Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Richieste del WHO per assistenza umanitaria del Sudan

L'atto Intensificato ed urgente è necessario nella Maggior Regione del Darfur di Sudan occidentale per indirizzare oggi una delle emergenze umanitarie più severe. Dato la situazione attuale, la crisi umanitaria durerà parecchi mesi.

Alcune delle sfide di salubrità:

  • I preventivi Correnti sono che più di 1,2 milione persone sono influenzate dal conflitto e fra loro più di 750.000 internamente sono spostati. La Gente sta riunendo intorno alle aree urbane che cerca la protezione, l'acqua, la protezione, il risanamento e la sanità - che sono insufficienti.
  • Gli Scoppi di morbillo, una malattia micidiale specialmente per i bambini, sono stati registrati e con l'inizio della stagione delle pioggie, gli scoppi di malaria e la diarrea acuta è una minaccia reale.
  • In uno le Persone Internamente Spostate Si Accampano, WHO hanno trovato un Tasso di Mortalità dei Bambini del Quotidiano di 6,7 x di 10,000 - molte volte la tariffa più superiore normale.
  • La Malnutrizione egualmente è stata registrata come problema severo, in un'area che è sopravvissuto a normalmente sull'agricoltura di sussistenza e sul branco nomade.
  • Con la segnalazione diffusa della violenza, le donne riproduttive e sessuali come pure la salute mentale è severamente al rischio.
  • Oltre a queste minacce e guerra-lesioni importanti, è termini comuni, facilmente evitabili e curabili, quali i diarrhoeas, respiratori, eye e pela le infezioni, che contribuiscono sproporzionatamente alla sofferenza della gente.

Sfondo Globale

  • La Maggior Regione del Darfur riguarda un quinto della superficie del Sudan. È un'area la dimensione della Francia, in cui circa 6,7 milione di persone (20% della popolazione del Sudan) vivono. Il Darfur è una regione difficile e sottosviluppata, dove i tassi di mortalità materni ed infantili sono il più alto nel Sudan. La gente del Darfur vive dell'agricoltura di sussistenza e di branco animale nomade.

  • Dall'inizio del 2003 il conflitto ha pregiudicato più di un milione di genti. da ora ad Aprile 2004 approssimativamente 750,000 persone internamente sono spostate e riunito intorno alle città in cui l'acqua è insufficiente, la protezione ed il risanamento sono rischiosi, i servizi sanitari sono a corto di personale e rifornimenti medici insufficienti per rispondere all'esigenza aumentata. Fuori delle città, soltanto le unità rade di salubrità possono provvedere ad una piccola proporzione dei bisogni. Le valutazioni condotte fra Ottobre 2003 e Marzo 2004 dal WHO con i partner hanno rivelato la copertura e la qualità cattive dei servizi sanitari resi alla gente, all'accesso difficile ai servizi sanitari ed ai servizi, agli alti livelli di malnutrizione ed ai rischi aumentati per gli scoppi di malattie infettive.

  • I Vincoli nella consegna del sollievo umanitario comprendono le capacità deboli dei servizi sanitari locali, il piccolo numero di applicare i partner e l'inaccessibilità di grandi parti della regione. Con la stagione delle pioggie che comincia in poche settimane, le agenzie ora devono aumentare la marcia la loro capacità operativa, di diminuire il rischio almeno di un milione di genti che soffrono - e di molte che muoiono - dai termini evitabili quale il morbillo, la malaria, la diarrea, le infezioni respiratorie e la malnutrizione in un clima di timore e della violenza.

Il WHO è ruolo

Il WHO è una parte integrante della risposta di ONU alla Maggior Crisi del Darfur: l'Organizzazione ha messo a disposizione un ufficiale di salute pubblica al gruppo di OCHA ed il personale pubblico spiegato di salubrità tre a sostegno dei hub di coordinamento stabiliti da OCHA in EL Fashir, Nyala e in Geneina (le capitali del Darfur Ad Ovest di Nord, di Sud e, rispettivamente). Il WHO egualmente sta rinforzando la sua presenza in Repubblica Del Chad per assistere UNCHR ed i partner di ONG nella risposta all'afflusso dei rifugiati del Darfur là.

