Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia di Combinazione può essere utile in esseri umani con la lesione del midollo spinale

Una terapia di combinazione facendo uso delle celle trapiantate più due droghe sperimentali migliora significativamente la funzione in ratti paralizzati, manifestazioni nuove di uno studio. I risultati indicano che una simile terapia può essere utile in esseri umani con la lesione del midollo spinale. Lo studio è stato costituito un fondo per in parte dall'Istituto Nazionale dei Disordini Neurologici e dal Colpo (NINDS), la parte degli Istituti della Sanità Nazionali e compare nell'emissione Del giugno 2004 della Natura Medicine.*

Circa 10,000 persone negli Stati Uniti subisca ogni anno le lesioni del midollo spinale. Gli Studi in animali durante la decade passata hanno indicato che le celle supportanti dai nervi fuori del cervello e del midollo spinale, chiamati Cellule di Schwann, possono essere usate per fare “un ponte„ attraverso il midollo spinale nocivo che incoraggia le fibre nervose a ricrescere. L'Altra ricerca ha suggerito che una sostanza chiamata AMPÈRE (AMP ciclico) ciclico potesse accendere i geni di fattore di crescita nelle cellule nervose, nella crescita di stimolazione e nel contribuire a sormontare i segnali che inibiscono normalmente la rigenerazione. Questo studio è il primo per provare una combinazione dei due approcci in un modello animale della lesione del midollo spinale.

Nel nuovo studio, Maria Bartlett Bunge, Ph.D., Damien Pearse, il Ph.D. ed i colleghi a Miami Aggettano Fare Maturare la Paralisi alla Scuola di Medicina dell'University Of Miami, hanno trovato che la lesione del midollo spinale avvia una perdita di campo nel midollo spinale ed in alcune parti del cervello. Poi hanno trapiantato le Cellule di Schwann nei midolli spinali dei ratti in un modo che ha gettato un ponte sull'area nociva. I ricercatori egualmente hanno dato ai ratti un modulo del campo e una droga ha chiamato il rolipram, che impedisce il campo essere ripartita.

Il Trattamento con la triterapia conservata e perfino il campo elevato livella in cellule nervose dopo la lesione. Egualmente ha conservato molte delle fibre nervose myelinated in animali trattati, confrontato ai ratti non trattati ed a quelli che non hanno ricevuto la combinazione tripla, i ricercatori trovati. La Mielina è una sostanza grassa che isola le fibre nervose e migliora la trasmissione dei segnali. I ratti trattati egualmente hanno coltivato indietro molte altre fibre nervose che i ratti non trattati o i ratti che hanno ricevuto soltanto uno o due delle terapie. Le fibre nervose rigenerate hanno incluso molti che portassero la serotonina chimica di nervo-segnalazione, che è importante per locomozione.

I Ratti che hanno ricevuto la terapia tripla hanno avuti la locomozione e coordinamento molto migliori 8 settimane dopo il trattamento che i ratti di controllo.

“I miglioramenti comportamentistici nei ratti che ricevono la terapia tripla sono drammaticamente migliori di quelli riferiti precedentemente facendo uso dei ponti delle Cellule di Schwann o si accampano strategie in animali cavo-danneggiati spinali,„ dice Naomi Kleitman, il Ph.D., il direttore del programma di NINDS per la ricerca di lesione del midollo spinale. Gli studi Precedenti facendo uso delle Cellule di Schwann hanno trovato che le fibre nervose dalle celle sopra la lesione potrebbero viaggiare sul ponte delle Cellule di Schwann, ma non hanno lasciato il ponte, lei spiegano. La terapia tripla “perfora le celle in overdrive e le aiuta a scendere il ponte.„

Le terapie provate in questo studio sono state selezionate per la loro possibilità probabile in esseri umani, il Dott. Kleitman aggiunge. Rolipram già è stato provato nei test clinici ad altri disordini e le Cellule di Schwann possono svilupparsi dai propri nervi periferici dei pazienti.

I ricercatori ora pianificazione gli studi di approfondimento confermare i loro risultati e provare ad imparare più circa come la terapia tripla funziona, il Dott. Bunge dice. I Loro studi hanno potuto anche piombo allo sviluppo di migliori droghe per impedire la ripartizione del campo, lei aggiunge. http://www.ninds.nih.gov/