Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli effetti completi di fumo passivo possono essere sottovalutati

Fumo Passivo e rischio di coronaropatia e di colpo: studio prospettivo con la misura BMJ di cotinine Online In Primo Luogo.

Gli effetti completi di fumo passivo possono essere sottovalutati oggi, secondo un nuovo studio disponibile su bmj.com (Mercoledì 30 Giugno).

La Maggior Parte dei studi sul fumo passivo hanno esaminato i rischi di vivere con qualcuno che fumasse. Sebbene questa sia una componente importante dell'esposizione, non tiene conto dell'esposizione supplementare in posti di lavoro e nei luoghi pubblici (specialmente pub e ristoranti). Al contrario, il cotinine (un sottoprodotto di nicotina) può fornire una misura dell'esposizione più accurata da tutte queste sorgenti.

I Ricercatori alla Facoltà di Medicina dell'Ospedale di St George ed alla Facoltà di Medicina Libera Reale di UCL hanno esaminato i collegamenti fra i livelli di cotinine di sangue ed il rischio di coronaropatia (CHD) ed il colpo in 4.729 uomini da 18 città Britanniche. Gli uomini sono stati riflessi per 20 anni.

Le Più Alte concentrazioni di livelli di cotinine di sangue fra i non-fumatori sono state associate con un maggior rischio 50-60% di CHD. Negli studi di fumo del partner più in anticipo, il fumo passivo è associato con un rischio aumentato 25-30%. Ciò suggerisce che gli effetti di fumo passivo possano essere sottovalutati negli studi più iniziali, dice gli autori. I rischi sono stati aumentati specialmente durante i periodi in anticipo di seguito, indicanti che l'associazione fra i livelli di cotinine e CHD sembra diminuire con tempo. Ciò suggerisce una sorgente possibile ulteriore di sottovalutazione degli effetti di fumo passivo, poichè seguito che lungo i periodi sono stati una funzionalità di molti più presto studia, essi aggiunge.

Ulteriori studi sull'associazione fra il cotinine (o i simili biomarcatori) ed il rischio di CHD contribuiranno a valutare gli effetti di fumo passivo sulla malattia cardiovascolare con maggior precisione. Nel frattempo, questi risultati dovrebbero aggiungere al peso di prova che suggerisce che l'esposizione al fumo passivo sia un rischio di salute pubblica e dovrebbe essere minimizzata, essi concludono.

Clicchi qui per osservare il documento pieno: http://press.psprings.co.uk/bmj/june/passivesmoking.pdf