolici possono essere misurati per valutare il funzionamento di organi determinati.

Per esempio, i livelli di urea, di azoto e di creatinina nel sangue sono indicatori della funzione del rene. Similmente, i livelli dell'acido urico possono segnalare la malattia renale, la gotta ed il danneggiamento di altri tessuti.

Il sangue e gli esami delle urine che forniscono risultati anormali sono ripetuti solitamente per assicurarsi che non ci sia campione o errore del laboratorio ed egualmente sia seguito dalle prove cliniche specializzate.

Riferimenti

  1. http://www.hopkinsmedicine.org/healthlibrary/conditions/pathology/clinical_chemistry_85,P00953/
  2. http://www.austincc.edu/mlt/intro/Unit6DClinChemistry.ppt

Last Updated: Feb 26, 2019

Susha Cheriyedath

Written by

Susha Cheriyedath

Susha has a Bachelor of Science (B.Sc.) degree in Chemistry and Master of Science (M.Sc) degree in Biochemistry from the University of Calicut, India. She always had a keen interest in medical and health science. As part of her masters degree, she specialized in Biochemistry, with an emphasis on Microbiology, Physiology, Biotechnology, and Nutrition. In her spare time, she loves to cook up a storm in the kitchen with her super-messy baking experiments.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Cheriyedath, Susha. (2019, February 26). Prove di chimica clinica. News-Medical. Retrieved on August 18, 2019 from https://www.news-medical.net/life-sciences/Clinical-Chemistry-Tests.aspx.

  • MLA

    Cheriyedath, Susha. "Prove di chimica clinica". News-Medical. 18 August 2019. <https://www.news-medical.net/life-sciences/Clinical-Chemistry-Tests.aspx>.

  • Chicago

    Cheriyedath, Susha. "Prove di chimica clinica". News-Medical. https://www.news-medical.net/life-sciences/Clinical-Chemistry-Tests.aspx. (accessed August 18, 2019).

  • Harvard

    Cheriyedath, Susha. 2019. Prove di chimica clinica. News-Medical, viewed 18 August 2019, https://www.news-medical.net/life-sciences/Clinical-Chemistry-Tests.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Post a new comment
Post