Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il gene si è associato con predisposizione al diabete di sviluppo di tipo 1

Una nuova mutazione genetica identificata dai ricercatori all'istituto universitario di Baylor di medicina a Houston fa parte della costellazione dei geni connessi con predisposizione al diabete di sviluppo di tipo 1. Potrebbe anche svolgere un ruolo nelle complicazioni devastanti del diabete quale insufficienza renale.

Il gene chiamato SUMO-4 contribuisce una parte del rischio di questo modulo del diabete, che direzione tipicamente i giovanotti, ha detto il DRS. David Owerbach, Kurt Bohren e Kenneth Gabbay. Owerbach e Bohren sono socio e assistenti universitari nella sezione del diabete molecolare e metabolismo nel dipartimento della pediatria al BCM, rispettivamente. Gabbay è professore della pediatria e capo della sezione.

SUMO-4 svolge un ruolo nella regolamentazione del sistema immunitario. Una volta mutato, il gene funziona anormalmente, prolungando la risposta infiammatoria.

Ciò che trova dà a scienziati una bugna circa la causa autoimmune del diabete. In diabete di tipo 1, il sistema protettivo dell'organismo si rivolta contro le sue proprie celle producenti insulina del â nel pancreas. Di conseguenza, la gente che ha diabete di tipo 1 non produce l'insulina. Senza insulina, i loro organismi non possono regolamentare i livelli di zucchero nel loro sangue.

Il gene mutato SUMO-4 può influenzare il trattamento infiammatorio stesso ed aumentare la predisposizione alle complicazioni del diabete.

I rapporti del lavoro da Owerbach, Bohren e Gabbay ed il resto del loro gruppo nel Harry B. e del centro di ricerca di Aileen B. Gordon il Diabetes all'ospedale pediatrico del Texas ed al BCM sono comparso il luglio 2004 nell'edizione del 25 giugno 2004 del giornale della biochimica e nell'emissione del diabete del giornale.

Nessun gene causa il diabete di tipo 1. Tuttavia, i ricercatori del BCM ed altri nel campo hanno identificato una miriade di geni che contribuiscono al rischio di sviluppare la malattia. Fra i geni più potenti sono quelli nei HLA o nella regione umana dell'antigene del leucocita, che regolamentano il sistema immunitario e celle immuni di guida differenzia l'auto dall'non auto.

Le varianti del gene del Dott e di DQ nella regione di HLA sono particolarmente importanti e sono trovate in 95 per cento dei diabetici di tipo 1. Insieme, i geni nella regione di HLA rappresentano fino a 40 per cento del rischio familiare di sviluppare il diabete di tipo 1.

Un secondo insieme dei geni di predisposizione del diabete di tipo 1 egualmente è stato identificato nella regione immediatamente prima del gene dell'insulina. Questa regione contiene un VNTR o un numero variabile delle ripetizioni in tandem, che si riferisce alle ripetizioni delle basi chimiche specifiche che compongono il DNA. Eredità degli aumenti di determinato VNTR il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1.

SUMO-4 contribuisce al rischio globale. Tuttavia, il significato del gene SUMO-4 si trova nel suo ruolo nel gestire la risposta immune ed infiammatoria. Il gene variabile diabete-associato sembra aumentare la morte di risposta e delle cellule di sforzo. SUMO-4 può fornire un obiettivo terapeutico per modificare o accorciare il piombo trattato infiammatorio alla distruzione delle celle del â.

Un gruppo dall'istituto universitario medico di George ha confermato recentemente indipendente i risultati del BCM in un rapporto che compare online nella genetica della natura e sarà pubblicato ad agosto.

Questa ricerca che quella piombo all'identificazione di SUMO-4 è stata costituita un fondo per dalle fondamenta del diabete giovanile ed il Harry B. e Aileen B. Gordon Foundation.