Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Morfina non allevia il dolore acuto in neonati prematuri

I neonati Prematuri subiscono molte procedure dolorose come componente della loro cura standard nell'Unità di Cure Intensive Neonatale (NICU). I bambini Prematuri possono avvertire il dolore ed effettivamente sono altamente sensibili a. Di Conseguenza, c'è un bisogno urgente di trovare i trattamenti sicuri ed efficaci per alleviare il dolore in questi infanti. Le perizie Recenti hanno raccomandato l'uso delle infusioni continue della morfina per analgesia in corso durante la cura sistematica di NICU e delle procedure dilaganti in neonati prematuri arieggiati, malgrado i dati e la prova contraddittoria limitata sulla loro efficacia durante le procedure dilaganti sistematiche o la loro sicurezza in questa popolazione.

Questo studio, che ha studiato l'efficacia analgesica di morfina endovenosa da su dolore acuto indotto da bastone del tallone in neonati prematuri, è stato intercalato all'interno di un futuro, ripartito le probabilità su, prova alla cieca, lo studio multicentrico, alla la prova controllata a placebo (la Prova di NEOPAIN). I Neonati sopportati alla gestazione di 23 - 32 settimane sono stati iscritti dal NICU di un ospedale per esaminare l'efficacia analgesica di morfina per il dolore acuto suscitato dai bastoni del tallone. I neonati prematuri Arieggiati sono stati ripartiti con scelta casuale a morfina (dose iniziale 100 mcg/kg, seguita dalle infusioni di 10 - 30 mcg/kg/h secondo gestazione, N=21) o ai gruppi del placebo (infusioni del destrosio di 5%, N=21). le risposte In relazione con il dolore a 3 heelsticks sono state valutate: Heelstick T1 prima della dose iniziale, heelstick del T2 a 2 - 3 ore dopo la dose iniziale e heelstick T3 a 20 - 28 ore dopo la dose iniziale. Il dolore del bastone del Tallone è stato valutato con due strumenti convalidati di misura di dolore: il disgaggio di DAN (disgaggio di dolore comportamentistico) ed il punteggio di PIPP (disgaggio di dolore multidimensionale); i livelli della morfina del plasma sono stati misurati al T3.

Gli Infanti nei gruppi della morfina e del placebo hanno avuti le simili età gestazionali e pesi alla nascita. Riguardo alla valutazione di dolore, nessuna differenza si è presentata ai bastoni del T1, del T2 e del tallone T3 nei punteggi di DAN confrontati fra il placebo ed i gruppi della morfina o nei punteggi di PIPP confrontati fra i due punti dei gruppi allo stesso tempo. All'interno dei confronti di gruppo non indicati cambiamenti significativi nel disgaggio di DAN o i punteggi di PIPP all'interno dei gruppi della morfina o del placebo, sebbene una tendenza verso i punteggi più bassi di PIPP si presenti fra il T1 ed il T3 nel gruppo della morfina. Non c'era correlazione fra i livelli della morfina del plasma ed i punteggi di dolore.

Questo studio ha indicato che l'amministrazione di morfina endovenosa come dose iniziale seguita da un'infusione continua non allevia dal il dolore indotto da bastone del tallone in neonati prematuri arieggiati. Ciò che trova è inquietante perché la morfina è utilizzata ampiamente per analgesia in corso durante la cura sistematica di NICU e le procedure in neonati prematuri arieggiati. In neonati criticamente malati, malgrado l'efficacia di morfina per diminuire dal il dolore prolungato o indotto da chirurgia, tuttavia, il suo effetto analgesico sul dolore acuto causato dalle procedure dilaganti rimane poco chiaro. Sebbene i dati iniziali siano a favore di un effetto analgesico di morfina per dolore procedurale in neonati prematuri, la prova recente sembra confutare l'efficacia di morfina durante il dolore acuto in neonati prematuri. Le spiegazioni Possibili per la mancanza di effetto analgesico di morfina in neonati prematuri possono comprendere l'immaturità dei ricevitori dell'opioide (concentrazioni nel ricevitore e/o affinità in diminuzione del ricevitore), una produzione in diminuzione dei metaboliti attivi, o disgiungere dei ricevitori dell'opioide dai segnali intracellulari.

Gli autori concludono che la morfina non fornisce l'analgesia adeguata per dolore acuto in neonati prematuri arieggiati, causata dalle procedure dilaganti quale il tallone attacca e che l'amministrazione di morfina continua ai neonati prematuri non elimina l'esigenza di altri approcci analgesici (per esempio saccarosio) che sono efficaci contro dolore procedurale acuto.

Ringraziamenti: Questo studio è stato supportato dai fondi di concessione dal Fondation versa la La Santé CNP, Francia (a R. Carbajal ed a R. Lenclen) e l'Istituto Nazionale per la Salute dei bambini e lo Sviluppo Umano (HD36484 a K.J.S. Anand, HD36270 a B.A. Barton). Gli autori riconoscente riconoscono i contributi dei medici, gli infermieri, i farmacisti, i ultrasonographers, i terapisti professionali e fisici alle istituzioni partecipanti ed i genitori che hanno dato il consenso per questo studio.

Autore Corrispondente: Ricardo Carbajal. La Douleur del contre di National de Ressources de Lutte del Centro. Corredo di Armand dei d'enfants di Hôpital. 26, avoirdupois du Dott. Netter. 75012 Parigi FRANCIA