Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le donne che hanno emicranie con alone avere più di 50 per cento hanno aumentato il rischio di colpo totale e di 70 per cento di aumento del colpo ischemico

Donne che hanno emicranie con alone avere più di 50 per cento hanno aumentato il rischio di colpo totale e di 70 per cento di aumento del colpo ischemico confrontato a quelli senza emicranie, secondo ricerca che sarà presentata all'accademia americana della riunione annuale della neurologia cinquantaseiesima a San Francisco, California, il 24 aprile - 1° maggio 2004. In uno studio relativo, lo stesso gruppo di ricercatori ha trovato che un rischio elevato per il colpo ischemico in donne con alto colesterolo totale ed in due ha collegato le misure dei lipidi di sangue.

Emicrania
I risultati di emicrania egualmente hanno indicato che non c'era rischio aumentato di colpo connesso con l'emicrania e le emicranie globali senza emicrania di non emicrania o di alone, secondo lo studio l'autore Tobias Kurth, il MD, ScD del cavo della divisione di medicina preventiva a Brigham ed all'ospedale delle donne alla facoltà di medicina di Harvard.

Gli studi retrospettivi precedenti hanno fornito i risultati misti sull'effetto dell'emicrania e sull'emicrania sul rischio per il colpo.

Per guadagnare ulteriore comprensione in questo problema, il Dott. Kurth ed i colleghi hanno eseguito un'analisi futura di quasi 40.000 donne iscritte allo studio della salubrità delle donne, una prova in corso esaminanti gli effetti dell'aspirina e della vitamina E sulla malattia cardiovascolare e sul cancro.

Durante la media di 9 anni di seguito, le donne che hanno avute emicrania con alone hanno avute un rischio aumentato 50 per cento per il colpo totale e i 70 per cento hanno aumentato il rischio per il colpo ischemico, confrontato alle donne senza emicrania. Il rischio era più alto in donne al di sotto di 55 anni. Non c'era rischio aumentato per le donne che hanno avute emicrania senza alone, o l'emicrania di non emicrania.

L'alone è un fenomeno sensitivo che può precedere l'inizio dell'emicrania. Il colpo ischemico è dovuto perdita di offerta di sangue alla parte del cervello. Entrambe sono circostanze neurovascular, ma il meccanismo da cui l'alone potrebbe influenzare il colpo ischemico non è ancora risolto.

Colesterolo
“Contrariamente all'associazione stabilita fra i livelli di lipidi e la coronaropatia, gli studi epidemiologici non hanno stabilito chiaramente i livelli di lipidi come fattori di rischio per i colpi ischemici,„ ha detto Kurth. Il suo gruppo ha esaminato questo problema in quasi 28.000 donne che hanno fornito i campioni di sangue nello studio della salubrità delle donne.

Dopo nove anni di seguito, le donne con colesterolo totale superiore a 240 milligrammi/decilitro hanno avute un rischio aumentato 47 per cento per il colpo ischemico confrontato alle donne di cui il colesterolo era più basso di 200 mg/dL. Il rischio del colpo era quasi due volte alto per le donne con i livelli del trigliceride superiore a 200 mg/dL confrontati a quelli ai livelli inferiore a 150 mg/dL. Il rischio aumentato egualmente è stato associato con un rapporto elevato di colesterolo totale: colesterolo della lipoproteina ad alta densità (HDL), o HDL in diminuzione.

Gli studi precedenti hanno suggerito un rischio aumentato di colpo ischemico negli uomini con un alto colesterolo totale: Il rapporto di HDL e questo studio estende questi risultati alle donne. Il colpo è la terza causa della morte principale negli Stati Uniti, rappresentanti più di 150.000 morti all'anno.

L'accademia americana della neurologia, un'associazione di più di 18.000 neurologi ed i professionisti della neuroscienza, è dedicata a migliorare la cura paziente con formazione e la ricerca. Un neurologo è un medico con addestramento specializzato nei disordini di diagnostica, di trattamento e di gestione del cervello e del sistema nervoso quali il colpo, il morbo di Alzheimer, l'epilessia, la malattia del Parkinson, l'autismo e la sclerosi a placche.

Per ulteriori informazioni sull'accademia americana della neurologia, visualizzi il suo sito Web a http://www.aan.com/press/.