Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le cellule staminali Embrionali possono tenere il tasto a rigenerare il muscolo di cuore nocivo

Le cellule staminali Embrionali possono tenere il tasto a rigenerare il muscolo di cuore nocivo, una volta trapiantate all'interno di un'impalcatura dimensionale 3 nel cuore infracted, secondo un nuovo studio che esce a giugno nel Giornale di Trapianto del Polmone e del Cuore. Nello studio, le cellule staminali embrionali riuscivano nel ripristino del muscolo di cuore una volta trapiantate all'interno di una matrice dimensionale 3 nei cuori nocivi in un modello animale di infarto severo.

Il nuovo studio affronta parecchi problemi che hanno contagiato i tentativi precedenti di rigenerare il muscolo di cuore nocivo, secondo Theo Kofidis, M.D., che ha un programma attivo di assistenza tecnica del tessuto a Stanford.

“L'assistenza tecnica del Tessuto tiene fuori la promessa vero di guarigione del cuore per infarto congestivo,„ ha detto il Dott. Kofidis, autore principale dello studio e ricercatore in ambulatorio cardiothoracic al Centro di Ricerca di Falk alla Facoltà di Medicina di Stanford University in Stanford, California “Là sono 460.000 casi di infarto congestivo negli Stati Uniti ogni anno ed il trattamento che preponderante efficiente abbiamo attualmente è trapianto cardiaco. Con assistenza tecnica del tessuto potremmo realmente ripristinare la funzione del cuore sostituendo le grandi parti del muscolo di cuore nocivo da bioartificial.„

Il Dott. Kofidis ha parlato oggi ai media di American Medical Association che riassumono sulla cardiologia in New York.

Kofidis ed i suoi colleghi stavano funzionando con le cellule staminali del midollo osseo, ma queste celle non potevano diventare celle di muscolo del cuore e rigenerare il cuore. “Nei nostri studi più recenti abbiamo indicato che il mouse e le cellule staminali embrionali umane hanno migliorato la funzione del cuore, abbiamo avuti sopravvivenza superiore all'interno del cuore - settimane più successivamente ancora abbiamo veduto la funzione migliore del cuore - e definitivamente ci eravamo differenziati nelle celle di muscolo del cuore,„ ha detto. “Abbiamo inserito un indicatore bioluminescente (che cosa causa le lucciole a luminesce) nelle nostre cellule staminali e potevamo vedere che engrafted nell'organo vivente.„

Ci sono due componenti ad assistenza tecnica del tessuto, secondo il Dott. Kofidis: le celle che sostituiranno le celle morte e rigenerano l'organo e la struttura di sostegno che distribuirà uniformemente le celle e mantiene la forma 3-D necessaria per il perfetto funzionamento dell'organo.

“Stiamo lavorando a lungo sullo sviluppare l'armatura ideale per supportare le celle iniettate e l'architettura dell'organo,„ ha detto il Dott. Kofidis. “Abbiamo identificato un collageno, una struttura del tipo di maglia, che abbiamo manipolato in una struttura eccellente. Le celle distribuiscono anche in questo reticolo, che è un liquido. Poi, dovuto la sua natura liquida, possiamo iniettarla nel cuore tramite un endoscopio, con il trauma molto meno chirurgico che se dovessimo aprire il torace per raggiungere il cuore. Questo tessuto liquido solidifica alla temperatura corporea.

“Abbiamo lasciato la Natura integrare questo tessuto,„ ha detto il Dott. Kofidis. “Lo iniettiamo come liquido e lo lasciamo consolidare all'interno del cuore commovente in cui supporta la geometria della regione nociva. Uno dei problemi in infarto congestivo è che la parete della camera del cuore si trasforma in in diluente ed in più sottile mentre le celle di muscolo del cuore muoiono fuori. Finalmente è correttamente bordeggiare troppo debole.„

Con l'integrazione delle cellule staminali embrionali umane e della loro struttura brevettata di sostegno, Kofidis spera che abbiano i due pezzi del puzzle stato necessario per integrare con successo le celle a ricupero nel cuore nocivo, per mantenere la sua geometria e per ripristinare la sua funzione.

“Una parola di avviso può essere appropriata qui. Soltanto alcuni anni fa molta gente ha pensato che un cuore artificiale fosse dietro l'angolo,„ ha detto il Dott. Kofidis. “Ora sappiamo che ci sono molti problemi da sormontare e domande da rispondere. Per riprodurre la natura con il più alta fedeltà possibile dobbiamo sviluppare qualcosa che segua l'architettura naturale del cuore.„ http://www.ama-assn.org/