Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Selezione per i problemi dell'alcool in ospedali ha bisogno del miglioramento

Molta gente ammessa agli ospedali negli Stati Uniti ha disordini di uso dell'alcool che vanno inosservati, secondo un nuovo studio dagli scienziati all'Istituto Nazionale su Abuso di Alcool ed all'Alcolismo (NIAAA), uno degli Istituti della Sanità Nazionali (NIH). L'individuazione, pubblicata nell'emissione del 12 aprile 2004 degli Archivi di Medicina Interna, sottolinea una necessità di schermare i pazienti ricoverati per i problemi dell'alcool e di fare riferimento i pazienti per l'ulteriori valutazione, intervento e trattamento come stato necessario.

“Questo studio indica che stiamo mancando molte opportunità di identificare e curare le persone ospedalizzate che hanno problemi dell'alcool,„ ha detto Direttore il Tingere-Kai Li, M.D. di NIAAA “Ordinariamente schermando tutti i pazienti ricoverati che riferiscono l'uso che corrente dell'alcool potremmo aiutare molte persone a servirci delle terapie di uso improprio dell'alcool da cui potrebbero trarre giovamento.„

Le nuove configurazioni della ricerca su uno studio hanno concluso l'anno scorso dalla Barbara A. Smothers, Ph.D. di NIAAA e da Harold T. Yahr, Ph.D. In quello studio, i ricercatori hanno esaminato i dati da più di 2,000 persone che hanno partecipato allo Studio di Prevalenza dell'Ospedale del Cittadino 1994, che ha valutato i disordini di uso dell'alcool fra gli adulti ammessi ai policlinichi negli Stati Uniti. Sopra l'ammissione all'ospedale, i partecipanti Nazionali di Studio di Prevalenza dell'Ospedale hanno subito un'intervista diagnostica per identificare i disordini correnti di uso dell'alcool.

“Abbiamo stimato quell'quasi un quarto delle persone ospedalizzate che si sono identificate mentre i bevitori correnti dell'alcool hanno risposto ai criteri diagnostici standard per i disordini di uso dell'alcool,„ il Dott. spiegato Smothers. “Poi potevamo stimare che quasi 2 milione di persone ammessi ai policlinichi nei criteri stabiliti soddisfatti degli Stati Uniti nel 1994 per un alcool corrente usassero il disordine.

In questo studio, DRS. Soffoca e Yahr teamed con Constance E. Ruhl, M.D., Ph.D., dei Sistemi Sociali e Scientifici in Silver Spring, Maryland, per analizzare i dati record dell'ospedale per lo stesso campione delle ammissioni, questo volta stimare le tariffe di rilevazione di disordini di uso dell'alcool fra i pazienti di cui le interviste diagnostiche hanno indicato la presenza di disordini di uso dell'alcool.

“Abbiamo trovato che le diagnosi dell'alcool sono state riflesse nelle registrazioni dell'ospedale di meno che metà di coloro che ha provato un disordine di uso dell'alcool nella loro intervista,„ ha detto il Dott. Smothers. “Siamo interessati circa le tariffe basse di rilevazione, ma egualmente siamo interessati che soltanto la metà di quelle individuate ha avuta documentazione di intervento dell'alcool o del rinvio del trattamento.„

Il Dott. Soffoca ed i suoi colleghi notano negli ultimi anni quello, efficaci opzioni del trattamento per dipendenza dell'alcool sono stati espanti per includere i farmaci. Il consiglio del Medico ed altri brevi interventi egualmente hanno provato efficace per le persone nondependent che bevono ai livelli pericolosi.

I ricercatori concludono che “l'ospedalizzazione offre un'occasione eccellente dell'identificazione dei problemi dell'alcool fra i pazienti e del fornire loro i sistemi di riferimento di intervento o di trattamento dell'alcool come stati necessari.„ Aggiungono che schermare i pazienti per i problemi dell'alcool dovrebbe essere una parte sistematica del trattamento di ricovero ospedaliero e che gli sforzi concordati sono necessari nella formazione degli studenti di medicina e residenti e nella continuazione della formazione medica dei medici di pratica, per affrontare questo problema.

NIAAA e l'Amministrazione di Abuso di Sostanza e di Servizi Medico-sanitari di Salute mentale (SAMHSA), questa settimana hanno annunciato uno studio di collaborazione importante che studierà i modi schermare, identificare e curare i pazienti nei pronto soccorsi dell'ospedale per i problemi dell'alcool. Per più informazioni, vedi: http://www.niaaa.nih.gov/press/2004/NASD04-04.htm.