Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le cellule staminali del midollo osseo non aiutano il tessuto rigenerato del muscolo di cuore, ritrovamenti di studio di UW, contraddicenti lo studio più iniziale

I Ricercatori alla Scuola di Medicina dell'Università di Washington hanno trovato che le cellule staminali del midollo osseo non convertono in celle di muscolo del cuore in mouse. Questi risultati contraddicono gli studi intrapresi altrove che avevano richiesto i test clinici umani per tale terapia di cellula staminale nel trattamento di attacco di cuore.

Il Dott. Charles Murry, professore associato di UW di patologia, piombo un gruppo dei ricercatori al UW ed al Centro di Wells per la Ricerca Pediatrica all'Indiana University durante lo studio biennale sulla terapia di cellula staminale. Hanno iniettato le cellule staminali ematopoietiche (HSCs), che formano tipicamente i globuli, nella parete del cuore in entrambi i mouse normali ed in mouse con i cuori nocivi a memoria attacca.

Murry ed i suoi colleghi hanno trovato che le cellule staminali non hanno convertito in celle di muscolo del cuore in qualsiasi gruppo ed il tessuto nocivo del muscolo di cuore non ha rigenerato. I risultati rappresentano una rottura dalla ricerca precedente, compreso uno studio pubblicato tre anni fa quello ha indicato che tali cellule staminali potrebbero aiutare il tessuto nocivo organismo rigenerato del muscolo di cuore dopo un infarto miocardico.

Uno studio alla Stanford University che mostra i risultati simili a quelli in relazione di Murry comparirà che nella stessa emissione. Poiché entrambi gli studi indicano che le cellule staminali non convertono come previsto, questi risultati mettono in dubbio i risultati dallo studio di Orlic pubblicato nel 2001.

“Quel lavoro de gruppo non è semplicemente riproducibile,„ ha detto Murry. “Il Loro studio ha richiesto una serie di test clinici prematuri per il trattamento degli attacchi di cuore acuti, che ancora ora stanno accendendo.„

Malgrado l'assenza di rigenerazione del muscolo, Murry pensa che ci potrebbero essere vantaggi di potenziale dalla terapia di cellula staminale nei cuori nocivi. Le celle potrebbero contribuire ad aumentare il flusso sanguigno nelle imbarcazioni che circondano il tessuto cardiaco nocivo, o le celle potrebbero contribuire ad evitare “la ricostruzione„ nel cuore, che è quando il cuore dilata dopo un attacco di cuore. Che la dilatazione può danneggiare il muscolo di cuore, Murry ha detto, in modo da impedendo la dilatazione potrebbe contribuire ad evitare il danno.

“Ora che le prove sono in corso e sembrano sicure, è probabilmente continuare interessante a vedere se sono efficaci,„ Murry ha aggiunto.