Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La creatina di supplemento del muscolo è sicura, ma non efficace, nella malattia neuromuscolare pediatrica

La creatina di supplemento del muscolo può essere catturata sicuro dai bambini con le malattie neuromuscolari, ma non migliora la concentrazione o la massa del muscolo, secondo la ricerca che sarà presentata all'Accademia Americana della Riunione Annuale della Neurologia cinquantaseiesima a San Francisco, California, Il 24 aprile - 1° maggio 2004.

La Creatina memorizza l'energia all'interno dei muscoli ed i supplementi della creatina sono un sostegno degli atleti ad alto rendimento ed altri che provano a migliorare l'output del muscolo. “I Pazienti con i disordini neuromuscolari sono stati trovati per avere concentrazioni diminuite di fosfocreatina, che è un indicatore per creatina totale,„ secondo lo studio l'autore Jonathan Strober, MD. Strober è Direttore del Programma Neuromuscolare Pediatrico all'Università di California San Francisco.

I Risultati degli studi precedenti sul completamento della creatina nelle malattie neuromuscolari sono stati misti. Alcuni hanno indicato il vantaggio delicato mentre altri non ne hanno indicato. Due rapporti hanno indicato un peggioramento della disfunzione preesistente del rene, ma altri non hanno indicato effetti secondari significativi.

A causa della carenza riconosciuta della fosfocreatina e perché è pensato che i bambini con le malattie neuromuscolari potessero trarre giovamento da maggior robustezza, Strober ha verificato la sicurezza del completamento della creatina in cinque bambini con i disordini neuromuscolari: due ragazzi con la Distrofia muscolare di Duchenne (DMD), due ragazze con la distrofia muscolare della arto-cintura (LGMD) ed una ragazza con polineuropatia demyelinating infiammatoria cronica (CIDP). Tutte E tre le circostanze sono caratterizzate dalla debolezza di muscolo. Tutti I pazienti erano fra sei e 10 anni.

I pazienti hanno catturato una dose iniziale iniziale di 25 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo del monoidrato della creatina, quattro volte al giorno. Dopo i cinque giorni, hanno tagliato di nuovo a 50 milligrammi per chilogrammo per i 30 giorni prossimi. Queste dosi sono circa le decime delle dosi utilizzate dagli atleti adulti ad alto rendimento nell'addestramento. Strober ha verificato la sicurezza del completamento della creatina con vario sangue e degli esami delle urine, data prima, durante e i 30 giorni dopo il completamento. La Concentrazione e la funzione di motore egualmente sono state riflesse in tutto lo studio.

Tutti E cinque i bambini hanno terminato lo studio senza effetti secondari significativi, indicanti che il completamento della creatina sembra essere sicura in questa popolazione. Tuttavia, la creatina non ha migliorato la concentrazione, la massa del muscolo, o la funzione di motore per c'è ne dei bambini. L'un paziente con CIDP ha avuto un aumento nell'estensione del cinorrodo (intervallo di moto) che è durato in tutto lo studio, ma tre dei pazienti di distrofia muscolare avevano fatto diminuire l'intervallo di moto durante lo stesso periodo.

“Mentre il monoidrato della creatina sembra essere sicuro in bambini con i disordini neuromuscolari, i dati preliminari non suggeriscono vantaggi a breve termine nella massa del muscolo, funzione di motore lorda, o concentrazione,„ ha detto Strober.

L'Accademia Americana della Neurologia, un'associazione di più di 18.000 neurologi ed i professionisti della neuroscienza, è dedicata a migliorare la cura paziente con formazione e la ricerca. Un neurologo è un medico con addestramento specializzato nei disordini di diagnostica, di trattamento e di gestione del cervello e del sistema nervoso quali il colpo, il Morbo di Alzheimer, l'epilessia, la Malattia del Parkinson, l'autismo e la sclerosi a placche.

Per ulteriori informazioni sull'Accademia Americana della Neurologia, visualizzi il suo sito Web a http://www.aan.com/press/.