Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Un resti scheletrico di 3.160 persone rivela lo stato cambiante di cancro in Europa attraverso i secoli

Le tariffe di incidenza del Cancro nel mondo sviluppato stanno aumentando ogni anno ed i paesi in via di sviluppo egualmente ora stanno mostrando un'incidenza aumentata della malattia.

Ma quanto era i nostri antenati influenzati dalla malattia? Il Dott. Mario Slaus dell'accademia croata delle scienze e delle arti a Zagabria ha presentato i risultati archeologici alla diciottesima riunione dell'associazione europea di ricerca sul cancro (EACR-18) a Innsbruck oggi (6 luglio 2004), suggerendo che la malattia fosse molto rara anche nei nostri antenati recenti, rinforzanti il concetto che il cancro è una malattia moderna del `' ed è in gran parte una conseguenza di maggior longevità che ora stiamo sperimentando.

Il Dott. Slaus ed il suo colleagues1 ha analizzato il resti scheletrico delle 3.160 persone nella raccolta scheletrica dell'accademia croata delle scienze e delle arti per prova dei neoplasma (crescita incontrollata ed anormale del tessuto). Il resti nella data della raccolta da 5,300BC all'ANNUNCIO del XIX secolo ed è stato raccolto dai siti archeologici attraverso la Croazia. L'analisi (morfologia lorda compresa, raggi x e CT-scansioni) ha rivelato 4 casi della malattia neoplastico in persone che variano a partire da 3-4 anni a 50-60 anni. Tutti e 4 i neoplasma implicati dell'osso di casi (ovviamente, come osso era il solo tessuto che rimane): due difetti corticali fibrosi, un osteochondroma e un osteoma. Tutte e tre le circostanze erano benigne, con poco potenziale per trasformazione maligna.

“La bassa frequenza dei neoplasma nella raccolta scheletrica croata è caratteristica per materiale archeologico„, ha detto il Dott. Slaus. “Non abbiamo trovato prova dei tumori secondari dell'osso affatto in persona nella raccolta, un fattore che probabilmente è spiegato dal fatto che la età--morte media degli esemplari è di 35,6 anni. I tumori maligni e benigni primari dell'osso sono relativamente rari, anche in giovani persone in cui l'incidenza di questi neoplasma è più alta, mentre i tumori secondari dell'osso, sebbene molto più comuni, siano associati con la vecchiaia„.

La speranza di vita nel XXI secolo è superiore a ha avuta luogo mai nel passato; una conseguenza di un intervallo dei fattori quali migliore nutrizione, consapevolezza migliore di salubrità nella popolazione, migliore risanamento e la sanità più accessibile. Tuttavia, la longevità aumentata è accompagnata da un'incidenza aumentata di cancro. I fattori correlati il più chiaro con lo sviluppo di cancro nell'Unione Europea stanno fumando (stimato per causare 30% di tutte le morti del cancro) e l'obesità/fattori dietetici (stimati per essere responsabili di un 30% più ancora di tutte le morti del cancro) ma questi fattori richiedono spesso molti anni per piombo allo sviluppo dei tumori sintomatici, in modo dalle popolazioni di invecchiamento mostrano naturalmente un'più alta incidenza della malattia.

“Le persone nella raccolta scheletrica croata sarebbero state a malattie inclini quale la sifilide, la tubercolosi e la lebbra (e noi ha trovato la prova per ciascuno di questi termini in persone nella raccolta) e queste malattie (ed altre) certamente avrebbero contribuito significativamente alla mortalità nei nostri antenati„, il Dott. aggiunto Slaus.

“Il cambiamento da queste vecchie' malattie del ` a `' quei moderni quale cancro può essere veduto come componente dell'evoluzione della nostra società, ma come con le vecchie' malattie del ` possiamo passare un certo modo di combattere la malattia moderna del `' di cancro through istruendo la gente circa i rischi della malattia ed incoraggiandoli ad adottare uno stile di vita sano„, ha detto il Dott. Slaus.

La raccolta scheletrica croata dimostra come il cancro è, nella grande parte, una conseguenza della nostra durata della vita recentemente significativamente aumentata come pure cambiamenti significativi al nostro stile di vita. L'incidenza di cancro che corrente abbiamo in Europa e l'incidenza aumentante che è veduta nei paesi in via di sviluppo, possono essere diminuite significativamente con maggior formazione circa i vantaggi di tabacco di fumo, dalla gente incoraggiante per mangiare una dieta abbondante in frutta ed in verdure fresche, con la promozione di uno stile di vita che comprende l'esercizio regolare e dalla gente incoraggiante per non bere l'alcool all'eccesso.