Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Prove sta emergendo che le cellule staminali adulte dal midollo osseo hanno un potenziale terapeutico per ripristinare le cellule cardiache

I risultati di uno studio randomizzato nel numero di questa settimana di THE LANCET suggeriscono che il trasferimento delle cellule staminali adulte, derivato dal midollo osseo potrebbe migliorare funzionamento cardiaco dopo un attacco di cuore.

Prove sta emergendo che le cellule staminali adulte dal midollo osseo hanno un potenziale terapeutico per il ripristino delle cellule cardiache fra persone che hanno avuto un attacco di cuore. Helmut Drexler (Università di Friburgo, Germania) e colleghi di valutare se il trasferimento delle cellule del midollo osseo dei pazienti potrebbe migliorare il funzionamento del ventricolo sinistro del cuore 6 mesi dopo il trattamento.

60 pazienti che avevano subito successo intervento coronarico percutaneo (PCI; angioplastica palloncino e stent coronarici) per ripristinare il flusso sanguigno dell'arteria coronaria ha preso parte allo studio. La metà erano dato trasferimento di cellule staminali del midollo osseo 5 giorni dopo il PCI, l'altra metà è stata data ottima terapia medica. Pazienti che erano stato il trasferimento di cellule staminali dato avevano dato, intorno a un miglioramento del 7% in funzione ventricolare sinistra rispetto a solo un aumento dello 0,7% per i pazienti, terapia medica.

Dr Drexler commenti: "i nostri risultati dare sostegno al concetto che del midollo osseo autologo cellule possono essere utilizzate per migliorare ventricolare sinistra recupero funzionale in pazienti dopo infarto miocardico acuto. Prove più grandi sono necessari per affrontare l'effetto del trasferimento di cellule di midollo osseo sugli endpoint clinici come l'incidenza dell'insufficienza cardiaca e sopravvivenza."

In un commento di accompagnamento (p 121), Jürgen Hescheler (Università di Colonia, Germania) conclude: "medicina profitti dal fatto che i medici spesso forniscono un primo impulso e poi gli scienziati base prendono in consegna la ricerca di fondo nei meccanismi. Dopo questi meccanismi sono stati chiariti, potremmo anche essere in grado di sostituire l'iniezione di cellule di un farmaco appropriato. Altrettanto importante rimane la prosecuzione della ricerca di base e le fonti più promettenti di cellule del muscolo cardiaco — cioè, derivati da cellule staminali embrionali o fetali cardiomyocytes in modelli animali...[lo] Studio esemplifica il fatto che i medici e scienziati base devono collaborare più strettamente e rafforzare le loro interazioni. Il beneficiario finale sarà il paziente, che deve essere l'obiettivo principale per tutti noi".

Seminario di questa settimana (p 183) discute le conoscenze attuali e futuri problemi che circondano la terapia di cellule staminali per il cuore. John Martin (University College London, UK) conclude: "ci sono prove in tutta la specie che si può verificare la rigenerazione del tessuto. Studi su animali e umani suggeriscono che le cellule staminali in grado di migliorare la funzione cardiaca esistono negli adulti. Questo potrebbe essere parte di un processo di riparazione naturale. Il vantaggio di questo nuovo approccio al trattamento della malattia cardiovascolare dovrebbe essere confermato e ottimizzato. La sicurezza è la questione fondamentale. È importante che le sperimentazioni cliniche sono progettati per rispondere a queste domande. Finanziamento di tali grandi studi rimarrà un ostacolo importante. Aperta collaborazione tra scienziati di base e ai medici di tutto il mondo è cruciale per questi problemi da superare."

http://www.thelancet.com/