Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Droghi per prolungare le vite dei malati di cancro colorettali

Una droga ha progettato per tagliare l'offerta di sangue di un tumore, una volta accoppiata con una combinazione della chemioterapia, ha provocato il miglioramento significativo nella sopravvivenza in pazienti con cancro colorettale metastatico, la prima volta nelle decadi che i tempi di sopravvivenza sono stati estesi in pazienti con questo modulo devastante di cancro avanzato.

I risultati dello studio, fatti al Centro del Cancro del Jonsson del UCLA ed a parecchio altro colloca in tutta la nazione, compaiono 3 giugno in New England Journal di Medicina.

Lo studio ha accoppiato l'inibitore Avastin di angiogenesi, approvato dagli Stati Uniti Food and Drug Administration a febbraio per uso nel cancro colorettale, con irinotecan, fluorouracil 5 e il leucovorin. La terapia di combinazione ha migliorato la sopravvivenza mediana in pazienti entro quasi cinque mesi, diminuenti il rischio di morte da più di 30 per cento. Egualmente ha migliorato i tassi di risposta, la durata della risposta ed i tempi di sopravvivenza senza progressione, hanno detto il Dott. Fairooz Kabbinavar, un ricercatore del Centro del Cancro di Jonsson ed autore senior dello studio.

“Per mettere questo studio nella giusta prospettiva, fino all'anno favorevole 2000, la sopravvivenza mediana in pazienti con cancro colorettale avanzato era di circa 12 mesi,„ ha detto Kabbinavar, un professore associato dell'ematologia/oncologia che sta lavorando con Avastin per i 10 - 12 anni ultimi, sia in laboratorio che nella clinica. “Durante appena quattro brevi anni, ora stiamo esaminando le sopravvivenze al di sopra di due anni. Siamo venuto un modo lungo. Avastin non solo ha cambiato il modo trattiamo il cancro colorettale, ma credo che stia bene ad una parte della gestione del cancro per altri tumori quali il polmone, il petto ed i cancri del pancreas.„

Un tumore non può svilupparsi più grande che dei portaspilli a meno che stabilisca un'offerta di sangue indipendente con un trattamento chiamato angiogenesi. Questo trattamento fornisce al tumore l'ossigeno e le sostanze nutrienti che deve svilupparsi e spargersi. I Ricercatori hanno teorizzato che fermando o tagliando la nuova offerta di sangue, possono morire di fame e, è sperato, uccidono il cancro.

I Ricercatori avevano sperato che quel Avastin - un anticorpo monoclonale che mira al fattore di crescita endoteliale vascolare, una proteina dominante che promuove la crescita dei vasi sanguigni - aiutasse l'attività della chemioterapia più efficacemente, e viceversa, fornire che cosa è chiamato un effetto sinergico. Kabbinavar ha detto che lo studio provato là è un tal effetto.

“Questa è una pietra miliare importante nella gestione del cancro in generale e nella gestione colorettale del cancro in particolare,„ Kabbinavar ha detto. “Avastin è il primo inibitore di angiogenesi da approvare da FDA ed abbiamo trovato che ha tossicità trattabile. Così i pazienti non solo vivono più lungamente, ma la loro qualità di vita egualmente è mantenuta.„

Nello studio, 813 pazienti con cancro colorettale avanzato precedentemente non trattato sono stati definiti a caso a due gruppi. In un gruppo, 402 pazienti hanno ricevuto irinotecan, il fluorouracil 5 e il leucovorin più Avastin. L'altri 411 paziente ha ricevuto la combinazione della chemioterapia più un placebo. La sopravvivenza globale guardata studiata, sopravvivenza senza progressione, il tasso di risposta, durata della risposta, sicurezza e qualità di vita.

La sopravvivenza Mediana, il tempo a cui la metà dei pazienti di studio è ancora viva, nel gruppo che ottiene Avastin con la chemioterapia era di 20,3 mesi confrontati a 15,6 mesi in quelli che ottengono la chemioterapia e un placebo, diminuente il rischio di morte da 34 per cento. la sopravvivenza Senza progressione, il tempo prima che il cancro continuasse a svilupparsi ancora, era di 10,6 mesi nel gruppo di Avastin confrontato a 6,2 mesi nel gruppo del placebo. I tassi di risposta nel gruppo di Avastin erano 44,8 per cento, confrontati a 34,8 per cento nel gruppo del placebo. La durata di Risposta nel gruppo di Avastin era di 10,4 mesi, rispetto a 7,1 mesi per il gruppo che ottiene il placebo alla chemioterapia.

“L'aggiunta di (Avastin) alla chemioterapia di combinazione fluorouracil basata 5 provoca statisticamente il miglioramento significativo e clinicamente significativo nella sopravvivenza fra i pazienti con cancro colorettale metastatico,„ gli stati di studio.

Dopo parecchie delusioni con gli inibitori di angiogenesi, questo studio risulta che quello mirare all'offerta di sangue di un tumore è un'opzione possibile del trattamento, Kabbinavar ha detto.

Secondo l'Associazione del Cancro Americana, il cancro colorettale direzione più di 146.000 Americani questo anno da solo, uccidendo circa 56.730.  In Generale, i tumori del colon sono il terzo la maggior parte dei cancri comuni negli uomini ed in donne e la seconda causa principale della morte del cancro negli Stati Uniti.

Il Centro Completo del Cancro del Jonsson del UCLA è composto di più di 240 ricercatori e clinici del cancro impegnati nella ricerca sul cancro, nella prevenzione, nella rilevazione, nel controllo e nella formazione. Il centro, uno di più grande cancro completo della nazione concentra, è dedicato alla promozione della ricerca sul cancro e ad applicare i risultati alle situazioni cliniche. Nel 2003 il Centro del Cancro di Jonsson è stato nominato il migliore centro del cancro negli Stati Uniti Occidentali dalle Notizie degli Stati Uniti & dal Rapporto del Mondo, un posto che ha tenuto per quattro anni consecutivi.

Per ulteriori informazioni sul Centro del Cancro di Jonsson, visita www.cancer.mednet.ucla.edu.