Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli Antibiotici hanno potuto essere la causa di molte allergie

Allergie che rendono la vostra vita misera? Stanco degli antistaminici schioccanti gradisca la caramella? Non Può andare dovunque senza vostro inalatore? Il problema reale non può essere la vostra testa farcita-su. Ha potuto essere i microbi nel vostro intestino.

Alla Società Americana per la riunione di Microbiologia tenuta qui questa settimana, gli scienziati dalla Facoltà di Medicina dell'Università del Michigan presenteranno i risultati degli esperimenti con i mouse del laboratorio che indicano che da cambiamenti indotti da antibiotico in microbi nel tratto gastrointestinale possono pregiudicare come il sistema immunitario risponde agli allergeni comuni nei polmoni.

“Tutti abbiamo un'impronta digitale microbica unica - una miscela specifica dei batteri e dei funghi che vivono in nostri stomaco ed intestini,„ dice Gary B. Huffnagle, il Ph.D., un professore associato di medicina interna e di microbiologia e dell'immunologia nella Facoltà di Medicina di U-M. “Gli Antibiotici tramortono i batteri nell'intestino, permettendo che i funghi assumano la direzione di temporaneamente finché i batteri non si sviluppino indietro dopo che gli antibiotici sono fermati. La Nostra ricerca indica che quello che altera microflora intestinale questo modo può piombo ai cambiamenti nell'intero sistema immunitario, che può produrre i sintomi altrove nell'organismo.„

Se confermato negli studi clinici umani, Huffnagle crede che i suoi risultati della ricerca potrebbero contribuire a spiegare perché i casi delle malattie infiammatorie croniche, come asma e le allergie, stanno aumentando rapido durante gli ultimi 40 anni - un periodo di tempo che corrisponde ad uso molto diffuso degli antibiotici.

Per capire le implicazioni della ricerca di U-M che, è importante conoscere qualcosa circa la relazione complessa fra il gastrointestinale, respiratorio ed il sistema immunitario nel corpo umano.

Ogni volta che inalate, celle producenti muco di esperienza di correnti d'aria e capelli minuscoli destinati per intrappolare i bit di coregone lavarello, di polvere e delle spore prima che entrino nei polmoni. Queste particelle bloccate sono spazzate nello stomaco con la saliva ed il muco mentre inghiottite.

“Qualche Cosa che inaliate, egualmente inghiottite,„ Huffnagle dice. “Così le celle immuni nel vostro tratto di GI sono esposte direttamente agli allergeni ed alle particelle dispersi nell'aria. Ciò avvia una risposta dalle celle immuni nel tratto di GI per generare le celle di T regolarici, che poi attraversano through la circolazione sanguigna che cerca l'organismo questi antigeni. Blocchetto regolatore di Queste cellule di T lo sviluppo delle risposte A cellula T allergiche nei polmoni e nei seni.„

Per lo più, negli scienziati di modi completamente non capisca, il sistema immunitario del tratto di GI modula o si inumidisce giù la risposta allergica delle cellule di T agli allergeni ricevuti nei polmoni, secondo Huffnagle. Ma quando gli antibiotici diminuiscono la popolazione batterica nel tratto di GI, nel numero di lievito ed in altri aumenti fungosi degli organismi.

Negli studi precedenti, i ricercatori nel laboratorio di Huffnagle hanno scoperto che i funghi secernono le molecole chiamate oxylipins, che possono gestire il tipo e l'intensità di risposte immunitarie. Huffnagle dice che questo suggerisce la possibilità intrigante che i oxylipins fungosi nel tratto di GI impediscano lo sviluppo delle celle di T regolarici per gli allergeni inghiottiti. In assenza delle celle di T regolarici dal tratto di GI, le celle di T nei polmoni sono sensibilizzate alla presenza di spore comuni della muffa, di coregone lavarello o di altri allergeni. Il risultato è una risposta immunitaria iperattiva, che può produrre i sintomi o persino l'asma di allergia.

