Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia Di Prova di Daclizumab di manifestazioni migliora il risultato di sclerosi a placche

Un piccolo test clinico dei pazienti con la sclerosi a placche (MS) che non ha risposto ad interferone da solo ha scoperto che quello aggiunge il risultato paziente migliore daclizumab umano dell'anticorpo. I Pazienti che hanno ricevuto la terapia combinata hanno avuti una riduzione di 78 per cento di nuove lesioni di cervello e una riduzione di 70 per cento di lesioni totali, con altri miglioramenti clinici significativi. La prova piombo dai ricercatori all'Istituto Nazionale dei Disordini Neurologici ed al Colpo (NINDS), una componente degli Istituti della Sanità Nazionali. I Risultati sembreranno nella Prima Edizione degli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze la settimana dei 24-28 maggio 2004.1

Il MS è una malattia cronica tracciata tramite infiammazione nel sistema nervoso centrale e lo sviluppo delle lesioni nel cervello. I Messaggi dal cervello all'organismo sono interrotti mentre le fibre nervose cominciano a perdere il loro rivestimento protettivo della mielina, con conseguente debolezza di muscolo, problemi con la visione ed il coordinamento, dolore e, in alcuni pazienti, danni conoscitivi. Circa 250.000 a 350,000 persone negli Stati Uniti soffrono dal MS e circa 200 nuovi casi sono diagnosticati dai medici ogni settimana. Non c'è maturazione per il disordine.

Il ricercatore Roland Martin, M.D. e colleghi di NINDS ha studiato 11 paziente con SIG.RA2 progressiva dirimessa o3 secondaria. Ogni paziente è stato curato con interferone beta - una proteina antivirale naturale comunemente usata curare Sig.ra Pazienti egualmente ha ricevuto i 7 trattamenti di daclizumab (un anticorpo umano geneticamente costruito che blocca il recettore dell'interleuchina-2 sulle celle immuni) amministrati per via endovenosa ad intervalli di due settimane e successivi, di quattro settimane.

Dieci pazienti hanno mostrato una riduzione drammatica sia della severità che del numero delle lesioni di cervello come dimostrato da imaging a risonanza magnetica. La diminuzione in nuove lesioni come pure la diminuzione totale in lesioni, accadute gradualmente sopra una portata di due mesi. Il Miglioramento inoltre è stato veduto su una scala di valutazione neurologica ed in una prova della funzione della mano. Il miglioramento clinico era inatteso in così piccola prova, poiché un più grande numero dei pazienti è richiesto solitamente per mostrare gli effetti clinici. Un paziente con attività estremamente alta di infiammazione ha risposto inizialmente a daclizumab ma, come attività di malattia restituita, è stato dato le dosi elevate dell'anticorpo e si è escluso dall'analisi definitiva.

“Ora c'è grande interesse nei nuovi approcci e nuove terapie per un disordine circa cui conosciamo troppo poco ed abbiamo soltanto terapie moderatamente efficaci,„ ha detto il Dott. Martin. “La terapia combinata è stata tollerata bene da tutti i pazienti, con gli effetti secondari che erano delicati o non causati chiaramente da daclizumab.„ Ha detto i limiti di terapia l'attività delle Cellule T che attaccano il rivestimento della mielina intorno ai nervi, senza interrompere l'intero sistema immunitario.

“Mentre questi risultati sono preliminari, offerte di questa scoperta sperano per le migliaia di pazienti con determinati moduli di Sig.ra Risultati come questa sta aiutandoci a capire meglio come questa malattia pregiudica il sistema immunitario, che offre la speranza per tutti i pazienti del MS,„ ha detto la Storia C. Landis, il Ph.D., Direttore di NINDS.

Ulteriori studi sono necessari confermare le dimensioni del vantaggio clinico di daclizumab sui pazienti tipici del MS e se il daclizumab è similmente efficace come terapia autonoma.

Lo studio era una collaborazione fra il NINDS e la sua agenzia della sorella, l'Istituto Nazionale contro il Cancro (NCI). Thomas Waldmann, M.D., capo della filiale del metabolismo per il Centro del NSC per Ricerca Sul Cancro, Ha sviluppato l'anticorpo utilizzato nella prova.

Daclizumab (denominazione commerciale Zenapax®) ha ricevuto l'approvazione di FDA nel 1997 per uso nel trapianto di rene.

Il NINDS è una componente degli Istituti della Sanità Nazionali all'interno del Ministero dei Servizi Sanitari e Sociali ed è il sostenitore primario della nazione della ricerca biomedica sul cervello e sul sistema nervoso.

1Bielekova B, i TUM di Richert N, di Howard T, di Blevins G, di Markovic-Plese S, di McCartin J, di Wirfel J, di Ohayon J, di Waldmann, l'HF di McFarland e Martin R. “Anti-CD25 (Daclizumab) Umanizzato Inibisce l'Attività di Malattia nei Pazienti di Sclerosi A Placche Che Non Riescono A Rispondere aInterferone-Beta.„ Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze, Volume 101, Emissione 23, Pp. 8705-8708.

2Un corso del MS in cui alcuni pazienti avvertono una serie di attacchi ha seguito dalla remissione completa o parziale dei sintomi che restituiscono dopo un periodo di stabilità.

3MS che può cominciare con un corso dirimessa, seguito dal declino clinico graduale senza le remissioni distinte.

Originalmente pronto da Paul Girolami, dall'Ufficio di NINDS delle Comunicazioni e del Collegamento Pubblico. http://www.ninds.nih.gov