Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Alzheimer in tensione circa la metà finchè quelli di simile età senza demenza

Invecchi, la serietà di danno e la severità di altre condizioni mediche è indicatori importanti di quanto tempo una persona potrebbe sopravvivere a dopo una diagnosi del Morbo di Alzheimer, Eric B. Larson, M.D., i M.P.H ed i colleghi riferiscono negli Annali del 6 aprile di Medicina Interna. Gli autori di Studio includono Linda Teri, il Ph.D., destinatario dell'Associazione di un Alzheimer sussidio per la ricerca Pionieristico $1 milione.

In Generale, il gruppo di Larson ha trovato che persone recentemente diagnosticate con Alzheimer teso per vivere circa la metà finchè quelli di simile età senza demenza. Per esempio, dopo una diagnosi di Alzheimer, la speranza di vita di 70 anni di una donna caduta a partire da 15,7 a 8 anni e un uomo di 70 anni sono caduto 9,3 - 4,4 anni. Dall'età 85, il taglio di Alzheimer ha preveduto la sopravvivenza a partire da 5,9 anni a 3,9 anni per le donne e 4,7 anni - 3,3 anni per gli uomini.

Nella 521 persona iscritta a questo studio, le caratteristiche connesse con i tempi di sopravvivenza più bassi erano maggiori di 85 anni dell'età, la difficoltà che camminano, cronologia di vagabondaggio e la presenza di diabete o di infarto congestivo. Altre caratteristiche che hanno accorciato la sopravvivenza erano sesso maschile, maggior grado di danno conoscitivo, versione involontaria di urina e una cronologia delle cadute, del diabete, della coronaropatia o del colpo.

I Fattori non indicati alla sopravvivenza di diminuzione qui hanno compreso l'ipertensione, la durata dei sintomi ai tempi della diagnosi, o la presenza di depressione, di irritabilità, di paranoia o di altri sintomi comportamentistici o psichiatrici.

In un editoriale anche che è publicato negli Annali del 6 aprile di Medicina Interna, Kevin E. Covinsky, M.D., i M.P.H. e Kristine Yaffe, M.D., precisano quello, “… i pazienti che ricevono una diagnosi di demenza hanno fatto diminuire sostanzialmente i Clinici di speranze di vita… possono essere attenti ai bisogni palliativi di cura dei pazienti con cancro metastatico ma non possono rend contoere che una diagnosi di demenza è egualmente un evento della sentinella per cura di pianificazione di estremità-de-vita… che Molti pazienti con demenza non possono ottenere i servizi palliativi essi hanno bisogno di, quale assistenza con le attività della vita quotidiana, servizi sanitari del giorno e cura di dilazione. Di conseguenza, i badante mettono la maggior parte sulle spalle del carico di occuparsi di un paziente con demenza.„