Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La radioterapia dopo chirurgia per gli uomini con carcinoma della prostata diminuisce la probabilità del ritorno del cancro

Radioterapia dopo che l'ambulatorio per gli uomini con carcinoma della prostata diminuisce la probabilità del cancro che ritorna, indipendentemente da se la radiazione è stata amministrata subito dopo di chirurgia o dopo che il cancro è ricorso, secondo un nuovo studio nell'emissione del giugno 2004 del giornale internazionale di radiazione Oncology*Biology*Physics, della Gazzetta ufficiale di ASTRO, della società americana per radioterapia e dell'oncologia.

Molti studi recentemente hanno indicato che radiazione dopo che l'ambulatorio diminuisce che probabilità che il carcinoma della prostata ricorrerà. Per carcinoma della prostata, ci sono due tipi principali di radioterapie postoperatorie - adiuvante e salvataggio. L'adiuvante è amministrato dopo il trattamento primario (in questo caso, chirurgia) è stato completato e sembra che le cellule tumorali siano state uccise. Il salvataggio è amministrato se il carcinoma della prostata ha cominciato ritornare ed il medico sta provando a salvare il paziente trattando la malattia con la radioterapia. In questo studio, i ricercatori hanno voluto vedere quale tipo di radioterapia postoperatoria era la cosa migliore per gli uomini con carcinoma della prostata.

Fra 1989 e 1997, 69 pazienti sono stati fatti riferimento per la radioterapia ausiliaria e 88 pazienti con prova di una ricorrenza sono stati curati con la radioterapia di salvataggio. Gli uomini nel gruppo di salvataggio hanno ricevuto la radiazione, in media, 40 mesi dopo chirurgia mentre i pazienti nel gruppo ausiliario sono stati curati con radiazione un una media di tre mesi di chirurgia del paletto. Secondo lo studio, la radioterapia di salvataggio era significativamente meno efficace quando il livello dello PSA del paziente è aumentato oltre 1.

“Il livello di PSA era il fattore chiave in questo studio,„ ha detto Michael Hagan, M.D., Ph.D., l'autore principale dello studio e un membro del dipartimento dell'oncologia di radiazione all'istituto universitario medico degli ospedali della Virginia a Richmond. “Oggi, i professionisti seguono i pazienti del prostatectomy molto da vicino. Di conseguenza, la radioterapia di salvataggio è iniziata solitamente abbastanza presto. I risultati da entrambi i centri nello studio erano eccellenti quando il trattamento radioattivo è stato iniziato mentre il livello di PSA del siero era di meno di 1 ng/ml.„

Il Dott. Hagan ha aggiunto, “questo studio indica che la polizza per la radioterapia di salvataggio è probabile essere efficace quanto la radioterapia ausiliaria soltanto quando l'istituzione o il professionista riflette il livello dello PSA del paziente molto da vicino dopo il prostatectomy.„

ASTRO è la più grande società dell'oncologia di radiazione nel mondo, con più di 7.500 membri che si specializzano nella cura dei pazienti con le radioterapie. Come un'organizzazione principale nell'oncologia, nella biologia e nella fisica di radiazione, la società è dedicata all'avanzamento della pratica dell'oncologia di radiazione promuovendo la cura del ricoverato di eccellenza, offrendo le occasioni dello sviluppo educativo e professionale, promuovendo ricerca e diffondendo i risultati della ricerca e rappresentando oncologia di radiazione in un ambiente socioeconomico in piena evoluzione di sanità.