Poichè gli esseri umani alterano lo sbarco, le malattie infettive seguono

Poichè la gente rifa i paesaggi del mondo, tagliando le foreste, vuotando le zone umide, le strade e le dighe di costruzione e la spinta dei margini delle città mai esternamente, le malattie infettive stanno guadagnando i nuovi appigli, stanno emergendo in nuovi posti e nuovi host e stanno comportando un rischio in continuo aumento a salute degli animali e dell'essere umano.

Scrivendo questo mese (luglio 2004) nelle prospettive di salute ambientale del giornale, un gruppo internazionale degli esperti avverte che i cambiamenti diffusi nel paesaggio globale stanno offrendo le nuove occasioni di dozzine di malattie infettive, compreso i flagelli come malaria, dengue, la malattia di Lyme, la febbre gialla, il colera, l'influenza, aftici e febbri emorragiche.

“La prova sta montando che i cambiamenti di ecosistema e di disboscamento hanno implicazioni per la distribuzione di molti altri microrganismi e la salubrità umano, di animale domestico e delle popolazioni della fauna selvatica,„ secondo il rapporto compilato dal gruppo di lavoro sul cambiamento di utilizzazione delle terre e sull'emergenza di malattia, da un gruppo internazionale di malattia infettiva e dagli esperti in salute ambientale.

“Molte delle nostre attività in corso, soprattutto per sviluppo economico, abbia alcuni effetti sulla salute avversi importanti,„ dice Jonathan A. Patz, l'autore principale del rapporto e un'università di professore diWisconsin-Madison nel centro per il sostentamento economico e l'ambiente globale (SALVIA) dell'istituto del Nelson per gli studi ambientali ed il dipartimento delle scienze di salubrità della popolazione.

Effettivamente, una comprensione dettagliata dell'influenza delle attività umane sulla diffusione degli agenti patogeni, il rapporto nota, è limitata soltanto ad alcune malattie. Nel nord-est degli Stati Uniti, per esempio, gli studi hanno documentato quella frammentazione della foresta, espansione urbana e l'erosione di biodiversità ha contribuito significativamente alla diffusione della malattia di Lyme.

Un esempio più globale è il virus dell'immunodeficienza acquisita, che gli scienziati ritengono possono in primo luogo infettare “i cacciatori della carne della boccola„ dati l'accesso alle foreste tropicali dell'Africa tramite la rete crescente delle strade forestali nell'interno del continente. La malattia successivamente si è sparsa tramite il contatto umano e si è trasformata in in una tragedia globale con la capacità degli esseri umani di viaggiare il mondo con facilità relativa.

Nella portata, l'emissione è vasta, pregiudicando quasi ogni angolo del globo. Le cause sono varie quanto le attività umane che creano le opportunità affinchè gli agenti patogeni prosperino, di spargersi geograficamente ed invadere i nuovi host. Comprende gli agenti patogeni ben noti e dominanti quale il parassita che causa la malaria, una malattia che sostiene più di 1 milione vite annualmente, alle malattie come SAR che sono relativamente nuove e, finora, limitate.

“Non c'è prova irrefutabile,„ dice Patz. “Le cause sono intrecciate nelle pratiche insostenibili in vigore dello sviluppo. „

La lista delle attività che contribuiscono alla diffusione della malattia infettiva, secondo le prospettive di salute ambientale riferisca, è lunga e varia, variando dagli inseguimenti apparentemente innocui come ecoturismo e l'agricoltura alla guerra ed al malcontento sociale.

Anche il mutamento climatico o gli estremi, le note di rapporto, può avviare una catena degli eventi che si manifesta nell'emergenza di nuove malattie. Un esempio citato nel rapporto è l'emergenza del virus del nipah in Malesia e Singapore nel 1999 quando gli incendi Nino-riforniti EL sono pensati per guidare i pipistrelli di frutta dal loro habitat della foresta alle aziende agricole in cui il virus è stato trasmesso ai maiali ed agli esseri umani.

Il rapporto fa una serie delle raccomandazioni affrontare l'emissione, compreso il collegamento dell'utilizzazione delle terre a politica sanitaria di salute pubblica, ampliando la ricerca su disboscamento e sulla malattia infettiva, lo sviluppo delle polizze per diminuire “l'inquinamento dell'agente patogeno,„ e l'istituzione dei centri per la ricerca e della formazione nell'ecologia e nella ricerca di salubrità.

“Mentre ci sono oggi molte crisi di salubrità intorno al mondo, ci sono attività umane in corso che minacciano il tasto delle risorse naturali a sostenere la salubrità delle generazioni future,„ dicono Patz. “Dobbiamo esaminare le cause di origine della diffusione della malattia infettiva e molti di questi sono collegati con l'habitat ed il cambiamento di ecosistema.„

Autore: Terry Devitt - [email protected]