Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia dell'estrogeno può aumentare il rischio per demenza

Un nuovo studio nel giornale di American Medical Association (JAMA) suggerisce che la terapia dell'estrogeno non diminuisca, ma può aumentare, il rischio per demenza in donne più anziane e postmenopausali.

La demenza è declino progressivo nella funzione conoscitiva dovuta danneggiare o nella malattia nel cervello oltre che cosa potrebbe attendersi da invecchiamento normale. Le aree particolarmente commoventi possono essere memoria, l'attenzione, linguaggio e soluzione dei problemi, sebbene specialmente negli stadi avanzati della circostanza, le persone commoventi possano essere disorientate a tempo (che non conoscono il che giorno, settimana, mese o anno è), il posto (che non sanno dove sono) e persona (che non conosce chi sono).

Oggi più di 4 milione di persone negli Stati Uniti hanno avuti morbo di Aalzheimer e quel numero si pensa che aumentasse a 13 milioni da ora al 2050. Le influenze conoscitive più delicate di danno fra un quinto ed un terzo degli adulti più anziani e predice forte la demenza e l'istituzionalizzazione successiva. Gli studi precedenti hanno riferito un'associazione fra più a basso rischio di demenza ed uso postmenopausale dell'estrogeno.

Battuta A. Shumaker, Ph.D., della scuola di medicina di Wake Forest University, Winston-Salem, N.C., con i ricercatori dallo studio di memoria di iniziativa della salubrità delle donne (WHIMS) cercato per determinare se gli estrogeni equini coniugati (CEE) da solo hanno fatto diminuire un rischio della donna più anziana per demenza o danno conoscitivo delicato (MCI). I CAPRICCI precedentemente non hanno trovato un rischio aumentato per demenza ed effetto sul MCI in donne curate con il CEE più l'acetato del medrossiprogesterone (MPA).

I CAPRICCI è uno studio dipendente ai test clinici ripartiti con scelta casuale iniziativa della salubrità (WHI) delle più grandi donne di terapia ormonale che comprendono un gruppo geograficamente diverso di circa 27.000 donne. L'estrogeno più la prova della progestina del WHI era nel luglio 2002 terminato dovuto significantly more eventi avversi non conoscitivi connessi con il CEE più il MPA rispetto a placebo. La prova estrogeno-sola di WHI è stata terminata il 29 febbraio 2004, perché gli istituti della sanità nazionali hanno considerato il rischio in eccesso di colpo nel gruppo attivo dell'ormone come inaccettabile in donne in buona salute in assenza del vantaggio per la coronaropatia, il risultato primario.

I CAPRICCI consistiti di ripartiti con scelta casuale, la prova alla cieca, a test clinici controllati a placebo del CEE o il CEE più il MPA (estrogeno più la prova della progestina) nelle donne dell'comunità-abitazione hanno invecchiato 65 - 79 anni, condotti da giugno 1995 all'8 luglio 2002 (estrogeno più la progestina; n=4,532), o al 29 febbraio 2004 (estrogeno-solo; n=2,947) in 39 dei 40 centri clinici di WHI. I partecipanti alla prova estrogeno-sola hanno ricevuto 1 compressa quotidiana che contiene 0,625 mg/d del CEE o che abbina il placebo; nell'estrogeno più la prova della progestina, hanno ricevuto 1 compressa quotidiana che contiene il CEE (0,625 mg/d) MPA più (2,5 mg/d) o placebi di corrispondenza.

I ricercatori hanno trovato quello nella prova estrogeno-sola, 47 partecipanti sono stati diagnosticati con demenza probabile, di cui 28 sono stati definiti per ricevere il CEE e 19 per ricevere il placebo di corrispondenza. Durante il seguito, l'incidenza di demenza probabile era 49 per cento più d'altezza fra le donne definite per ricevere il CEE rispetto a quelli che ricevono il placebo, ma questa differenza non era significativa. Le tariffe di incidenza per demenza probabile nella prova estrogeno-sola erano statisticamente simili a quelle nell'estrogeno più la prova della progestina. Quando i dati dalle 2 prove sono stati riuniti, il rischio globale per demenza probabile è stato aumentato significativamente di 76 per cento. Dopo a parte i partecipanti con determinati punteggi del riferimento pari o al di sotto del punto del taglio, suggerente il declino conoscitivo iniziale, il rischio per demenza probabile ha aumentato i 77 per cento non significativo nella prova estrogeno-sola e 2,19 volte significative nelle prove riunite.

Il rischio di diagnostica con il MCI nel gruppo del CEE è stato aumentato i 34 per cento non significativo rispetto al gruppo del placebo. Nelle prove combinate, il rischio era simile. Le donne definite nel CEE hanno avute un rischio aumentato 38 per cento significativo di avere o MCI o la demenza probabile a un certo momento durante la prova, confrontata alle donne ha definito a placebo