Araldo di Nanobodies un la nuova era nella terapia del cancro

Il Cancro, con cuore e la malattia vascolare, è la causa della morte principale nel mondo Occidentale. La prima generazione delle droghe anticancro già ha salvato molte vite, ma perché queste medicine sono non specifiche egualmente hanno spesso effetti secondari severi.

I Ricercatori a VIB (l'Istituto Inter-universitario delle Fiandre per Biotecnologia) ora stanno sviluppando − dei nanobodies del `' una nuova generazione di droghe che consistono di anticorpi estremamente piccoli che mirano alle celle del tumore molto specificamente.

La vasta maggioranza delle medicine correnti per il trattamento del − dei tumori il cosiddetto − di chemioterapia è raramente specifica. Effettivamente, perché un trattamento di chemioterapia è non solo tossico alle cellule tumorali ma alle celle normali dell'organismo pure, i pazienti avvertono spesso gli effetti secondari severi. Il gruppo di ricerca di VIB sotto la direzione di Hilde Revets e Patrick De Baetselier (Dipartimento delle Interazioni Molecolari e Cellulari, Università Libera di Bruxelles) sta cercando con successo il − del − le nuove, terapie specifiche e efficaci del cancro.

Per parecchi anni ora, la strategia principale nel trattamento di cancro è stata basata sulla produzione degli anticorpi, che sono sostanze protettive prodotte nell'organismo per difendere contro il − introducente indebitamente dei corpi estranei che ci protegge dalle infezioni in seguito ai batteri ed ai virus. Gli Anticorpi possono anche reagire con le sostanze tumore-specifiche che compaiono soltanto sulla membrana di cellula tumorale. Questi anticorpi ingegnosi cercano e legano molto specificamente alle cellule tumorali. Di conseguenza, il tumore è rimosso in un modo altamente mirato a e specifico. Dal momento che, dieci tali medicine sono a disposizione dei pazienti. Ma anche se queste medicine dell'anticorpo sono un buon punto nella giusta direzione, c'è chiaramente stanza per miglioramento. Gli anticorpi che stanno usandi sono grandi proteine che hanno tumori penetranti della difficoltà. Inoltre, la loro struttura complessa rende la produzione su grande scala molto difficile e costosa.

Per fare fronte a questi problemi, i ricercatori di VIB stanno usando gli anticorpi del cammello. Estremamente piccolo confrontato agli anticorpi convenzionali, questa classe unica di anticorpi è stato rinominato nanobodies del `'. Presentare tutti i vantaggi degli anticorpi convenzionali, nanobodies egualmente ha parecchie caratteristiche più importanti: sono piccole e tengono il loro carattere tumore-specifico. Allo stesso tempo, sono proteine molto stabili e solubili che sono molto più facili e meno costose da produrre che gli anticorpi convenzionali. Così, i ricercatori recentemente hanno cominciato a valutare i nanobodies come medicine anticancro. I primi risultati sembrano promettenti: negli esperimenti eseguiti sui mouse, un tumore con una determinata proteina sulla sua membrana è stato neutralizzato con successo attraverso l'amministrazione di un nanobody diretto contro questa proteina.

Per tradurre questi risultati in domanda possibile di esseri umani, VIB sta collaborando con Ablynx, una società istituita da VIB e da GIMV nel 2001 allo scopo di commercializzare la tecnologia nanobody. Oggi, Ablynx già ha sviluppato i nanobodies contro 16 obiettivi terapeutici differenti che rappresentano una vasta gamma di malattie in esseri umani. Due di questi nanobodies sono nella fase preclinica e, secondo la pianificazione, saranno pronti ad essere provato clinicamente l'anno prossimo. Questi risultati recenti sono un nuovo punto verso lo sviluppo delle medicine basate sui nanobodies. Oltre a cancro, l'altro − pericoloso di malattie quali determinate malattie infiammatorie, o il − e del cuore di malattie vascolari sono possibilmente ammissibili per un trattamento medico con i nanobodies.

VIB, l'Istituto Inter-universitario delle Fiandre per Biotecnologia, è un istituto di ricerca in cui 800 scienziati conducono la ricerca tecnologica del gene in una serie di domini di vita scienza, quale biologia di sistemi umana dell'impianto e di sanità. Con una società a capitale misto con quattro università Fiamminghe (Università di Gand, l'Università Cattolica di Lovanio, l'Università di Anversa e l'Università Libera da Bruxelles) e un programma solido di finanziamento per ricerca di base strategica, VIB unisce le forze di nove dipartimenti di scienza dell'università in un singolo istituto. Via le sue attività di trasferimento di tecnologia, VIB si sforza di convertire i risultati della ricerca in prodotti a favore del consumatore e del paziente. VIB egualmente distribuisce le informazioni scientifico confermate su tutti gli aspetti di biotecnologia ad un vasto pubblico.

Per più informazioni, contatti prego il Dipartimento di Comunicazione di VIB, (Ann Van Gysel e Sooike si Abbassa), telefono: +32 9 244 66 11 [email protected], http://www.vib.be