Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'Echinacea può non fare niente per quella punta semiliquida

Alcuni pensano che l'echinacea sia niente starnutire a. Altri non sono convinti dei reclami che l'erba possa combattere il raffreddore. Uno studio nell'emissione del 15 maggio delle Malattie Infettive Cliniche, ora accessibile in linea, aggiunge alla prova contro le potenze presunte dell'erba: Nello studio, l'echinacea non ha impedito ad un virus di raffreddore di infettare i volontari.

I Ricercatori hanno amministrato l'echinacea o un placebo a 48 persone per i sette giorni prima nasale dell'inoculazione loro con un virus freddo. I volontari poi hanno continuato a catturare l'echinacea o il placebo per un'altra settimana. Più Di 90 per cento dei volontari sia nell'echinacea che nei gruppi del placebo sono stato infettati con il virus freddo, secondo le prove di laboratorio.

Questo risultato è coerente con altri studi dell'echinacea, ha detto Steven Sperber, il MD, autore principale. “Sebbene l'echinacea sia ampiamente usata, una serie di studi ben progettati la mostrano per non essere efficaci nell'impedire il raffreddore,„ ha detto.

Il purpurea dell'Echinacea, o il coneflower porpora, è una delle terapie di erbe più popolari negli Stati Uniti per evitare i freddo. Le capsule, i succhi, i tè e gli estratti dell'Echinacea allineano le navate laterali dei negozi bio. Ma se l'echinacea non può fermare un virus freddo dall'infezione della persona, potrebbe l'erba sopprimere i sintomi di un freddo dopo che una persona è infettata?

Su questo problema, i risultati dello studio di CID erano meno netti. Non ognuno nello studio di CID che è stato infettato è sceso con un freddo. Infatti, i sintomi freddi reali si sono sviluppati in soltanto 58 per cento di coloro che ha ricevuto l'echinacea, rispetto a 82 per cento del gruppo del placebo. Mentre questa differenza è indicativa, non può essere contata come statisticamente significativo a causa di piccolo numero della gente nello studio, il Dott. Sperber ha spiegato.

Degli studi scientifici che hanno trovato la prova a favore dell'echinacea, i maggior parte esaminati la capacità dell'erba di trattare i sintomi freddi piuttosto dei freddo l'avvenimento, il Dott. Sperber hanno notato. Ha speculato che la differenza fra l'echinacea ed i gruppi del placebo nel suo studio potrebbe essere il risultato un il vantaggio del trattamento dall'echinacea, ma questo studio non è stato destinato per osservare specificamente il trattamento.  “E molti studi ben progettati non hanno trovato effetto del trattamento,„ ha detto.

Gli Sforzi per determinare se l'echinacea può sventare il raffreddore soffrono in parte dalla varietà di prodotti dell'echinacea disponibili, rendente lo difficile confrontare i risultati di studio, il Dott. Sperber hanno aggiunto. “I farmaci non possono essere standardizzati da una marca ad un altro. Le componenti particolari dell'impianto e gli importi dei principi attivi non possono essere le stesse,„ ha detto. “L'Echinacea non è regolamentata da Food and Drug Administration lo stessi come droga approvata.„

Tuttavia, l'interesse in echinacea probabilmente continuerà ad essere forte, sia per i pazienti che i medici. “Il freddo è una malattia che pregiudica tutti e per quale là non è maturazione scientifico provata,„ il Dott. Sperber ha detto. “Se l'echinacea si rivelasse essere efficace negli studi ben-condotti, penso che probabilmente sia stata abbracciata. Mentre molti studi già sono stati intrapresi, c'è un'esigenza degli studi ben-condotti supplementari per definitivo rispondere alla domanda circa il ruolo dell'echinacea nella gestione dei freddo.„

Fondate nel 1979, le Malattie Infettive Cliniche pubblica due volte mensilmente gli articoli clinici in varie aree della malattia infettiva ed è una delle pubblicazioni più tenute in gran considerazione in questa specialità. È pubblicata sotto gli auspici della Società delle Malattie Infettive dell'America (IDSA). Basato su Alessandria d'Egitto, il Va., IDSA è un ordine professionale che rappresentano più di 7.500 medici e scienziati che si specializzano nelle malattie infettive.

Per più informazioni, visita www.idsociety.org.