In Generale, il WHO supporta le autorità, l'UNICEF, CICR e gli ONG nell'attenuazione dell'impatto del conflitto su salubrità della gente commovente con una risposta appropriata, tempestiva e coordinata a salubrità di base ha bisogno di vicino:

  1. Assicurandosi che i bisogni di salubrità della popolazione commovente continuamente siano valutati, affrontati e riflessi in un modo coordinato
  2. Rafforzamento controllo di malattie e della risposta comunicativi agli scoppi tramite una rete completa di sorveglianza e di capacità operativa
  3. Applicare le misure semplici e appropriate della salute ambientale.
  4. Collaborando con tutti i partner a migliorare l'accesso ai servizi primari di sanità di qualità per tutta la popolazione guerra-commovente
  5. Rinforzando il sistema di rinvio per cura di emergenza al livello secondario e terziario (lesioni di guerra, chirurgia e cura ostetrica di emergenza)

Supporto richiesto per la risposta di salubrità

Il WHO già sta usando le sue proprie risorse per applicare le attività che sono pertinenti a questi obiettivi. Ora l'Organizzazione ha bisogno del supporto erogatore supplementare di consolidarle ed espandere. Le esigenze del WHO di sei mesi (Aprile al Settembre 2004) una quantità di US$ che 5,4 milioni hanno fornito la situazione non peggiora.

Dai sui tre sotto-uffici situati nei hub umanitari di coordinamento del EL Fashir, il Nyala e di Geneina, WHO a) assicurerà che le necessità di salubrità siano accertate, riflesse e correttamente siano indirizzate, lavorando a b) diminuisce i rischi relativi alle malattie infettive, particolarmente degli scoppi, c) diminuisce i rischi dovuto il rifornimento idrico ed il risanamento difficile, c) diminuisce i rischi relativi ad accesso difficile a e la qualità scadente della sanità primaria e d) assicura che un sistema adeguato di rinvio esista per cura di livello secondario, particolarmente per le emergenze di salute riproduttiva ed i traumi fisici e psicologici.

Che Cosa il WHO farà con questi fondi?

  • Organizzi la formazione in loco agli amministratori dell'ospedale locale
  • Faccia la strumentazione disponibile ed impianti di ristrutturazione per l'ostetricia di emergenza, la pediatria e la chirurgia di trauma.
  • Fornisca i reagenti e le offerte per rinforzare la selezione di sangue per il HIV, l'epatite e la sifilide in ospedali
  • Fornisca un'nuova ambulanza per ogni ospedale rurale (otto ambulanze)
  • Riguardi i costi del rendimento e/o della distribuzione di nuovo personale nazionale supplementare
  • Contribuisca ai costi di esercizio, l'alimentazione dei ricoverati, supporto dei co-pazienti (per esempio accompagnando le madri).

Che Cosa sono le priorità?

  • L'Acqua ed il risanamento di base in particolare nel IDPs si accampa
  • Consegna e fornitura dei servizi primari di sanità
  • Istituzione e ripristino dei servizi sanitari nelle località e nelle regioni isolate
  • Disposizione dei rifornimenti medici e delle attrezzature ai livelli primari, secondari e terziari
  • Disposizione di immunizzazione con l'enfasi sul morbillo e sulla meningite nelle campagne bene organizzate
  • Affrontando i problemi di malnutrizione e le misure di sicurezza dell'alimento essere catturato urgentemente.

stati di salute di Pre-Conflitto nel Darfur

  • I termini Comuni, facilmente evitabili e curabili, quali i diarrhoeas, respiratori, eye e pelano le infezioni, contribuiscono sproporzionatamente alla sofferenza della gente. I servizi di distribuzione Locali di salubrità sono deboli e sotto pressione tremenda. Fuori delle città, soltanto alcune unità di salubrità riguardano l'area scarsamente popolata.

  • C'è una scarsità acuta nei servizi sanitari, nei personali medico-sanitari e nei servizi complementari nei tre stati; Gli Ospedali ed i centri sanitari sono concentrati nelle capitali del Darfur. Per esempio, nei Darfur 42% e 56% dell'ospedale e centri sanitari Del Nord (HC) sono situati in Elfashir. Il numero degli ospedali è come segue: 12 nel Nord, 4 nell'ovest e 10 nel sud. I servizi complementari quali le banche del sangue, le attrezzature diagnostiche avanzate, ultra il suono ed i laboratori sono soltanto disponibili nelle capitali. La penuria di salubrità ha formato il personale a tutti i livelli e le specialità è ancora peggiori;  In Eljeneina, è creduto che soltanto 60 su 176 dispensari quotati nello Stato realmente stessero funzionando, soltanto nove HC su 11 (e cinque di loro nella Capitale) e soltanto tre ospedali su sette.

  • La Malaria, la polmonite e la diarrea sono le malattie principali che piombo al ricovero ospedaliero come pure alla malnutrizione. Le altre malattie principali sono infezioni respiratorie, dissenteria amebica e la bronchite;

  • Il Tasso di mortalità materna nel Darfur è 524 per 100 000 nascite, mortalità infantile è molto alto; 116-1000 per i maschi e 96/1000 per le femmine confrontate alla media nazionale di 68/1000;

  • L'Acqua è insufficiente nei tre stati e le malattie derivando dal risanamento e dalla mancanza di base bassi di acqua sono responsabili di molte malattie principali.