Progresso verso una maturazione per il HIV

By Keynote ContributorDr. Rowena Johnston Ph.D.Vice President and Director of Research
amfAR, The Foundation for AIDS Research

Nel 1981, il HIV ha scoppiato nella nostra coscienza come infezione quasi universalmente interna. Da quegli inizi, intorno 80 milione infezioni si sono presentate universalmente, con 37 milione di persone che vivono oggi con il virus. Gli sforzi di ricerca intensivi piombo allo sviluppo della terapia del antiretroviral (ART), che ha salvato le centinaia di milioni di anni di vita. Per quei abbastanza fortunati per avere e mantenere accesso ad assistenza medica, l'ARTE può ridurre il virus ai livelli “inosservabili„, inferiore a 20 copie del virus per millilitro di sangue. In queste circostanze, la progressione alla malattia è fermata e la trasmissione ad altre è altamente improbabile.

Questa immagine al microscopio elettronico di scansione (SEM) ha rivelato la presenza di numerosi virions di immunodeficienza umana virus-1 (HIV-1) che germogliano da un linfocita coltivato. Vedi PHIL 1197 per una visualizzazione in bianco e nero di questa immagine. Inoltre, vedi prego PHIL 14270, per una visualizzazione basso ingrandetta di questi virions germoglianti. Gli urti rotondi multipli sulla superficie delle cellule rappresentano i siti dell'installazione ed il germogliamento dei virions. CDC C. Goldsmith, P. Feorino, E.L. Palmer, W.R. McManus

Ma il HIV continua ad esigere i costi significativi - alla persona, alla società di assicurazioni o al governo pagante i costi del farmaco e di video; alla salubrità fisica della persona sotto forma di effetti secondari potenziali, di tossicità e di infiammazione immune in corso; ed a benessere psicologico in termini di marchio di infamia, depressione ed ansia.

Una maturazione per il HIV eliminerebbe l'esigenza di ARTE, così affrontando l'emissione dei costi finanziari. Ma il modulo che una maturazione cattura avrà un impatto significativo sui modi in cui il fisico medica e la salute mentale saranno migliorati. Due approcci differenti stanno adottandi allo sviluppo di una maturazione - controllo dopo trattamento e l'estirpazione virale.

Controllo dopo trattamento

In questi ultimi 10 anni, i rapporti sono emerso dalla Francia, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti che descrivono un piccolo numero di pazienti che mantengono il controllo del virus dopo la fermata dell'art. La grande maggioranza di questi è la gente che ha iniziato l'ARTE entro 3 mesi dell'evento iniziale della trasmissione, ha catturato l'ARTE per parecchi anni ed il trattamento allora interrotto contro parere medico o nel contesto dei test clinici molto attentamente riflessi. Il controllo dopo trattamento di fondo dei meccanismi non è capita buona, ma sembra comprendere una combinazione le funzioni immuni.

Il virus è ancora rilevabile in tutti questi casi facendo uso delle analisi sensibili del laboratorio, in modo da è chiaro che l'estirpazione non ha accaduto. Poichè alcuna di questa gente hanno mantenuto il controllo per 10 anni o più, sembra improbabile che i meccanismi immuni prevalenti annullino l'infezione. Sebbene intorno 100 regolatori dopo trattamento siano stati identificati, non c'è corrente intervento che può determinare attendibilmente il controllo dopo trattamento e queste persone rare sono così l'argomento di esame accurato intenso.

Estirpazione virale

C'è finora soltanto un caso conosciuto dell'estirpazione virale evidente, in un paziente originalmente conosciuto come il paziente di Berlino. Questo uomo americano, ora conosciuto per essere razza Brown di Timothy, stava vivendo a Berlino con il HIV che è stato gestito bene da ARTE fino a diagnosticarlo lui con la leucemia mieloide acuta che ha richiesto un trapianto della cellula staminale.

Il medico ha cercato un donatore con una mutazione genetica conosciuta come CCR5delta32, ha trovato in circa 1% degli europei nordici. La mutazione rende le celle estremamente resistenti ad infezione HIV e queste celle, con la radiazione e la chemioterapia che ha ricevuto, infezione HIV del sig. Brown sradicato. Più di 10 anni che seguono la procedura, rimane esente dalla leucemia e dal HIV.

