Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca della cronologia di medicina riproduttiva durante l'era nazista è ancora tabù

La ricerca della cronologia di medicina riproduttiva durante l'era nazista è ancora tabù, un professore tedesco principale dirà oggi la ventesima conferenza annuale della società europea della riproduzione e dell'embriologia umane (lunedì 28 giugno).

Tuttavia, è vitale che tale ricerca è condotta, perché se i tedeschi non capiscono il che motivato il comportamento di medici nel passato, lotteranno per rendere a decisioni circa le emissioni etiche che confrontano medici e gli scienziati che lavorano oggi nella ginecologia, nell'embriologia e nella riproduzione, dirà.

Rolf Winau, professore della storia della medicina e Direttore del centro per gli studi umanistici e le scienze di salubrità al Charité (la facoltà di medicina) a Berlino, Germania, dirà: “Questa ricerca non dovrebbe essere circa il rimprovero o accusare delle persone lungamente dopo l'evento, ma dovrebbe fare luce su come e su perché i professionisti in un ramo di medicina particolare si sono comportati. La conoscenza circa tale comportamento è importante quanto la conoscenza circa il successo di medicina scientifica. Soltanto questa conoscenza permetterà di riflettere sulla nostra situazione attuale.„

Le sue osservazioni vengono contro uno sfondo della Germania che ha alcune delle leggi più rigorose sulla riproduzione umana in Europa. Con l'ombra dell'eugenetica di Nazi-era che appende sopra loro, negli ultimi anni i tedeschi hanno proibito una serie di procedure che realmente potrebbero avvantaggiare sia i genitori che i bambini. Gli esempi includono: diagnosi genetica di preimplantation, che può diagnosticare le malattie genetiche in un embrione prima che sia trasferita ad una donna; e congelare gli embrioni per uso in fase più avanzata, in modo da significa che la Germania ha una di più alte tariffe delle nascite multiple in Europa, perché medici devono trasferire tutti gli embrioni riescono a creare, indipendentemente dalla qualità dell'embrione - 40% di tutte le nascite di ARTE in Germania sono le nascite multiple, che portano i rischi per sia la madre che i bambini. La clonazione, il surrogacy e la donazione di ovociti sono illegali anche.

Prof. Winau dice: “Dal 1952 al 1980 non c'era la ricerca affatto in medicina durante l'era nazista. Oggi, ci sono ancora tantissimi medici che non desiderano essere ` di disturbo' ricordando i tempi scuri di medicina tedesca. Soltanto alcuni ospedali hanno affrontato fino alla loro cronologia.„

Gli esempi di quella cronologia includono Walter Stoeckel, ordinarius di professore all'università di Berlino e Presidente della società tedesca della ginecologia nel 1933-34. Ha cooperato con i Nazis ed era responsabile dell'espulsione di medici ebrei dalla società. “Stoekel ha indicato chiaramente che lui ed altri ginecologi tedeschi hanno collocato le grandi speranze in Hitler, inviantegli il loro ` ammirazione entusiasta' in un telegramma,„ dice prof. Winau.

“L'esecuzione della legge sull'impedire le malattie genetiche in bambini è un esempio della conformità di molti ginecologi della Germania alle idee razziali ed al concetto dell'igiene razziale del terzo reich. L'opposizione a questa legge appena è esistito. Non c'era la discussione nelle pubblicazioni mediche circa se la legge moralmente è stata giustificata, ma soltanto circa come la sterilizzazione potrebbe essere intrapresa il più efficacemente.

“Per esempio, la testa dell'ospedale di ginecologia di Brandeburgo in Neukoelin, Benno Ottow, rilevato che il ` in cronologia dell'umanità il medico così non è stato integrato mai nel destino della gente e nello stato della gente mentre è nell'ambito di nazionalsocialismo'. In pieno di orgoglio, ha specificato che la prima camera della corte ereditaria di salubrità che ha appartenuto a mentre un ` del giudice ha acconsentito nella valutazione reciproca ed ha consultato completamente più di 1,000 persone con le malattie ereditarie durante l'anno mezzo circa il requisito della loro sterilizzazione'. Poi discute, come maggior lunghezza, le praticità della sterilizzazione e come trattare con i pazienti psichiatrici che hanno dovuto essere forzati dalla polizia al tavolo operatorio.„

Molti scienziati afferrati sulle opportunità offerte dal regime per perseguire la loro ricerca. “Non tutti che usassero questa opportunità hanno agito in tal modo dai motivi senza scrupoli; tuttavia, per molti scienziati, lo slancio scientifico ha trionfato sopra gli scrupoli etici. Ciò definitivamente va per l'anatomista Hermann Stieve, che ha intrapreso un esame fondamentale di ovulazione in donne eseguite dalla prigione di Ploetzensee fra 1942 e 1944. La sua sete scientifica per conoscenza piombo a lui che afferra le opportunità offerte lui senza interrogarle,„ dice prof. Winau.

La grandezza dei crimini commessi da questo uomo e molti altre, lo rende vitale di capire perché si sono comportate nel modo che hanno fatto. “Dobbiamo studiare la storia della medicina nell'era nazista affinché capiamo le root ed i meccanismi di una medicina inumana e perché oltre 45 per cento di tutti i medici tedeschi erano i Nazis e perché alcuni di loro hanno funzionato come ricercatori nei campi di concentramento. Dobbiamo studiare il ` Rassenhygiene', la versione tedesca di eugenetica, per mostrare fin dove il pensiero eugenetico e razziale può andare, di modo che possiamo averlo in mente quando discutiamo le domande etiche sulla riproduzione e sulla fertilità. Se non facciamo, affrontiamo l'incertezza, la mancanza di informazioni e la confusione quando tenendo conto delle domande etiche in futuro.

“Lo studio su medicina nazista era un tabù in entrambi gli stati federati della germania fino ad oggi. È tempo di occuparsi di questa emissione in università, sui corsi e nella società. I ginecologi e gli insegnanti tedeschi devono confrontarlo. Ma rimane molto da fare.„