Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Collegamento fra il batterio orale ed i bambini prematuri

Per anni, gli scienziati hanno notato che un batterio orale particolare può essere trovato nel liquido amniotico di circa 20 per cento delle donne con i bambini prematuri. Il dibattito è stato sempre se questo batterio, chiamato nucleatum di Fusobacterium (nucleatum del F.), è soltanto “uno spettatore innocente„ nell'utero o effettivamente in un colpevole in direttamente o indirettamente causando il lavoro in anticipo, un problema sanitario di salute pubblica importante negli Stati Uniti.

Nell'emissione di Aprile dell'Infezione e dell'Immunità del giornale, i ricercatori riferiscono che possono essere più vicino ad una risposta. Sulla Base di una serie di esperimenti del laboratorio, mostrano che nucleatum del F. può direttamente infettare la placenta e pregiudicare avversamente le gravidanze in mouse. Gli scienziati dicono che il microorganismo può fungere da agente patogeno opportunistico che circola all'utero, colonizza la placenta ed approfitta della risposta immunitaria diminuita trovata là durante la gravidanza.

Sebbene lo sforzo del nucleatum del F. utilizzato nello studio colonizzi tipicamente la bocca e svolga un ruolo contribuente in peridentale, o in gomma, la malattia, gli scienziati dica che il loro studio non ha valutato l'argomento caldo dibattuto di se un batterio orale può spargere dalla bocca ed infettare i siti altrove nell'organismo.

“Siamo stati interessati specificamente alla domanda di se il nucleatum del F. potrebbe causare i risultati avversi di gravidanza,„ abbiamo detto il Dott. Yiping Han, uno scienziato alla Case Western Reserve University Cleveland, nell'Ohio e l'autore senior sullo studio. “Abbiamo usato un modello semplificato in cui abbiamo iniettato i batteri direttamente nella circolazione sanguigna. È abbastanza difficile da imitare la malattia peridentale umana come il punto d'inizio dell'infezione in un modello del mouse, ma questa riga di ricerca certamente sarebbe buona degno perseguire negli studi futuri.„ Se le sottospeci particolari del nucleatum del F. in sia bocca che utero sono studiate, i ricercatori dicono credono che la relazione causale fra i due eventi possa essere resa ancor più evidente.

Delle più di 500 specie batteriche che abitano nella bocca, il nucleatum del F. partecipa fuori come una delle specie dominanti. Tuttavia, poichè gli scienziati hanno perseguito la possibilità che i batteri orali possono causare la nascita prematura, la maggior parte della ricerca ha messo a fuoco su altri agenti patogeni, quali i gingivalis di Porphyromonas. Questo senza risposta sinistro se il nucleatum del F., che è stato trovato nel liquido amniotico di alcune donne che hanno dato alla luce prematuramente, anche potrebbe svolgere un ruolo.

Per perseguire questo problema, Han et al. in primo luogo ha indicato che due tipi dei batteri - uno catturato dall'utero, l'altro dalla gola - potrebbero effettivamente fissare a ed invadere le celle epiteliali e endoteliali sviluppate in una capsula di Petri. Le celle Epiteliali funzionano come barriera fisica e biologica contro gli agenti patogeni in molti organi, compreso l'utero, mentre le celle endoteliali formano il rivestimento interno dei vasi sanguigni. Un Altro sforzo di Fusobatterio trovato nelle infezioni vaginali non è stato individuato su o dentro queste celle e gli autori hanno detto che non è stato associato con la nascita prematura.

Dopo, il gruppo ha iniettato gli sforzi orali del nucleatum del F. nei vasi sanguigni dei mouse incinti ad un punto che corrisponde alle donne nel loro terzo acetonide, quando sono la maggior parte a rischio delle nascite premature. Ciò piombo ai feti nati morti di molti dei feti, comparabile alla consegna prematura umana. A Differenza degli esseri umani, i mouse hanno solitamente feti multipli in un utero e, dalla consegna iniziale sono difficili per i cuccioli sani restanti, effettuano una gravidanza problematica.

Gli scienziati si sono domandati se la morte del feto fosse dovuto un'infezione generale o, come in esseri umani, un'infezione hanno localizzato soltanto nell'utero. Per provare questo, hanno misurato la quantità di batteri presenti nel fegato, nella milza, nella placenta, nel feto e nel liquido amniotico per parecchi giorni dopo l'iniezione. Il gruppo ha trovato che i batteri si sono eliminati rapidamente da altri organi, ma moltiplicato rapido nell'utero, suggerire i batteri specificamente ha mirato a questa area. Secondo Han, senza un presente della placenta, l'infezione con il nucleatum del F. negli organi all'infuori delle gomme, non avrebbe luogo nel loro modello. Normalmente, la risposta immunitaria dell'organismo riconosce e distrugge le molecole non Xeros, quali i batteri ed i virus, ma nella gravidanza questo sistema di sorveglianza è girato giù per facilitare la crescita del feto. Sfruttando un sistema immunitario meno vigilante, i batteri possono svilupparsi più prontamente e spargersi nell'utero.

Di grande interesse agli scienziati era se potrebbero realmente osservare i batteri entrare dai vasi sanguigni, attraverso il tessuto uterino e nel liquido amniotico. Per prevedere questo trattamento, hanno utilizzato un microscopio elettronico, che può ingrandire piccole migliaia dei campioni di tessuto di periodi. “Altri hanno isolato il nucleatum del F. dalle donne del uteriof nel lavoro prematuro, ma crediamo che siamo i primi realmente per mostrare i batteri in tensione che invadono attraverso il rivestimento endoteliale nella placenta e finalmente al liquido amniotico, in cui possono essere individuate con le prove standard dell'ospedale,„ Han spiegato.

Han ha detto che il suo gruppo ha osservato che la membrana che circonda il feto egualmente è stata infettata, imitante le infezioni umane della membrana fetale chiamate chorioamnioitis, che è una causa conosciuta della nascita prematura. Mentre le celle là o altrove nella placenta rispondono alla diffusione dell'infezione, il sospetto degli scienziati rilasciano le molecole che possono avviare le contrazioni iniziali dell'utero.

Han, un microbiologo, intende più ulteriormente esplorare esattamente come il nucleatum del F. trova il suo modo attraverso le celle uterine, entranti in un lato ed uscenti l'altro e perché i batteri scelgono preferenziale i livelli di tessuto dell'utero. Infine, il gruppo stabilisce che il batterio causasse le nascite premature nella gente, Han ha detto che spera di sviluppare un vaccino per impedire un'infezione in donne incinte. “Crediamo che i nostri risultati rinforzino il collegamento fra la malattia peridentale e la nascita prematura ed abbiano voluto esaminare più ulteriormente i meccanismi specifici in questione nell'infezione uterina. Eventualmente, l'un giorno potremo impedirla. Per ora, sottoscriviamo all'importanza sostenuta di buona cura dentaria, particolarmente durante la gravidanza,„ Han aggiunto.

Collaborando con il Dott. Han era DRS. Raymond W. Redline, Vento Fortissimo B. Hill e Thomas S. McCormick. Lo studio è intitolato “Fusobatterio che il nucleatum Induce i Feti Nati Morti di Termine e Prematuri in Mouse Incinti: L'Implicazione dei Batteri Orali nella Nascita Prematura„ ed è stata pubblicata nell'Infezione e nell'Immunità del giornale nell'aprile 2004. Il lavoro è stato supportato dal NIDCR e dagli Ospedali Universitari di Cleveland

http://www.nidcr.nih.gov.