Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo microchip manipola le molecole di proteina e del DNA

Uno studente non laureato di Johns Hopkins ha costruito un nuovo tipo con microchip che può muovere ed isolare le molecole di proteina e del DNA. Crede che per il collegamento del chip con la strumentazione dell'analisi, un utente potrebbe identificare i disturbi medici, riflettere la salubrità di un paziente o individuare i virus ed altri rischi biologici prima che si siano sparsi.

Eric Simone (rappresentato alla destra), un maggiore senior di assistenza tecnica biomedica da Cincinnati, Ohio, sobborgo del distretto di Anderson, da costruzione e provato il chip nel laboratorio di Jeff Tza-Huei Wang. Wang, un assistente universitario nel dipartimento dell'ingegneria meccanica, già aveva prodotto un chip del biosensore con gli elettrodi incassati in una linea retta. Nell'ambito del controllo di Wang, Simone, 21, ha inventato un chip del biosensore con una progettazione circolare innovatrice dell'elettrodo, che ha eseguito più efficacemente in determinate applicazioni bio--analitiche.

“Questo chip ci dà un nuovo strumento per esaminare le domande biologiche,„ ha detto Wang (rappresentato a sinistra), che egualmente è un docente dell'istituto di assistenza tecnica biomedica di Whitaker a Johns Hopkins. “Eric può realmente interagire con e manipolare le diverse molecole del DNA.„ I risultati dal lavoro di Simone sono stati inclusi un documento presentato alla diciassettesima conferenza internazionale di IEEE sui micro elettro sistemi meccanici, tenuti recentemente nei Paesi Bassi. Lo studente non laureato è stato quotato come secondo autore sul documento.

Simone ha fatto parte del gruppo del laboratorio di Wang nel gennaio 2003 ed ha usato la concessione del premio della ricerca dello studente non laureato di un prevosto dall'università per spendere molto l'estate scorsa di lavorare al suo progetto. “Il chip ha collegare minuscoli, ciascuno circa un quinto del diametro dei capelli umani, incluso in un reticolo circolare,„ Simone ha detto. “Quando ha connesso ad un'alimentazione, permette che noi generiamo un campo elettrico che può trasportare le molecole ad un'area designata per lo studio.„

 

Eric Simone, destra, sostiene il microchip che ha costruito sotto la supervisione di Jeff Tza-Huei Wang. Ha una progettazione circolare innovatrice dell'elettrodo.
LA FOTO VICINO KIRK

I chip fatti da Wang e da Simone approfittano della carica negativa naturale posseduta da DNA o di una carica superficiale imposta alle molecole. Una goccia minuscola di liquido che contiene il DNA è collocata in cima al chip. Il campo elettrico poi guida le molecole ad un'area designata, dove possono essere analizzate sotto un microscopio.

Simone era uno dei primi studenti da lavorare nel nuovo laboratorio di Wang, che mette a fuoco sui micro elettro sistemi meccanici con le applicazioni biologiche. “Era affascinante,„ Simone ha detto. “Era come la scoperta del campo nuovo intero di scienza.„

Dopo la laurea a maggio, Simone spera di continuare la sua formazione in un programma di laurea di assistenza tecnica biomedica.

 

Un nuovo tipo di microchip che può muovere ed isolare le molecole di proteina e del DNA.
LA FOTO VICINO KIRK

Wang, che ora ha parecchi altri studenti non laureati lavorare nel suo laboratorio, era soddisfatto di vedere quanto questi studenti possono compire. “Una volta che sono motivate,„ ha detto, “fanno un processo realmente buon.„

L'11 marzo, Steven Knapp, il prevosto dell'università e vice presidente senior per gli affari accademici, hanno ospitato la cerimonia di premi della ricerca dello studente non laureato dell'undicesimo prevosto annuale, che ha onorato il 41 vincitore che hanno condotto i loro progetti di estate e di caduta di 2003. Dal 1993, circa 40 studenti ogni anno hanno stato sovvenzionati di PURA di fino a $3.000 per condurre la ricerca originale, alcuni risultati di cui sono stati pubblicati in pubblicazioni professionali. I premi, costituiti un fondo per con una donazione dalla fiducia di Hodson, sono una parte importante dell'impegno dell'università per ricercare le opportunità per gli studenti non laureati.