Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti di cancro al seno di guide di combinazione paclitaxel/di Gemcitabina vivono più lungamente

I pazienti di Cancro al seno con la malattia avanzata vivono più lungamente una volta trattati con una nuova droga, gemcitabina, congiuntamente a paclitaxel, una droga tradizionale, secondo i risultati di uno studio globale di fase III del punto di riferimento presentato alla Società Americana della riunione annuale Clinica (ASCO) dell'Oncologia.

“La sopravvivenza globale Migliore dimostra che la gemcitabina con paclitaxel dovrebbe essere un regime standard di linea di battaglia nella cura del cancro al seno che si è sparso,„ ha detto il ricercatore principale ed il primo Dott. Kathy S. Albain, il professor, divisione dell'autore dell'ematologia/oncologia, Dipartimento di Medicina, la Scuola di Medicina di Chicago Stritch dell'Università di Loyola, Maywood, Ill.

Albain ha progettato e presieduto questa prova internazionale che direttamente ha provocato l'approvazione molto recente di FDA della gemcitabina per cancro al seno. Durante gli anni prima, FDA ha approvato la gemcitabina per altri cancri. La droga interrompe la replica delle cellule incorporandosi direttamente nel DNA.

La ricerca si applica alle donne che non hanno avute mai chemioterapia per il loro cancro al seno avanzato ma già è stata esposta alla classe anticancro di droghe conosciute come le antracicline quando il loro cancro al seno in primo luogo è stato diagnosticato in una fase iniziale.

Partecipando allo studio era 529 pazienti ripartiti con scelta casuale a 98 siti in 19 paesi. Lo studio ha paragonato la gemcitabina più paclitaxel a paclitaxel da solo in donne a cancro al seno metastatico.

Complessivamente 267 pazienti (età media: 53 anni) di gemcitabina ricevuta più paclitaxel; altri 262 pazienti (età media: 52 anni) di paclitaxel ricevuto da solo. Albain ha riferito che la sopravvivenza globale mediana era di 18,5 mesi per la gemcitabina con paclitaxel e 15,8 mesi per paclitaxel da solo.

“Una sopravvivenza di anno era 71 per cento nel gruppo che ha ricevuto la terapia di combinazione, confrontato a 61 per cento per il gruppo curato con paclitaxel solo,„ ha detto Albain, Direttore, Programma Di Ricerca Del Petto; co-direttore del Centro pluridisciplinare di Oncologia del Petto; e Direttore del Programma Toracico di Oncologia, Centro del Cancro di Bernardin del Cardinale, Sistema di Salubrità dell'Università di Loyola, Maywood, Ill. La gemcitabina più la combinazione del paclitaxel ha provocato una riduzione di 26 per cento delle morti del cancro al seno quando tutti i altri fattori sono stati considerati.

“Questi risultati sono importanti perché era incerta se i risultati più iniziali traducessero in vantaggio globale di sopravvivenza,„ ha detto Albain. “Ora, sappiamo che fanno.„

i risultati dell'anno scorso hanno indicato che la terapia di combinazione della droga ha rallentato significativamente la tariffa della progressione del tumore ed hanno migliorato la qualità di vita paziente.

Quella ricerca egualmente ha trovato che la gemcitabina ha fornito il sollievo di dolore in pazienti sintomatici.

“L'Odierno rapporto globale provvisorio di sopravvivenza notevolmente rinforza i 2003 risultati,„ ha detto Albain. “È uno sviluppo importante nella battaglia contro cancro al seno.„

Lo studio egualmente ha trovato che quel 55 per cento di quelli catturare il paclitaxel da solo ha fermato la terapia, dovuto la progressione di malattia, contrariamente a soltanto 38 per cento del gruppo della droga di combinazione.

Per ulteriori informazioni sul Sistema di Salubrità dell'Università di Loyola, registro su http://www.luhs.org.