Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Una droga che migliora la funzione dei vasi sanguigni retinici può potere diminuire il rischio di colpo

Una droga che migliora la funzione dei vasi sanguigni retinici può potere diminuire il rischio di colpo, secondo un rapporto nell'odierna emissione rapida di accesso del Colpo: Giornale dell'Associazione Americana del Cuore.

Il piccolo studio ha trovato che la funzione endoteliale è anormale in vasi sanguigni dell'occhio dei pazienti che hanno ipertensione della fase iniziale, ma che il trattamento con una droga dello stampo (ARB) del angiotensina-ricevitore migliora la funzione endoteliale.  L'endotelio è il rivestimento delle pareti dell'imbarcazione e svolge un ruolo chiave nella capacità delle imbarcazioni di rilassarsi e restringersi. 

A causa della similarità fra i vasi sanguigni del cervello e retinici, i risultati egualmente suggeriscono che la droga possa migliorare la funzione delle imbarcazioni del cervello, hanno detto il Cristiano Delles, M.D., corrente un ricercatore dell'autore principale al Centro di Ricerca Cardiovascolare di Glasgow delle Fondamenta Britanniche del Cuore a Glasgow, REGNO UNITO.

Delles ha intrapreso gli studi al Centro di Ricerca Clinico intestato dal Professor Roland Schmieder all'Università di Erlangen-Nurnberg in Erlangen, Germania.

 “Studiare la reazione dei vasi sanguigni negli occhi può offrire la comprensione nella prevenzione del colpo rivelando come i vasi sanguigni nel cervello reagiscono ad ipertensione, un fattore di rischio importante per il colpo,„ ha detto.

Lo studio ha fatto partecipare 38 giovani adulti (età media 27), la metà di cui ha avuta ipertensione della fase iniziale.  I pazienti hanno ricevuto a caso il cilexetil o il placebo candesartan della droga per i sette giorni, seguito dalle misure di flusso sanguigno in imbarcazioni retiniche.  Ogni paziente poi è stato passato al trattamento opposto (candesartan o placebo) ed è stato curato per altri sette giorni, dopo di che gli studi retinici del flusso sanguigno sono stati ripetuti.

Due tipi di prove retiniche del vaso sanguigno sono stati condotti dopo ogni periodo del trattamento.  Una prova ha compreso la misura di flusso sanguigno nell'arteria retinica centrale prima e dopo stimolo leggero.  Il secondo tipo di sangue valutato valutazione attraversa i capillari retinici minuscoli prima e dopo l'amministrazione di L-NMMA, una sostanza che inibisce la produzione di ossido di azoto, un fattore chiave nella capacità dei vasi sanguigni di espandersi normalmente.

Nei 19 pazienti con pressione sanguigna normale, l'amministrazione di L-NMMA ha fatto diminuire significativamente il flusso sanguigno capillare retinico e lo stimolo dell'indicatore luminoso ha aumentato significativamente la velocità di flusso sanguigno nell'arteria retinica centrale, risultati che indicano la funzione normale del vaso sanguigno.  Al contrario, nessuno dei due prova ha cambiato i reticoli di flusso sanguigno nelle imbarcazioni retiniche dei pazienti ipertesi durante il trattamento del placebo.  Tuttavia, il trattamento con candesartan ha ripristinato il reticolo normale di attività del vaso sanguigno in pazienti con ipertensione.

 Oltre agli effetti diretti di ipertensione, altro scompone relativo in fattori ad ipertensione potrebbe contribuire al rischio del colpo, i ricercatori hanno detto.  In particolare, una rete di segnalazione conosciuta come il sistema dell'renina-angiotensina-aldosterone (RAAS) può pregiudicare avversamente l'endotelio.  Le Droghe che interferiscono con i RAAS, che includono gli stampi del ricevitore dell'angiotensina quali gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina e (ACE) candesartan, contribuiscono a ripristinare e mantenere la funzione endoteliale normale.