Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Proteina nel tratto riproduttivo maschio è un agente antibatterico potente

Gli Scienziati all'Università di North Carolina a Chapel Hill hanno trovato che una proteina hanno scoperto che tre anni fa nel tratto riproduttivo maschio è un agente antibatterico potente.

Oltre a proteggere il maschio contro i batteri d'invasione, la proteina può aiutare la fertilizzazione che proteggendo lo sperma dagli organismi nocivi incontrati nel tratto riproduttivo femminile.

Un rapporto dello studio, ora online, sarà pubblicato nell'emissione di Luglio dell'Endocrinologia del giornale.

DEFB118 Designato, la proteina è trovato nell'epididimo, una condotta arrotolata tramite cui passaggio dello sperma dopo avere lasciato il testicolo. Durante il passaggio tramite l'epididimo, lo sperma diventa maturo ed acquista il movimento progressivo ed abilità di fertilizzazione.

DEFB118 può essere importante nel sistema immunitario innato, ha detto il Dott. Susan H. Corridoio, professore associato della pediatria nel Banco di UNC dei Laboratori della Medicina per Biologia Riproduttiva.

“Gli Anticorpi per la protezione non possono essere presente quando un agente patogeno entra, in modo da abbiamo bisogno di un sistema di difesa innato, qualcosa destra là e ready per andare,„ Corridoio ha aggiunto.

Un'ampia varietà di proteine antimicrobiche nelle classi differenti è stata identificata in specie diverse quanto gli insetti e gli esseri umani. Le proteine antibiotiche più abbondanti in esseri umani sono i defensins.

“Questo studio dimostra che la proteina che dell'sperma-associazione abbiamo scoperto è un defensin attivo, un che ha attività antibatterica potente,„ Corridoio ha detto.

In esseri umani, i defensins sono prodotti nell'interfaccia, negli occhi, nella punta, nelle orecchie, nella bocca, nell'apparato digerente, nei polmoni e nel tratto riproduttivo.

“Quando un agente patogeno prova ad entrare nei nostri organismi, i defensins sono pronti ed aspettando là per ucciderli,„ Corridoio ha detto. “E se i defensins sono sopraffatti, quindi altri meccanismi protettivi compreso gli anticorpi sono chiamati dentro per rifinire il processo.„

Il laboratorio di Corridoio in primo luogo ha riferito il nuovo defensin dell'sperma-associazione, identificato dal dottorando Liu Qiang, nel 2001. La proteina può essere uno vasto-spettro antimicrobico che attacca e distrugge vari batteri, ha detto il Dott. Suresh Yenuga, l'autore principale del ricercatore postdottorale di UNC del nuovo rapporto.

“Questa proteina uccide i batteri interrompendo il loro esterno e membrane cellulari interne, con conseguente versione dei contenuti cella,„ ha detto. “Nel trattamento dell'Escherichia coli con differenti concentrazioni di DEFB118 per i periodi di tempo differenti, abbiamo trovato che uccide i batteri in 15 minuti. La Sua attività antibatterica è dose, del tempo e struttura-dipendente.„

Il co-author di Studio ed il Dott. Yashwanth Radhakrishnan del ricercatore postdottorale di UNC sta esplorando il significato evolutivo dei geni di defensin, come si sono evoluti nel genoma umano. Le Numerose proteine simili negli attributi chiave esistono in speci di mammiferi differenti, ha detto.

“Già abbiamo trovato gli omologhi in scimmie, in mouse ed in ratto. Il cluster dei geni che stiamo studiando ha 100 milione anni,„ ha detto. “Hanno le funzioni multiple o la stessa funzione? Sono ci differenze nei loro meccanismi di atto? Attraverso le specie, ancora non abbiamo dati sulla funzione, o su che specie di batteri o di virus uccidono. Speriamo di trovare alcune risposte.„

I Laboratori per Biologia Riproduttiva, stabiliti più di 30 anni fa, comprende la facoltà nei dipartimenti della biochimica e la biofisica, cella e biologia dello sviluppo, la genetica, cella e la fisiologia, l'ostetricia e ginecologia e la pediatria molecolari. Il LRB promuove la comprensione delle funzioni riproduttive normali ed anormali per scoprire i nuovi metodi di trattamento della sterilità e per mettere a punto i nuovi metodi di controllo di fertilità.

La ricerca di LRB è supportata dalle concessioni dall'Istituto Nazionale della Salute dei bambini e dello Sviluppo Umano, dal Centro Internazionale di NIH Fogarty, dal Programma Contraccettivo di Ricerca e sviluppo, dal Andrew W. Mellon Foundation e dal Programma Cooperativo Specializzato dei Centri nella Ricerca della Riproduzione al NIH.

Per osservare un'immagine dell'effetto della proteina sui batteri, clicchi sopra http://www.unc.edu/news/newsserv/archives/may04/lrb050504.html