La via Molecolare nel cervello può spiegare perché alcuni pazienti che soffrono dalle malattie infiammatorie sviluppano la depressione

Sent Maleire può essere “tutto nel capo„ per la gente con i disordini infiammatori o per quelli che ricevono l'immunoterapia, dice Robert Dantzer e Keith Kelley, i professor nel dipartimento delle zootecnica all'Università dell'Illinois aUrbana-Champagne.

“Per la prima volta, abbiamo prova di forte relazione fra un evento molecolare e lo sviluppo di psicopatologia,„ Dantzer ha detto.

I due scienziati, che hanno collaborato per 25 anni, hanno identificato come una via molecolare nel cervello può spiegare perché alcuni pazienti che soffrono dalle malattie infiammatorie sviluppano la depressione. “Lo scopo della nostra ricerca è di capire i meccanismi che sono responsabili del causare la depressione nei pazienti con le malattie infiammatorie,„ Dantzer ha detto.

I disordini Depressivi si presentano in 12 - 30 per cento dei pazienti che soffrono dalle varie malattie con una componente infiammatoria, compreso la coronaropatia e le malattie autoimmuni quali l'artrite reumatoide e le viscere infiammatorie. Questi disordini di umore sono attribuiti solitamente ai problemi psicologici incontrati dai pazienti che devono occuparsi della sofferenza e dell'inabilità determinate dalle loro malattie.

Tuttavia, Dantzer e Kelley spiegati, ricerca sui pazienti di cui i sistemi immunitari sono amplificati dalla sfida di immunoterapia questa visualizzazione e suggeriscono che la depressione possa provenire dal sistema immunitario.

L'Immunoterapia è usata per curare i pazienti che soffrono dal cancro o dal melanoma del rene con la metastasi, o dalle infezioni virali quali epatite virale C e l'AIDS.

“Alcuni mille malati di cancro e parecchie centinaia di migliaia di pazienti di epatite virale C sono curati ogni anno con immunoterapia,„ Dantzer ha detto.

L'Immunoterapia comprende le iniezioni delle citochine, che sono prodotti chimici fatti normalmente dalle celle immuni che amplificano il sistema immunitario per combattere gli agenti patogeni e le cellule tumorali contagiosi di uccisione. Purtroppo, l'immunoterapia egualmente causa la depressione in 33 per cento dei pazienti, come riferito da Dantzer nel 2002.

I Sintomi della depressione cominciano nei giorni alle settimane del trattamento dell'inizio e la spariscono una volta cessa. “L'avvenimento della depressione in pazienti citochina-trattati indica che il trattamento deve essere cessato poiché i pazienti depressi possono commettere il suicidio,„ lui ha detto.

Per circa 30 anni, la depressione è stata collegata ai bassi livelli di serotonina, un prodotto chimico del cervello che regolamenta l'umore. Le Droghe hanno chiamato gli inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina (SSRIs) quale la depressione di facilità del Prozac elevando i livelli della serotonina.

“Sebbene SSRIs possa essere usato per trattare dalla la depressione indotta da immunoterapia, non sono 100 per cento efficaci e non impediranno il suicidio in pazienti con i pensieri suicidi,„ Dantzer ha detto. “Gli studi Clinici stanno studiando se il trattamento di SSRI potrebbe essere utilizzato in un modo preventivo se fosse possibile identificare in anticipo quei pazienti vulnerabili.„

Dagli anni 80, i professionisti medici hanno osservato che i pazienti hanno trattato con le citochine avvertono un maggior avvenimento della depressione. Fino ad oggi, i meccanismi della depressione durante la terapia di citochina sono rimanere poco chiari. Esplorando i meccanismi, speranza potenziali di Kelley e di Dantzer aiutare i pazienti ad evitare depressione mentre traendo giovamento dagli effetti d'amplificazione immuni dei trattamenti di citochina.

Questa estate, hanno iniziato una serie di esperimenti sui mouse, di cui le risposte immunitarie sono simili a quelle in esseri umani, per mostrare come il trattamento di citochina causa lo svuotamento della serotonina. Il lavoro è costituito un fondo per dall'recentemente ricevuto a $1,7 milioni la concessione quinquennale dall'Istituto della Salute mentale Nazionale.

Dantzer e Kelley suppongono che le citochine sopprimano la serotonina attivando un enzima chiamato indoleamine-2,3-dioxygenase (IDO) che catabolizes il triptofano, un amminoacido essenziale fornito da alimento ingerito. Nel cervello, IDO impedisce il triptofano trasformarsi la serotonina, che causa i livelli in diminuzione di serotonina e piombo ai sintomi della depressione.

Dantzer e Kelley cercheranno di identificare le aree specifiche del cervello dove le citochine attivano IDO e dove i livelli della serotonina differiscono. Teorizzano che le stesse aree del cervello relative alla depressione mostreranno l'attivazione aumentata di IDO ed i livelli in diminuzione della serotonina.

