Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le donne ora rappresentano la metà della gente che vive con il HIV mondiale

Le donne ora rappresentano la metà della gente che vive con il HIV mondiale e rappresentano una delle popolazioni più a crescita rapida influenzate dalla malattia. Negli Stati Uniti da solo, 30 per cento di nuove infezioni HIV si presentano in donne.

Una ancor più tendenza di disturbo è già affermata nei paesi in via di sviluppo. Il programma unito delle nazioni unite sul HIV/AIDS (UNAIDS) riferisce che due terzi della gente recentemente infettata in paesi in via di sviluppo sono fra le età di 15 e di 24 e di quelli, altrettanto poichè 64 per cento sono femminili.

In Africano e nelle parti subsaariani dei Caraibi, le età 15 - 24 delle giovani donne ora sono due volte probabili essere infettate come maschi la stessa età, con gradi di infezione delle ragazze' in determinate aree alte quanto sei volte che dei loro pari maschii. I dati recentemente pubblicati dal CDC indicano che gli Stati Uniti possono avvertire un simile spostamento. Fra gli anni dell'adolescenza, le ragazze hanno rappresentato più della metà di nuove infezioni HIV riferite nel 2001.