Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

CT-Scansioni di uso dei radiologi per iniettare terapia genica nei tumori

Facendo uso delle immagini di CT-scansione dirigere le iniezioni di terapia genica direttamente nel tumore offre un metodo sicuro della consegna per la cura dei pazienti con il cancro metastatico del rene, riferisce i radiologi del UCLA nell'emissione di maggio della radiologia. I loro risultati potrebbero migliorare il trattamento della malattia, che resiste alla chemioterapia endovenosa tradizionale in 85 per cento dei casi.

La terapia genica permette a medici di introdurre il materiale genetico direttamente nelle celle per combattere la malattia. In questo studio, i radiologi del UCLA hanno posizionato i malati di cancro in scanner di CT prima dell'iniezione dei geni terapeutici nei loro tumori.

“La terapia genica offre la grande promessa per gestire determinati tipi di cancri,„ ha detto il Dott. Robert Suh, professore clinico di aiuto della radiologia e Direttore dei servizi interventional toracici alla scuola di medicina di David Geffen al UCLA. “Ma la nostra sfida era di consegnare i geni terapeutici direttamente nei tumori in tessuto delicato come il polmone, che è perforato facilmente.

“Lo CT-scanner ha fornito un'immagine visiva dettagliata che ci ha permesso di individuare precisamente il tumore dentro l'organismo e di segnare sicuro il sito iniezione con esattezza,„ ha detto Suh, un membro del centro del Cancro del Jonsson del UCLA.

Il cancro metastatico del rene è testardo resistente alla chemioterapia. Il solo trattamento approvato dalla FDA, l'interleuchina 2 recombinante (IL-2), produce un tasso di risposta di 15 per cento una volta dato per via endovenosa. Gli effetti secondari seri e spesso pericolosi limitano IL-2 da ampio uso.

Gli scienziati hanno sviluppato parecchi agenti di terapia genica - che contano sulle iniezioni dirette invece dell'infusione endovenosa - per migliorare l'efficacia di IL-2 e per minimizzare i sui effetti secondari.

Per la prima volta, i ricercatori del UCLA hanno studiato se le immagini da uno CT-scanner hanno migliorato la loro capacità di posizionare sicuro un ago di stampa sia nei siti bassi che profondi del tumore per iniettare un gene che codifica per IL-2.

“Riflettere le immagini di CT-scansione ci ha permesso di mirare precisamente al tumore,„ Suh ha detto. “Ha eliminato tutta la congettura circa dove inclinare il ago di stampa e come profondamente iniettare la terapia.„

Il gruppo del UCLA ha realizzato 284 iniezioni CT-guida su 29 pazienti con il cancro metastatico del rene. I pazienti hanno ricevuto fino a tre cicli di sei settimane delle iniezioni. In ogni caso, i ricercatori hanno iniettato con successo l'agente terapeutico nel tumore.

Nessuno dei pazienti hanno avvertito gli effetti secondari seri. Le complicazioni secondarie si sono presentate in 14,8 per cento delle iniezioni. La complicazione più comune era raccolta dell'aria nel torace - per cui grenaggio richiesto paziente.

I pazienti hanno ricevuto ogni volta l'anestesia locale intorno al sito iniezione ed hanno tollerato la procedura settimanale bene, Suh ha detto. La tariffa di complicazione non è aumentato con il numero delle iniezioni.

“I nostri risultati convalidano che l'iniezione CT-guida dei geni terapeutici è sicura e fattibile,„ Suh hanno detto.

La ditta di biotecnologia Vical ha costituito un fondo per lo studio. Il UCLA di Suh co-authors il Dott. incluso Jonathan Goldin, il Dott. Amanda Wallace, il Dott. Ramon Sheehan ed il Dott. Stefan Heinze come pure il Dott. Barbara Gitlitz dei membri del centro del Cancro del Jonsson del UCLA ed il Dott. Robert Figlin.