Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Combattimento Grasso insidiato vicino sopra lo stimolatore cardiaco attivo di cibo

I Ricercatori all'Università di Warwick per la prima volta hanno potuti dettagliare come e perché i neuroni specifici nel cervello gestiscono la risposta di fame. Hanno rivelato un insieme delle cellule nervose dello stimolatore cardiaco nel cervello che sembrano essere alla base dell'unità per alimentare che stessa si alimenta ad un Web complesso dei segnali. Il livello di complessità che hanno trovato è tale che il sistema potrebbe essere molto più a rischio delle ripercussioni serie da un singolo errore in come quei segnali sono elaborati che chiunque precedentemente aveva pensato. Qualsiasi numero un intervallo degli errori potrebbe piombo ad attività eccessiva di queste celle di stimolatore cardiaco e spiegare perché molta gente trova la difficoltà nel cibo del di meno.

Nella ricerca, pubblicata nell'Emissione di Maggio della Neuroscienza della Natura, il Dott. David Spanswick ed il suo gruppo di ricerca nell'Università di Dipartimento di Warwick delle Scienze Biologiche, esaminato una parte del cervello hanno chiamato il nucleo arcuato ipotalamico che è stato conosciuto per occuparsi dei segnali di sazietà e di fame ma come raggiunge questo è capito male. Il gruppo dell'Università di Warwick ha identificato i neuroni molto specifici che fungono da “stimolatore cardiaci„ alimentanti.

Questo gruppo specifico di neuroni che hanno definito “i burst regolari dei prodotti dello stimolatore cardiaco dell'ARCO„ di attività elettrica. Comunque queste celle integrano ed elaborano un'ampia varietà di segnali che indicano i bisogni energetici dei segnali dell'organismo trasmessi il più spesso mediante l'uso dei messaggeri chimici quali gli ormoni come il ghrelin, rilasciato dall'intestino e dalla leptina dalle celle grasse. La combinazione di questi segnali e di loro integrazione dallo stimolatore cardiaco dell'ARCO è un meccanismo con precisione saldato che un'piccolo errore o mutazione che piombo a tutta la comunicazione inadeguata in queste vie potrebbe produrre un'influenza spiacevole significativa sui reticoli mangianti o alimentanti dell'essere umano.

Il numero alto dei modi potenziali che questo stimolatore cardiaco delicato equilibrato di fame può andare male potrebbe spiegare perché molta gente di peso eccessivo non può affrontare i loro problemi del peso tramite una combinazione di dieta e di esercizio. Nella gente passata con un problema del peso hanno affrontato lo scetticismo ed i dubbi quanto a quanto realmente stavano provando duro ad attaccare per essere a dieta ed esercitare i regimi. Questa ricerca indica che ci possono effettivamente essere molto buoni motivi perché sembrano incapaci di risolvere semplicemente i loro problemi del peso impiegando i metodi usuali, - mangiare di meno può essere un problema più difficile e più complicato che corrente anticipiamo.

testo integrale della pubblicazione su Neuroscienza della Natura: sito Web

Per ulteriori informazioni contatto:

Dott. David Spanswick
Reparto delle Scienze Biologiche
Università di Warwick
Telefono: 024 76 574182
[email protected]