Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

NovoSeven può risultare essere il primo efficace trattamento per l'emorragia cerebrale causata dal colpo

Gli scienziati dal centro medico del UC hanno svolto un ruolo chiave nello sviluppare che cosa può risultare essere il primo efficace trattamento per l'emorragia cerebrale causata dal colpo.

L'innovazione possibile nel trattamento dell'emorragia (intracerebrale) del cervello, un fattore di coagulazione recombinante da commercializzare come NovoSeven, è stata annunciata sabato al quinto congresso del colpo del mondo a Vancouver, Canada.

NovoSeven è un fattore di coagulazione naturale (anche citato come fattore sette). È già approvato per la cura degli emofiliaci, che mancano di determinati fattori di coagulazione, per smettere di sanguinare.

I ricercatori che hanno studiato l'efficacia di NovoSeven contro l'emorragia cerebrale hanno trovato che ha diminuito sanguinare ed inabilità successive si sono associati con, quando il trattamento è stato amministrato presto dopo l'inizio dei sintomi.

Secondo Joseph Broderick, MD, professore e Direttore della neurologia al centro medico del UC, “questo studio finalmente cambierà la gente di modo a Cincinnati ed attraverso il mondo sono trattati per il colpo.

“La ricerca sottolinea ancora una volta quanto importante è di ottenere rapidamente all'ospedale, ai primi sintomi di un colpo,„ dice il Dott. Broderick, un membro del comitato di coordinamento dello studio e di un co-author del rapporto di NovoSeven.

L'emorragia cerebrale, il genere più micidiale di colpo, accade quando un'arteria nel cervello scoppia e sommerge il tessuto cerebrale adiacente da sangue. Quaranta per cento dei pazienti con l'emorragia cerebrale muoiono nei 30 giorni e soltanto 20 per cento dei superstiti recuperano abbastanza per vivere indipendente dopo un anno.

Lo studio di NovoSeven è stato basato in parte su lavoro fatto dai ricercatori all'istituto universitario del UC di medicina durante il fine degli '80 e gli anni 90. Erano primi per dimostrare conclusivamente che sanguinare continua per parecchie ore dopo l'inizio di un'emorragia cerebrale e sono una ragione principale per il deterioramento rapido in questi pazienti. Più grande della la casella ripiena di sangue (ematoma), più severa la lesione cerebrale e maggior la probabilità della morte.

Prima che gli scienziati del UC scoprano altrimenti, è stato pensato che lo spurgo del cervello si presentasse appena per alcuni minuti che seguono il colpo. I risultati del UC piombo alla possibilità di una terapia, quale il fattore attivato sette utilizzato in NovoSeven, che potrebbe essere dato per fermare lo spurgo in corso.

I risultati presentati al congresso del colpo del mondo sono stati basati su 400 pazienti in Europa. Questi pazienti hanno subito una scansione di cervello di CT in tre ore dell'inizio del colpo per confermare lo spurgo. Di quattro gruppi ha trattato, uno ha ricevuto un placebo mentre gli altri hanno ricevuto i dosaggi differenti dell'insieme del fattore attivato sette.

I pazienti con il colpo causato dai bloccaggi sono curati normalmente con l'attivatore tissutale del plasminogeno (t-PA), una sostanza fatta normalmente dall'ente ai coaguli di sangue dello smembramento. Gli studi più iniziali su t-PA egualmente sono stati fatti a Cincinnati con la cooperazione degli ospedali locali ed i membri di maggior colpo di Cincinnati Team.

NovoSeven è fabbricato da Novo Nordisk, una società di sanità basata su Bagsvaerd, Danimarca.