Per verificare l'ipotesi di Huffnagle, Mairi C. Noverr, il Ph.D., un ricercatore di U-M nella medicina interna, ha fatto un corso di cinque giorni degli antibiotici orali ai mouse normali del laboratorio seguiti da una singola introduzione orale del lievito, albicans del Candida, per creare una colonia coerente e riproducibile dei microbi nello stomaco e gli intestini. I albicans del C. è trovato normalmente nel tratto di GI e la crescita aumentata dei albicans del C. nell'intestino è un effetto collaterale comune degli antibiotici.

Due giorni dopo la fermata degli antibiotici - in un momento in cui i batteri dell'intestino stavano coltivando Noverr retro- hanno esposto i mouse ad un allergene comune della muffa chiamato fumigatus di Aspergillus inoculando le spore nelle cavità nasali di tutti i mouse nel suo studio. Poi ha esaminato i mouse per la presenza di risposta allergica nelle gallerie di ventilazione ed ha confrontato i risultati fra i mouse che hanno ricevuto gli antibiotici e quelli che non hanno fatto.

“I Mouse trattati con gli antibiotici e colonizzati con i albicans del C. indicati hanno aumentato l'ipersensibilità polmonare al fumigatus del A. rispetto ai mouse che non hanno ricevuto gli antibiotici,„ Noverr dice. “La risposta infiammatoria si è sviluppata più forte con ogni esposizione all'allergene.„

“Dopo Che gli antibiotici hanno cambiato la miscela dei microbi nel tratto di GI, i mouse hanno sviluppato una risposta allergica nei polmoni una volta esposti alle spore comuni della muffa,„ Huffnagle spiega. “I Mouse che non hanno ricevuto gli antibiotici potevano combattere fuori le spore della muffa.„

Huffnagle e Noverr discuteranno i dettagli dell'esperimento in simposi parlano e la presentazione del manifesto alla riunione dell'ASM. I dati Completi dallo studio sono stati presentati per la pubblicazione in un'emissione futura dell'Infezione e dell'Immunità.

Huffnagle mantiene che le rotture nella crescita dei batteri e dei funghi nel tratto di GI interferiscono in qualche modo con la capacità delle celle di T regolarici di inumidire la risposta immunitaria agli allergeni respiratori. Nella ricerca futura, spera di determinare esattamente come i microbi gastrointestinali sono implicati nel corso di modulazione del sistema immunitario.

“Sappiamo dagli esperimenti del laboratorio che gli antiossidanti dietetici hanno chiamato i polifenoli, che sono trovati in frutta ed in verdure, possiamo limitare la formazione di muffa e che un livello di dieta in grassi saturati e zuccheri rallenta il ripristino della microflora normale dell'intestino,„ Huffnagle aggiunge. “La dieta Mediterranea è ricca di sorgenti dei polifenoli, in modo da è intrigante che i paesi di Mediterraneo-Dieta hanno tariffe più basse delle allergie, dell'asma e di altre malattie infiammatorie che i paesi di Occidentale-Dieta come gli Stati Uniti, il Canada e l'Inghilterra.

“Se possiamo determinare esattamente come la microflora nell'influenza del tratto di GI il sistema immunitario, può essere l'un giorno possibile per impedire o trattare le allergie e le malattie infiammatorie con i cambiamenti di dieta o il probiotics - supplementi dietetici dei batteri “sani„ destinati per ripristinare il bilanciamento normale dei microbi nell'intestino,„ Huffnagle aggiunge. “In comunità medica, la terapia probiotica sta trasformandosi in in un'area di interesse aumentante.„

Sino a quel momento, Huffnagle sottolinea l'importanza di una dieta a bassa percentuale di zucchero sana, con i lotti delle frutta e delle verdure crude, dopo il trattamento con gli antibiotici da contribuire a ripristinare la miscela normale dei microbi nel vostro tratto di GI il più rapidamente possibile. “Il vecchio detto, “una mela che un il giorno tiene il medico assente„ può essere più vera di abbiamo pensato,„ dice.

La ricerca di Huffnagle è stata costituita un fondo per dagli Istituti Nazionali di Salubrità e di Nuovo Premio del Ricercatore dal Fondo di Burroughs-Wellcome. Altri collaboratori nella ricerca includono Dennis M. Lindell, un dottorando di U-M in immunologia e Rachel Noggle, un assistente di ricerca nella medicina interna. http://www.umich.edu/