Il rischio significativo di morbosità e di mortalità, con la rarità dei donatori CCR5delta32, significa che questo approccio non è possibile per una maturazione largamente applicabile. Gli approcci di terapia genica hanno tentato di imitare questa maturazione ma di provocare il controllo dopo trattamento nel migliore dei casi. Gli studi in animali da laboratorio facendo uso delle combinazioni adi approcci basati a immune, quali gli anticorpi e gli adiuvanti vaccino, sembrano annullare l'infezione, ma le domande rimangono quanto alla comparabilità dei risultati in animali da laboratorio all'esperienza clinica in esseri umani.

Prove se una maturazione ha avuto luogo

Le prove se un intervento ha provocato il controllo dopo trattamento o l'estirpazione virale sono uno degli aspetti più provocatori della ricerca della maturazione del HIV. Il solo modo definitivo determinare qualsiasi risultato è di ritirare l'art. Se il virus riappare, l'estirpazione virale non ha accaduto. Ma aspettare per vedere se una certa combinazione di risposte immunitarie finalmente porti il virus sotto controllo può essere un'esperienza esasperante per il clinico ed il partecipante di prova egualmente.

I ricercatori prevedono che ci sia un periodo di alcuno, forse anche sostanziale, la viremia durante questo periodo di attesa, per fino a parecchi mesi. Durante questo tempo, i linfociti T helper CD4 del sistema immunitario possono subire l'attrito sostanziale e sarà possibile trasmettere il virus ad altri.

Quanto tempo dovrebbero i clinici ed i partecipanti aspettano prima della decisione dell'intervento non ha lavorato ed ARTE dovrebbe essere ricominciato? Se l'ARTE è ricominciata troppo presto, possiamo mancare un risultato positivo. Se aspettiamo troppo lungamente, il partecipante di prova può avvertire il danno significativo. Non ci sono finora risposte definitive a queste domande importanti.

Quale tipo di maturazione è migliore?

I ricercatori ritengono che sia più facile da raggiungere il controllo dopo trattamento che l'estirpazione virale ed i 100 circa casi del precedente, confrontati alla singola cassa degli ultimi, confermi questo. Di conseguenza, gran parte dello sforzo nella ricerca della maturazione del HIV mette a fuoco sulla comprensione e sul determinare il controllo dopo trattamento.

Ma la gente che vive con il HIV preferisce quasi universalmente uno scenario virale dell'estirpazione. Mentre qualsiasi risultato allevia il carico di aderenza quotidiana di ARTE, solo l'estirpazione eliminerà l'infiammazione immune in corso quella piombo al rischio aumentato di eventi cardiovascolari ed altri seri. E d'importanza, soltanto l'estirpazione eliminerà il marchio di infamia di vivere con il HIV.

In alcune regioni del mondo, l'infezione HIV può significare letteralmente una pena di morte, più a causa delle conseguenze dell'infezione stessa ma a causa degli atteggiamenti e delle risposte sociali. Le storie continuano ad emergere della gente battuta, imprigionata o assassinata per la loro infezione. Mentre il controllo dopo trattamento è uno scopo provvisorio lodevole, non possiamo perdere di vista l'esigenza disperata di una maturazione vera. Non possiamo sradicare il HIV dal mondo finché non possiamo sradicarlo dal tutto quelli che viviamo con il virus.

Circa Rowena Johnston, Ph.D.

Come vice presidente e direttore di ricerca a amfAR, Rowena Johnston è responsabile della sorveglianza del programma di ricerca aprente la strada della base. Le sue responsabilità includono la determinazione delle priorità della ricerca delle fondamenta, la valutazione ed analizzare della direzione del programma e servire da collegamento fra la comunità scientifica ed altre comunità.

Nel 2010 il Dott. Johnston era strumentale nella formazione del consorzio della ricerca del amfAR sull'estirpazione del HIV (ARCHÉ).  Dirige il fuoco della ricerca del consorzio ed assicura la collaborazione fra i beneficiari di ARCHÉ.  Egualmente sorveglia altre iniziative della ricerca della maturazione dei amfAR come pure il programma della base per supportare i giovani ricercatori.


Dichiarazione: Questo articolo non è stato sottoposto a revisione tra pari ed è presentato come i punti di vista personali di un esperto qualificato nell'oggetto conformemente ai termini e condizioni generali generali di uso del sito Web di News-Medical.Net.

Last Updated: Jan 30, 2019

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News-Medical.Net.
Comments are closed