Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Ricerca sulla droga di disordine di sonno può aiutare i pazienti di sclerosi a placche

Un'Università di Nottingham accademica piombo un progetto di ricerca che esamina se una droga prodotta per un disordine di sonno potrebbe migliorare la qualità di vita per le migliaia di pazienti di sclerosi a placche.

Il Professor Elemer Szabadi, nell'Unità della Psicofarmacologia della Divisione dell'Università della Psichiatria, ha ricevuto £25,000 in finanziamento di concessione REGNO UNITO Srl di Cephalon delle compagnie farmaceutiche per studiare il modafinil della droga, che è commercializzato per trattare la narcolessia rara di disordine di sonno.

La Narcolessia è una disfunzione del sistema di regolamentazione veglia/di sonno del cervello. Uno dei sintomi comuni è che i pazienti soffrono da una tendenza irresistibile a cadere addormentato anche in circostanze improbabili, quali in mezzo ad un pasto o una conversazione.

Il modafinil della droga agisce sulle cellule cerebrali che il sonno e la veglia di controllo e tiene il paziente sveglio durante il giorno senza pregiudicare la loro capacità di dormire alla notte.

Modafinil è stato trovato per lavorare non solo sulla sonnolenza ma anche su fatica estrema durante il giorno, simile a quello sperimentato dai pazienti di sclerosi a placche. Gli obiettivi di studio di Nottingham per scoprire se l'efficacia della droga nell'alleviamento dei sintomi di eccessiva e stanchezza rendente non valida è collegata con la sua capacità di alleviare la sonnolenza ed aumentare la vigilanza.

Lo studio sta usando tre gruppi di oggetti per verificare gli effetti delle droghe sulla vigilanza e funzioni corporee, quali pressione sanguigna, frequenza cardiaca e la salivazione e le reazioni dell'allievo dell'occhio a luci ed ombre. Due gruppi di pazienti che soffrono dal MS, con la fatica e senza fatica, stanno reclutandi attraverso una clinica fatta funzionare dal Professor Cris Constantinescu nella Divisione dell'Università della Neurologia e rispetto ad un gruppo di volontari sani.

In uno studio separato i volontari sani sono dati le singole dosi delle droghe calmanti differenti che funzionano pregiudicando le aree differenti del cervello ed i loro effetti sono confrontati sulle misure della vigilanza e le funzioni corporee con gli effetti di un singolo fa del modafinil. Egualmente sta esaminando se il modafinil può neutralizzare gli effetti delle droghe calmanti quando il modafinil e le droghe calmanti sono amministrati insieme. In questo modo, il gruppo di ricerca sta sperando di scoprire su quale area del modafinil del cervello agisce.

Il Professor Szabadi ha detto che la droga potrebbe anche avere certo vantaggio per i pazienti che soffre dalla depressione che egualmente avvertono spesso il sonno di disturbo e la fatica di giorno severa. Le compresse di Sonno a volte prescritte per questi pazienti hanno approccio di un successone del `', pregiudicante molte parti del cervello e spesso piombo a sonnolenza di giorno e non riescono ad alleviare la stanchezza.

Il Professor Szabadi ha aggiunto: “È molto probabile che le cellule cerebrali che il sonno di controllo è egualmente responsabile del gestire altre funzioni nell'organismo, come cibo, comportamento sessuale ed attività autonome (mantenimento di pressione sanguigna, della frequenza cardiaca ecc) e è conosciuta che la maggior parte di queste funzioni sono influenzate dai vari disordini psichiatrici.

“Questo studio ci darà l'opportunità di scoprire più circa le aree del cervello che gestiscono una serie di funzioni essenziali di grande importanza con psichiatria. „ http://www.nottingham.ac.uk