Prova più ben fondata eppure per il ruolo dei fattori genetici nella dipendenza di fumo

Nel primo studio per analizzare l'impatto dei fattori genetici sulle fasi multiple di tabacco utilizzi sia in uomini che le donne, un gruppo dei ricercatori dalla Virginia Commonwealth University ha trovato alcuno della prova più ben fondata eppure per il ruolo dei fattori genetici nel fumo.

Il gruppo pluridisciplinare, dal centro del Cancro del Massey di VCU e della psichiatria e della genetica umana di dipartimenti, ha analizzato i dati dalle interviste personali con 6.805 maschii ed i gemelli adulti femminili registrati con la registrazione gemellata medio-atlantica a VCU.  

Il gruppo ha trovato che la gente ha differito nel loro rischio per provare almeno una volta le sigarette. L'analisi ha indicato che 75 per cento di quelle differenze sono stati rappresentati dai fattori genetici.  Similmente, i fattori genetici hanno contribuito a 80 per cento del rischio che qualcuno sarebbe diventato un utente di tabacco regolare, che è stato definito come facendo uso di una media almeno di sette sigarette alla settimana per un minimo di quattro settimane e a 62 per cento del rischio che sarebbero diventato dipendenti sopra nicotina.

Lo studio, pubblicato presto online da medicina psicologica, non ha trovato differenza fra gli uomini e le donne nel ruolo dei fattori genetici nella responsabilità per provare a fumare, sta bene ad un utente regolare di tabacco o diventa dipendente a nicotina.

“Sebbene molta gente provi a fumare, è stato poco chiaro perché qualche gente diventa uso regolare del tabacco e poi sopra a dipendenza del nicotina,„ dice il Dott. Hermine H. Maes, l'assistente universitario della genetica umana, un ricercatore all'istituto di VCU della genetica psichiatrica e comportamentistica e autore principale sull'articolo. Lo studio sarà pubblicato alla fine di quest'anno in un'emissione della stampa di medicina psicologica.

“Gli studi differenti hanno implicato le componenti genetiche nell'inizio di fumo,„ ha detto Maes, che egualmente è un membro del programma di controllo del Cancro al centro del Cancro del Massey di VCU. “Ma ora anche possiamo quantificare i contributi dei fattori genetici come pure i contributi di tali fattori ambientali come altri che fumano a casa, specifici ad uso regolare del tabacco ed a dipendenza del nicotina.„

VCU è stato una guida ad esaminare le cause e l'impatto di uso del tabacco fra i bambini ed adulti con la ricerca all'istituto della Virginia per la genetica psichiatrica e comportamentistica e l'istituto per gli studi dell'alcool e della droga.

VCU è il coordinatore del progetto del tabacco della gioventù della Virginia, una coalizione delle università della Virginia prodotte dalle fondamenta di regolamento del tabacco della Virginia per studiare perché i giovani cominciano a fumare e perché alcuni diventano dipendenti a nicotina in prodotti del tabacco. Il gruppo, che egualmente include i ricercatori dall'università di Virginia, James Madison University, tecnologia della Virginia, l'istituto universitario di William e Maria e George Mason University, egualmente sta valutando che i programmi del anti-tabacco funzionano il più efficacemente. Il progetto è costituito un fondo per dalle fondamenta di regolamento del tabacco della Virginia, che sono state create nel 1999 tramite l'assemblea generale per distribuire la parte della moneta la Virginia riceveranno in 25 anni dai produttori del prodotto del tabacco in virtù di un accordo matrice nazionale di regolamento con 47 stati.

Questo studio è stato supportato dalle concessioni dagli istituti nazionali di salubrità, delle fondamenta di regolamento del tabacco della Virginia e del centro del Cancro di Massey.