Egualmente valuteranno i trattamenti potenziali che possono facilitare la depressione citochina-causata. Gli agenti Ossidanti ed i radicali liberi attivano IDO. Gli Antiossidanti saranno utilizzati in uno sforzo per fare diminuire i radicali liberi, che possono fare diminuire l'attivazione di IDO.

Sopprimendo l'attività di IDO, il triptofano dovrebbe essere a disposizione per essere convertito in serotonina, i ricercatori crede. Se il trattamento antiossidante prova efficace nei mouse, quindi i pazienti umani finalmente possono trarre giovamento dall'approccio.

Un tecnico della ricerca, un collega postdottorale e due dottorandi eseguiranno gli esperimenti durante i cinque anni futuri. Gli studenti universitari egualmente saranno dati le opportunità di aiutare in laboratorio il lavoro.

“Uno di migliori modi ampliare questo campo è di incoraggiare gli studenti non laureati a partecipare,„ Kelley ha detto. “L'Esperienza di nostro laboratorio apre le porte del veterinario, medico e delle scuole post-laurea. È una cosa per avere le grandi valutazioni del test medie e solide grado punti, ma anche avere vostro nome su un documento pubblicato in un giornale pari-esaminato è notevole.„

Il lavoro recente da Dantzer e da Kelley è stato scintillato tramite l'osservazione dal Dott. Andrew Miler, uno psichiatra all'Emory University, che il Prozac diminuisce il livello di depressione in pazienti che ricevono l'immunoterapia.

Nel 2002, Dantzer, in un documento pubblicato in Psichiatria Molecolare del giornale, ha riferito perché le citochine causano la depressione. Ha trovato che i malati di cancro curati con le citochine avevano fatto diminuire i livelli di sangue di triptofano. Mentre i livelli del triptofano sono diminuito, la severità della depressione è aumentato. Quello che trova ha costretto Dantzer e Kelley a studiare come le citochine inducono la depressione.

“Abbiamo conosciuto sempre che i cambiamenti comportamentistici accompagnano la malattia,„ Kelley abbiamo detto. “Per esempio, la malattia indurrà una persona a dormire e mangiare di meno. In Questi Ultimi 25 anni, Robert ed Io hanno studiato perché la malattia causa quei cambiamenti comportamentistici.„

Il lavoro da Dantzer e da Kelley fa parte di una tendenza crescente della ricerca del laboratorio che sta mescoland'i campi dell'immunologia, della psicologia, della neuroscienza e della biochimica. Sperano di ampliare il campo dell'immunologia all'Illinois sviluppando un programma per l'immunologia ed il comportamento integranti.

“Ora all'Università dell'Illinois, ci sono i sette professor e soci di ricerca con quasi $12 milioni nelle concessioni nell'area di immunologia e di comportamento integranti,„ Kelley ha detto. “Pianificazione usare che base finanziaria come base per scrivere una proposta di concessione di progetto di programma che costituirà un fondo per i dottorandi e i postdocs per studiare l'immunologia ed il comportamento integranti.„

Da Quando in primo luogo si sono incontrati nel 1979, Dantzer e Kelley hanno combinato il loro addestramento in medicina veterinaria, psicologia, immunologia, fisiologia e biochimica per produrre 95 documenti pubblicati. Costruiscono spesso sopra le loro concentrazioni complementari. “Robert sognerà di tali idee come come la speranza pregiudica la guarigione e penserò a come verificare quelle idee,„ Kelley ha detto.

In uno studio del punto di riferimento pubblicato nel 1992, Dantzer e Kelley erano i primi ricercatori per osservare che i mouse sviluppano una febbre e video il comportamento in relazione con la malattia quando le citochine sono amministrate direttamente al cervello. “Precedentemente, era che la malattia si presentasse soltanto sotto il collo ed il cervello avesse niente a che fare con,„ Kelley creduto ha detto.

In un altro studio in mouse, Dantzer e Kelley hanno trovato che quando una delle vie di un neurone dall'organismo al cervello è divisa, le citochine non causano il comportamento di malattia.

“Segnala dal sistema immunitario che indicano che la malattia non raggiunge il cervello, in modo dal cervello non conosce che dovrebbe mostrare i sintomi comportamentistici della malattia,„ Kelley ha detto.

Un numero crescente degli scienziati considera il sistema immunitario un sesto senso. “Non possiamo toccare, odorare, assaggiare, vedere o sentire un virus,„ Kelley ha detto, “ma abbiamo un organo che percepisce e risponde agli agenti patogeni contagiosi e trasmettiamo questi informazioni al cervello. Quell'organo è il nostro sistema immunitario.„

http://www.uiuc.edu