Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le donne incinte in India possono offrirsi volontariamente per la ricerca del HIV senza completamente capire i vantaggi o le conseguenze

Le donne incinte possono offrirsi volontariamente per partecipare alla ricerca del HIV senza completamente capire i vantaggi o le conseguenze, secondo uno studio pubblicato oggi nella medicina di BMC. Si offre volontariamente' la comprensione degli studi o i trattamenti dovrebbero essere provati per assicurarsi che il loro consenso sia vero informato e volontario, dicono gli autori dello studio.

I regolamenti internazionali per comportamento etico della ricerca richiedono che i volontari siano presentati con informazioni scientifiche e legali dettagliate prima del consenso partecipare ad uno studio. Tuttavia, molte agenzie di finanziamento sono ignare dei regolamenti e non ci sono requisiti dei ricercatori controllare comprensione dei volontari' di questi informazioni.

Gli autori dello studio, dalla Johns Hopkins University in Pune, l'India e Baltimora, U.S.A. hanno trovato che uso comprensione dei volontari significativamente migliori dei sussidi visivi' delle informazioni concernente consenso informato. Suggeriscono che, “i requisiti correnti delle procedure di consenso informato sono insufficienti e che dovrebbe essere un trattamento che comunica le informazioni in un efficace modo, tiene conto la reiterazione di informazioni e comprende una valutazione dei pazienti' la conoscenza prima della firma del documento di consenso informato.„

Il Dott. Anita Shankar ed i suoi colleghi ha intervistato le donne incinte che si erano offerte volontariamente appena per uno studio del HIV che è effettuato dagli scienziati ad una clinica prenatale in un ospedale in Pune. Il suo gruppo ha esaminato conoscenza dei pazienti' delle informazioni di studio che erano state fornite loro durante il trattamento di consenso informato.

I ricercatori hanno trovato che la comprensione delle donne era frequentemente insufficiente, specialmente per i concetti difficili quali i rischi sociali connessi con l'accettazione della prova del HIV. La comprensione adeguata dei settori di tasto è stata amplificata 38% - 72% usando i sussidi visivi semplici durante le sessioni di formazione del gruppo. Se le stesse rappresentazioni fossero usate ancora durante il seguito determinato che consiglia le sessioni, le donne a livello di comprensione sono aumentato a 96%.

“Questo studio dimostra che le costruzioni complesse quale consenso informato possono trasportarsi in popolazioni con poca formazione ed all'interno delle impostazioni occupate dell'ospedale statale e che il modello standard non può essere sufficiente per assicurare il vero consenso informato,„ scrive Shankar.

Continua: “Mentre le rappresentazioni e questo strumento di valutazione di consenso informato sono messi a disposizione in India, è sperato che siano utilizzati da altri governo ed organizzazioni non governative in tutto l'India per migliorare la comunicazione per quanto riguarda il HIV/AIDS.„