Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio di New York rivela che i bambini nell'utero sono più sensibili delle loro madri a danno del DNA da inquinamento

Un nuovo studio sugli effetti degli inquinanti atmosferici in relazione con la combustione in New York rivela che i bambini nell'utero sono più sensibili delle loro madri a danno del DNA da tale inquinamento.

Malgrado la protezione fornita dalla placenta, che riduce la dose fetale ad un decimo stimato della dose della madre, i livelli di danno del DNA erano simili nei neonati e nelle loro madri. Ciò che trova è particolarmente notevole, poiché la prova dagli studi precedenti dei roditori di laboratorio suggerisce che il feto sia più sensibile agli effetti cancerogeni degli stessi agenti inquinanti che l'adulto.

Lo studio -- il primo del suo genere in New York -- è stato rilasciato oggi dal Centro di Colombia per la Salute ambientale dei Bambini, parte del Banco del Postino della Salute pubblica alla Columbia University. Sarà pubblicato nell'emissione di Giugno delle Prospettive di Salute ambientale, un giornale scientifico pari-esaminato, che è accessibile in linea a http://ehp.niehs.nih.gov/.

Lo studio ha fatto partecipare 265 coppie le madri ed i neonati in New York. Le madri non stavano fumando le donne di Latina o dell'Afroamericano in Washington Heights, in Harlem Centrale e nel Bronx Del Sud.

Lo studio ha esaminato l'effetto dell'esposizione prenatale agli agenti inquinanti in relazione con la combustione, conosciuto come gli idrocarburi aromatici policiclici (PAH), su danno del DNA. I PAH sono inquinanti atmosferici cancerogeni che attraversano la placenta. Entrano nell'ambiente quando la combustione accade -- quali dall'automobile, camion, o motori del bus, riscaldamento residenziale, produzione di energia, o tabagismo.

I ricercatori hanno raccolto i campioni di sangue dalle madri e dai cordoni ombelicali dei neonati ed hanno esaminato la presenza di due biomarcatori chiave: Complessi agente-DNA (precedentemente connessi con il rischio di cancro aumentato) e cotinine (una misura di esposizione del fumo di tabacco -- in questo caso, fumo di tabacco di seconda mano, poiché le madri erano tutti i non-fumatori). Malgrado stimato 10 volte più in basso dosi al feto confrontato alla madre, i livelli di danno del DNA erano comparabili in neonati ed in madri; ed i livelli elevati di cotinine erano in neonati che le madri.

I risultati di studio sono coerenti con i risultati di uno studio priore, condotti dal Centro a Cracovia, la Polonia. Tuttavia, perché i livelli elevati dell'agente inquinante sono molto a Cracovia che in New York ed in altre città Americane, era importante determinare i livelli di danno in relazione con l'agente inquinante del DNA in madri ed in neonati alle concentrazioni più basse vedute negli Stati Uniti.

“Questi risultati suscitano la grave preoccupazione,„ ha detto il Dott. Frederica P. Perera, Direttore del Centro ed il leader della squadra di studio. “La predisposizione Fetale a danno del DNA da inquinamento atmosferico, compreso le emissioni dell'autoveicolo ed il fumo di seconda mano, ha implicazioni importanti per il rischio di cancro ed i problemi inerenti allo sviluppo. E sottolinea l'importanza di diminuzione dei livelli di inquinamento atmosferico nella nostra città.„

Uno studio precedente dal Centro, rilasciato nel gennaio 2004, trovato che la combinazione di alto danno di PAH-DNA e di fumo di seconda mano, ai livelli trovati in New York, diminuisce il peso alla nascita e la circonferenza capa dei neonati.

Lo studio corrente è stato permesso tramite i sussidi per la ricerca dall'Istituto Nazionale delle Scienze di Salute ambientale, dell'Ente Per La Salvaguardia Dell'ambiente degli Stati Uniti come pure di una serie di fondamenta private generose (http://www.ccceh.org/funders.html). Altri co-author dello studio includono Deliang Tang, Yi-Hsuan Tu, Linda Ali Cruz, Mejico Borjas e Robin M. Whyatt dal Centro e Tom Bernert dal Centri Per Il Controllo E La Prevenzione Delle Malattie.

La ricerca fa parte di più vasto, progetto di ricerca pluriannuale, “Le Madri & i Bambini Studiano In New York,„ cominciato nel 1998, che esamina gli effetti sulla salute dell'esposizione delle donne incinte e dei bambini agli inquinanti atmosferici dallo scarico del veicolo, la masterizzazione commerciale dei combustibili ed il tabagismo come pure da uso residenziale degli antiparassitari e degli allergeni.

http://www.cumc.columbia.edu