Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli effetti immunologici dei cannabinoidi

Salto a:

Gli effetti terapeutici dei cannabinoidi sono stati ben documentati, ma l'effetto dei cannabinoidi sul sistema immunitario ancora non è esplorato in larga misura. In uno studio recente, i ricercatori studiano gli effetti potenziali dei cannabinoidi su infiammazione ed i meccanismi.

Professionista di riserva/Shutterstock di credito di immagine PRO
Professionista di riserva/Shutterstock di credito di immagine PRO

La cronologia terapeutica dei cannabinoidi

Mentre il cannabidiol, il composto farmacologicamente attivo delle specie della cannabis, in primo luogo è stato isolato nel 1940, è stato utilizzato come droga psicoattiva soltanto negli anni 90. Successivamente, l'estesa ricerca è stata realizzata per studiare gli effetti psicotropici della droga. Tuttavia, gli effetti dei cannabinoidi non sono limitati al sistema nervoso centrale. Possono anche pregiudicare il digestivo, endocrino ed i sistemi immunitari dell'organismo. Per esempio, gli studi precedenti indicano che i cannabinoidi possono lavorare come droghe antinfiammatorie, essi possono sopprimere la segnalazione dei ricevitori a cellula T, indurre il apoptosis, abbassare i livelli di citochine pro-infiammatorie ed agire sui macrofagi. Tuttavia, gli studi sistematici sugli stessi stanno mancando di. Quindi, in uno studio recente, gli autori verificano l'effetto di varie concentrazioni di CBD e di suo analogo, DMH-CDB sull'attività di N-F-KB. Gli autori verificano il meccanismo potenziale dietro questa attività.

Operazione crescente della cannabis commerciale. Credito di immagine: Canna Obscura/Shutterstock
Operazione crescente della cannabis commerciale. Credito di immagine: Canna Obscura/Shutterstock

L'esperimento

Per lo studio, i ricercatori hanno usato i cannabinoidi con la purezza 99,9% e che non ha avuto altro presente di cannabinoido. I cannabinoidi sono stati solubilizzati in etanolo, nel RPMI-media e in Cremaphor nei rapporti uguali. La purezza di CBD e di DMH-CBD è stata valutata facendo uso di spettrometria della cromatografia-massa del gas (GS-MS). Gli analiti erano egualmente più ancora derivatizzati per aumentare il risparmio di temi e la sensibilità di GS-MS.

Cannabinoidi e produzione di TNF

Lipopolysaccharides può stimolare i macrofagi produrre TNF. Tuttavia, quando lo stesso esperimento è stato ripetuto dopo il pretrattamento delle celle con CBD, sia la produzione che la versione di CBD sono state diminuite. La riduzione era egualmente in un modo dipendente dalla concentrazione, mostrante il ruolo dei cannabinoidi per gestire la produzione di TNF.

Cannabinoidi ed attuabilità delle cellule

Uno dei regolatori principali della produzione di TNF è NK-KB, in modo dagli autori hanno speculato che CBD ed il suo analogo potrebbero influenzare la produzione di TNF influenzando il N-F-KB. Per provare questo, gli autori hanno usato i macrofagi che esprimono un reporter etichettato al N-F-KB per prevedere i sui livelli. Le celle poi sono state pretrattate con CBD e DMH-CBD e poi sono state stimolate con il lipopolysaccharide. Il pretrattamento con CBD ed il suo analogo potrebbe diminuire i livelli di N-F-KB, suggerenti che i cannabinoidi effettivamente stessero agendo con la via di N-F-KB.

Egualmente è conosciuto che i cannabinoidi possono indurre il apoptosis. Quindi, i ricercatori hanno voluto provare se i cannabinoidi stessero diminuendo il N-F-KB dovuto induzione del apoptosis o di una via indipendente. Hanno trovato che mentre l'effetto di CBD per diminuire l'attività di N-F-KB è stato collegato con i sui effetti su attuabilità del macrofago, gli effetti di DMH-CBD sul N-F-KB erano indipendenti dal suo ruolo nella morte delle cellule.

Produzione di TNF e di DMH-CBD

Gli autori hanno trovato che mentre DMH-CBD egualmente inibisce la produzione di TNF e l'attivazione del N-F-KB, questa riduzione non sono stati collegati con la via del tipo di tributo del ricevitore 2, a differenza di CBD. L'attivazione del N-F-KB può essere mediata via due punti: IkBα, una molecola inibitoria, è limitato al Kf-KB. Quando questa molecola è degradata, è trasportata a nucleare via la sequenza nucleare della localizzazione. Gli esperimenti hanno indicato che DMH-CBD non ha pregiudicato il primo punto dell'attivazione di N-F-KB, la degradazione del IkBα o il secondo punto dello spostamento nucleare. Invece, DMH-CBD ha diminuito l'attività di N-F-KB via l'attivazione dei ricevitori2A di A. In presenza di un antagonista2A del ricevitore di A, gli effetti di DMH-CBD sull'attivazione di N-F-KB hanno potuto completamente essere invertiti.

Quindi, i cannabinoidi, CBD e DMH-CBD inibiscono il N-F-KB, ma nei modi diversi. Il meccanismo di CBD è collegato con i sui effetti su attuabilità delle cellule, mentre gli effetti di DMH-CBD sono via l'attivazione dei ricevitori2A di A.

Sorgenti

  1. Il Silva et al. (2019) DMH-cannabidiol, un analogo di cannabidiol con citotossicità diminuita, inibisce la produzione di TNF mirando all'attività di N-F-KB attivando il ricevitore di A2A ed inibendo p38. Tossicologia e farmacologia applicata (https://doi.org/10.1016/j.taap.2019.02.011)

Further Reading

Last Updated: Aug 23, 2019

Dr. Surat P

Written by

Dr. Surat P

Dr. Surat graduated with a Ph.D. in Cell Biology and Mechanobiology from the Tata Institute of Fundamental Research (Mumbai, India) in 2016. Prior to her Ph.D., Surat studied for a Bachelor of Science (B.Sc.) degree in Zoology, during which she was the recipient of an Indian Academy of Sciences Summer Fellowship to study the proteins involved in AIDs. She produces feature articles on a wide range of topics, such as medical ethics, data manipulation, pseudoscience and superstition, education, and human evolution. She is passionate about science communication and writes articles covering all areas of the life sciences.  

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    P, Surat. (2019, August 23). Gli effetti immunologici dei cannabinoidi. News-Medical. Retrieved on January 19, 2021 from https://www.news-medical.net/life-sciences/The-Immunological-Effects-Of-Cannabinoids.aspx.

  • MLA

    P, Surat. "Gli effetti immunologici dei cannabinoidi". News-Medical. 19 January 2021. <https://www.news-medical.net/life-sciences/The-Immunological-Effects-Of-Cannabinoids.aspx>.

  • Chicago

    P, Surat. "Gli effetti immunologici dei cannabinoidi". News-Medical. https://www.news-medical.net/life-sciences/The-Immunological-Effects-Of-Cannabinoids.aspx. (accessed January 19, 2021).

  • Harvard

    P, Surat. 2019. Gli effetti immunologici dei cannabinoidi. News-Medical, viewed 19 January 2021, https://www.news-medical.net/life-sciences/The-Immunological-Effects-Of-Cannabinoids.aspx.

Comments

The opinions expressed here are the views of the writer and do not necessarily reflect the views and opinions of News Medical.