Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Due scoppi in esseri umani del virus micidiale di Nipah nel Bangladesh riferito

Il Consorzio della Fiducia della Fauna Selvatica per la Medicina di Conservazione riferisce che l'Organizzazione mondiale della sanità (WHO) ora ha confermato due scoppi recenti in esseri umani del virus micidiale di Nipah nel Bangladesh. Il Consorzio sta ricercando le origini del virus di Nipah nell'ambito di una concessione dagli Istituti della Sanità Nazionali.

Precedentemente, il virus di Nipah è stato confermato soltanto in Malesia, in cui uno scoppio 1999 ha ucciso un 40% allarmante di quelli infettato.

Il WHO riferisce nel febbraio 2004 quello, uno scoppio di diffusione del virus di Nipah attraverso sei distretti del Bangladesh e sostenuti 17 morti su 23 casi - un tasso di mortalità di 74%. Un secondo scoppio nel distretto di Faridpur ha ucciso il 19 aprile 18 dei casi di un totale 30 - un tasso di mortalità di 60% -th. I segni Comuni dell'infezione comprendono i sintomi del tipo di influenza (febbre, emicrania, vomitanti), gli attacchi, la perdita di coscienza ed il coma.

Presidente il Dott. Maria Pearl della Fiducia della Fauna Selvatica dichiara, “La ricomparsa del SAR in Cina e l'identificazione del virus di Nipah nel Bangladesh, seguente la sua emergenza in Malesia, sono avvisi seri. Lo stato corrente di comprensione degli agenti letali di malattia che si muovono dalle specie una verso un altro e poi agli esseri umani nei paesaggi ammucchiati è doloroso insufficiente. La Gente deve riconoscere che l'emergenza di malattia è ancora un altra conseguenza potenziale delle rotture di ecosistema.„

In Malesia, lo scoppio 1999 è stato attribuito ai pipistrelli di frutta che trovano le nuove sorgenti di alimento in alberi da frutto piantati su una di più grandi aziende agricole di maiale della Malesia. I maiali molto probabilmente sono stato infettati mangiando la frutta infettata caduta nelle stalle del maiale dai pipistrelli dagli alberi sporgentesi ed allora passata all'infezione sopra agli esseri umani.

Questo anno nel Bangladesh, i pipistrelli di frutta giganti egualmente sono sospettati per essere il bacino idrico per il virus di Nipah. (In Australia, sono sospettati per essere il bacino idrico di un virus relativo, virus di Hendra. Sia i virus di Nipah che di Hendra sono stati classificati all'interno di nuovo genere “Henipavirus„.)

Gli scoppi nel Bangladesh sembrano essere differenti da quelli in Malesia perché nessun host animale intermedio (cioè, maiali) ancora è stato identificato. Lo scoppio corrente comprende una serie di minorenne 19 delle vittime. È stato notato che i giovani ragazzi hanno raccolto e mangiato la frutta negli alberi prima dell'alba. Questa osservazione ha provocato l'ipotesi che l'infezione potrebbe accadere dal cibo della stessa frutta che i pipistrelli di frutta si sono alimentati durante la notte. Ulteriormente, molti dei casi nel Bangladesh si sono presentati all'interno delle famiglie - con le vittime che non hanno contatto diretto con gli animali o i pipistrelli. La trasmissione Da uomo a uomo, che non ha svolto un ruolo significativo nello scoppio Malese, potrebbe quindi essere possibile nel Bangladesh - in grado di piombo ad un maggior numero dei casi.

I Dettagli degli scoppi del Bangladesh sono stati riferiti in WHO è Settimanalmente Registrazione Epidemiologica Del 23 aprilerd e possono essere trovati a: http://www.who.int/wer/2004/wer7917/en/.