I Ricercatori hanno indicato che un vaccino sperimentale può diminuire la quantità di neurodegeneration in un modello del mouse per la Malattia del Parkinson

Per la prima volta, i ricercatori hanno indicato che un vaccino sperimentale può diminuire la quantità di neurodegeneration in un modello del mouse per la Malattia del Parkinson. L'individuazione suggerisce che una simile terapia potrebbe finalmente potere rallentare il corso devastante della Malattia del Parkinson in esseri umani.

Il trattamento sperimentale in questo studio è fra il primo per mostrare il potenziale per il rallentamento della degenerazione del cervello in questa malattia, i ricercatori dicono. Le terapie Attualmente disponibili possono trattare i sintomi della malattia, ma non impediscono la perdita di cellule cerebrali.

“Questo è un approccio terapeutico novello per fermare l'infiammazione offensiva connessa con il neurodegeneration. È emozionante perché un approccio come questo può essere utile in varie malattie neurodegenerative oltre alla Malattia del Parkinson,„ dice il Murphy di Diane, Ph.D., un Istituto Nazionale del direttore del programma del Colpo e di Disordini Neurologici (NINDS) per la ricerca della Malattia del Parkinson. La ricerca è stata costituita un fondo per in parte dal NINDS e sembra nell'emissione del 22 giugno 2004 degli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS) .1

Gli Studi nell'ultima decade hanno indicato che l'infiammazione è comune a varie malattie neurodegenerative, compreso la Malattia del Parkinson, il Morbo di Alzheimer, la demenza associata HIV-1 e la sclerosi laterale amiotrofica (ALS o Lou Gehrig's Disease). L'infiammazione in queste malattie comprende l'attivazione di microglia - celle specializzate di sostegno nel cervello che producono il sistema immunitario che segnala i prodotti chimici chiamati citochine. Sebbene l'infiammazione possa essere offensiva, Michel Schwartz, Ph.D. e colleghi all'Istituto di Weizmann in Rehovot, Israele, ha aperto la strada alla ricerca che mostra che quella le celle immuni d'attivazione nei modi specifici anche possono piombo alle risposte neuroprotective nei modelli animali di midollo spinale e del trauma cranico.

Nel nuovo studio, Howard E. Gendelman, M.D., dell'Università di Centro Medico del Nebraska a Omaha, con il dottorando Eric Benner ed i colleghi, ha sperimentato con una droga chiamata copolymer-1 (Copaxone). Gli studi Precedenti hanno indicato che Copaxone, che è comunemente usato trattare la sclerosi a placche, aumenta il numero delle celle di T immuni che secernono le citochine ed i fattori di crescita antinfiammatori. I ricercatori hanno catturato le celle immuni dai mouse che avevano ricevuto l'immunizzazione di Copaxone ed iniettato loro nei mouse che avevano ricevuto le iniezioni di una droga hanno chiamato MPTP. MPTP piombo a degenerazione di un neurone Parkinson's Del tipo di nel cervello.

I Mouse che hanno ricevuto le celle immuni Copaxone-Trattate hanno avuti significativamente meno degenerazione dei neuroni producenti dopamina nel loro cervello che i mouse che non hanno ricevuto le celle curate. Questi mouse egualmente hanno perso meno fibre nervose ditrasmissione che i mouse di controllo ed hanno avuti soltanto una piccola diminuzione nella quantità di dopamina prodotta nel cervello. La Dopamina è un prodotto chimico di segnalazione del nervo (neurotrasmettitore) quel movimento di comandi; una perdita di neuroni producenti dopamina è il problema centrale nella Malattia del Parkinson.

I ricercatori hanno trovato che le celle di T nei mouse trattati hanno migrato all'area nociva del cervello, hanno diminuito le reazioni nocive del microglia ed hanno avviato una risposta neuroprotective. Inoltre, il vaccino ha aumentato drammaticamente la quantità di fattore di crescita chiamato GDNF (fattore neurotrophic glial-derivato) quel guide impedisce il neurodegeneration.

“Questo studio fornisce un proof of concept,„ dice il co-author Serge Przedborski, M.D., Ph.D. di studio, della Columbia University in New York. La vaccinazione modifica il comportamento delle celle glial in modo che le loro risposte siano utili al sistema nervoso piuttosto che nocive, lui spiega.

I ricercatori hanno iniettato le celle Copaxone-Trattate in questo studio perché MPTP distrugge il sistema immunitario del mouse, il Dott. Gendelman dice. I mouse di MPTP hanno avuto bisogno delle celle immuni della sostituzione per rispondere alla droga. Tuttavia, Copaxone potrebbe essere dato direttamente agli esseri umani, dice.

I ricercatori ora pianificazione gli studi di approfondimento confermare i loro risultati ed identificare le citochine specifiche, i fattori di crescita del nervo ed altre proteine che svolgono un ruolo nella risposta protettiva. L'Altro lavoro è necessario determinare come tradurre i risultati di studio in terapia per gli esseri umani ed assicurarsi il trattamento è sicuro per i pazienti con Parkinson, che non può reagire alla droga allo stesso modo che i pazienti del MS fanno, il Dott. Przedborski dice.

Mentre Copaxone corrente è approvato dagli Stati Uniti Food and Drug Administration per uso nel trattamento della sclerosi a placche, la dose stata necessaria per trattare la volontà di Parkinson probabilmente è abbastanza differente dalla dose utilizzata nella cura del MS, dice Benner. La sincronizzazione del trattamento può anche provare critico. Di Conseguenza prematuro per i pazienti con la Malattia del Parkinson cominciare a catturare la droga. Le dosi Attualmente disponibili della droga potrebbero essere inefficaci o persino nocivo per questi pazienti, aggiunge.

Il NINDS è una componente degli Istituti della Sanità Nazionali all'interno del Ministero dei Servizi Sanitari e Sociali ed è il sostenitore primario della nazione della ricerca biomedica sul cervello e sul sistema nervoso.

http://www.ninds.nih.gov