Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca suggerisce che i maiali svezzati sono suscettibili all'infezione da virus del Nilo occidentale

Fin dalla nascita del virus del Nilo occidentale nell'emisfero occidentale, nel 1999, il personale sanitario sono stati alla ricerca di segni di infezione nelle persone e animali. Recenti ricerche suggeriscono che il personale di lavorazione degli alimenti dovrebbero stare attenti alla presenza del virus nei suini e un rischio potenziale per la salute per i dipendenti negli impianti di lavorazione del maiale.

Sicurezza alimentare ricercatori del Consorzio alla Iowa State University ha esaminato suina e ha scoperto che i maiali svezzati, circa quattro settimane, sono suscettibili di virus del Nilo occidentale l'infezione da un livello relativamente basso di virus forniti dalle zanzare. Suscettibilità dei suini 'per il virus sembra diminuire, come i maiali crescono più vecchi, ma più ricerca resta ancora da fare per determinare il livello di rischio degli anziani, del mercato in età maiali.

Tra i maiali più giovane ha studiato, i livelli del virus nel sangue può essere molto elevato. "Ci sono virus abbastanza in quel sangue che non vorrei tagliare me stesso con un coltello che appena passato lì", ha detto Kenneth Platt, un professore di microbiologia ISU veterinario che ha condotto lo studio.

E 'comune anche tra gli altri animali e uccelli per il livello della concentrazione del virus sia molto più alto nelle specie più giovani rispetto a quelli più vecchi. Se più vasta ricerca nel mercato in età 200-libra maiali mostra la concentrazione del virus ad alti livelli per tre o quattro giorni simile a quello che si trova nella vitelli da ristallo, "allora credo che ci dovrebbe essere problema con le persone che stanno gestendo le carcasse e che prodotto carne fresca ", ha detto Platt. Il passo successivo sarebbe quello di esaminare quanto tempo il virus rimane infettivo di carni fresche e prodotti di carne congelata.

Suini infetti può rappresentare un problema non solo per i lavoratori dell'impianto che entrano in contatto con loro, ma può anche causare le zanzare infette contrarre virus del Nilo occidentale , quando si nutrono i maiali con il virus nel loro sangue. Anche così, i maiali non sono ancora una fonte significativa del virus per le zanzare, ha detto Platt.

Le zanzare rimangono la fonte più probabile di infettare i maiali quando sono alloggiati insieme in azienda o in un mattatoio. "Nelle nostre osservazioni abbiamo avuto suini infetti e non infetti nella stessa penna in intimo contatto, e abbiamo visto alcuna evidenza di trasmissione da maiale a maiale", ha detto Platt. "La conclusione più logica è che i maiali stanno per essere infettati dal morso delle zanzare."

Più ricerca sul tema sarà necessario seguire su alcuni dei sospetti Platt che le ultime ricerche si è ridotto. Per esempio, se un bambino di sei mesi sul mercato in età maiale ha un alto livello del virus West Nile nel sangue, la minaccia al dipendente stabilimento di trasformazione potrebbe essere l'esposizione tagliando attraverso la carne infetta o sostenendo un graffio da un forte ossea.

"Se si prende in mano e gestirlo e non hanno alcun graffi sulla vostra mano, non credo che sarebbe un problema", ha detto Platt. "Se vi tagliate su un osso o un coltello, potrebbe essere un problema. Ma in realtà non lo so ancora ". http://www.uark.edu/depts/fsc