Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'anticorpo monoclonale umano Sperimentale mostra il vantaggio notevole in pazienti con il melanoma avanzato

La prova Iniziale di un anticorpo monoclonale umano sperimentale ha mostrato un vantaggio notevole in pazienti con il melanoma avanzato, dice i ricercatori Al Centro del Cancro dell'Università del Texas il M. il D. Anderson, che ha presentato i loro risultati alla riunione annuale della Società Americana dell'Oncologia Clinica.

Di 39 pazienti dati una singola iniezione di CP-675,206 (conosciuto come CP-675), i tumori sono scomparso in tre pazienti, restretti in un quarto paziente ed il cancro ha smesso di crescere in altri cinque pazienti. Queste risposte sono rimanere dal loro trattamento iniziale, che ha variato da 13 a 28 mesi fa.

La Maggior Parte dei pazienti nella prova avevano avanzato il melanoma, che ha una sopravvivenza mediana di di meno che un anno, dicono il ricercatore principale dello studio, Luis Camacho, M.D., MPH, assistente universitario nel Dipartimento dell'Oncologia Medica del Melanoma.

“Siamo stati sorpresi molto piacevolmente trovare tali risposte antitumorali obiettive in un test clinico di Fase I, che è destinato per trovare la dose ideale e per cercare gli effetti secondari,„ diciamo Camacho. “Questi risultati sono molto in anticipo, ma sono incoraggianti a noi perché non ci sono buoni agenti disponibili trattare il melanoma si è sparso una volta che.„

I ricercatori hanno aumentato gradualmente la quantità della dose inizialmente provata dalla volta 1.500, valutante sette livelli di dose differenti, prima che trovassero le dosi elevate che sia ha prodotto un effetto che ha avuto effetti secondari tollerabili. La Maggior Parte dei pazienti che non hanno risposto alla droga erano quelli curati con le dosi più basse, i ricercatori dicono.

Gli studi sono stati intrapresi al Centro del Cancro del M. il D. Anderson ed all'Università di California, Los Angeles. Un ricercatore di collaborazione è Gesù Gomez Navarro, M.D., Direttore clinico del programma dell'anticorpo monoclonale a Pfizer, Inc., che hanno sviluppato l'anticorpo e stanno patrocinando il test clinico.

I ricercatori dicono che l'anticorpo sembra fungere da “ripetitore immune non specifico„ che arruola il sistema immunitario per combattere il cancro. Agisce bloccando un regolatore negativo chiave dell'attività del sistema immunitario. Questo regolatore, l'antigene linfocita-associato citotossico 4 (CTLA4), arresti di T ha attivato le celle immuni dall'attacco dei propri tessuti dell'organismo. L'anticorpo, a sua volta, ferma la funzione di CTLA4, un ricevitore che funziona come “i freni„ del sistema immunitario.

Come un vaccino, CP-675 sembra continuare a lavorare lungamente dopo che i pazienti ricevono i singoli due all'iniezione di quattro ore, Camacho dice. “Crediamo che l'anticorpo monoclonale arruoli il sistema immunitario per combattere tutte le nuove cellule tumorali che provano a svilupparsi,„ dice.

L'anticorpo può lavorare particolarmente bene nel melanoma, lui aggiunge, perché la ricerca precedente ha indicato il sistema immunitario, se attivato, può riconoscere questo cancro.

Poiché l'anticorpo ha permesso che il sistema immunitario attaccasse le celle che “ha guardato„ simile propri al dell'organismo, i ricercatori si sono preoccupati che potrebbe produrre i disordini autoimmuni quale l'artrite reumatoide. Ma i soli effetti secondari che sono stati osservati, compreso le eruzioni e la diarrea, si sono presentati alle dosi elevate ed erano risolti senza problemi a lungo termine, Camacho dice.

Sulla Base dei risultati, Pfizer ha lanciato uno studio di Fase II, che sta iscrivendo 100 pazienti a sette istituzioni in tutta la nazione. Camacho servirà da ricercatore principale per questa prova pure.

http://www.mdanderson.org