Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La perdita della proteina svolge il ruolo nella leucemia a cellula T acuta

La perdita di proteina chiave (Smad3) in una via che le guide impediscono i tumori la formazione è specifica ad un modulo della leucemia di infanzia, ma non ad altri moduli pediatrici ed adulti della leucemia, secondo un nuovo studio pubblicato nel 5 agosto 2004 New England Journal di medicina.

Lo studio è stato fatto dagli scienziati all'istituto nazionale contro il cancro (NCI), parte degli istituti della sanità nazionali (NIH) e dà a ricercatori le nuove comprensioni in come le leucemie variano ad un livello molecolare.

Smad3 è un giocatore importante in un sistema di relè cellulare della rete chiamato la fattore-beta (TGF-B) cascata di trasformazione di segnalazione della crescita. TGF-B lega ai ricevitori sulla superficie dei globuli che si sviluppano in midollo osseo ed attiva una cascata della multi-proteina che trasmette questi segnali esterni nel nucleo della cella. Questi segnali rallentano tipicamente la tariffa a cui questi globuli proliferano. Quindi, quando questa via del segnale è interrotta, TGF-B può più non gestire la proliferazione delle cellule e questo potenzialmente può piombo alla leucemia - un cancro dei globuli.

Per capire meglio il ruolo di Smad3 in questo via e come può variare nei moduli differenti della leucemia, John Letterio, M.D. ed in un gruppo dei ricercatori ha cercato la presenza di proteina Smad3 in campioni delle celle umane di leucemia raccolte dai pazienti con una di tre leucemie differenti di infanzia: una leucemia derivata cellula T, linfocita B ha derivato la leucemia (entrambi sono un tipo di globulo bianco conosciuto come un linfocita) e la leucemia del non linfocita. La proteina Smad3 era presente nei campioni del non linfocita e del linfocita B, ma in quasi inesistente in tutti i campioni della cellula T. Questa mancanza di proteina Smad3 egualmente sembra limitarsi alla leucemia a cellula T di infanzia, perché i ricercatori hanno dimostrato che Smad3 era presente in due moduli adulti della leucemia a cellula T: Sindrome di Sezary e da una leucemia indotta da virus (HTLV-1).

In mouse, un'eliminazione di una o entrambe la copia del gene Smad3 specificamente altera la capacità di TGF-B di fermare la proliferazione a cellula T, così la scoperta che Smad3 era unico alla leucemia a cellula T non era sorprendente. La sorpresa - e mistero - di questi risultati è la biologia dietro assenza di Smad3. Le celle di leucemia hanno prodotto i livelli normali di Smad3 il mRNA - le istruzioni che le celle usano per rendere a proteina - che indicano che il gene Smad3 è acceso. Ancora, i ricercatori hanno trovato che la sequenza dei campioni del ricoverato del gene Smad3 era identica al gene normale Smad3 trovato in celle di T in buona salute, significando che una mutazione genetica non era il colpevole neanche.

“Ancora non conosciamo i meccanismi dietro questa perdita di proteina Smad3,„ ha detto Letterio, “ma due possibilità può essere che la sintesi delle proteine sta bloccanda o che la proteina è fatta molto rapidamente ma degradata.„

Che cosa i ricercatori conoscono è che la perdita Smad3 da solo è responsabile probabile dell'inizio della leucemia, poiché i mouse di Smad3-deficient non sviluppano i tumori malgrado il loro numero aumentato delle cellule T. Per indirizzare questa idea che un certo altro fattore è richiesto, il gruppo di Letterio ha esaminato la connessione fra Smad3 e p27Kip1, un'altra proteina con un ruolo importante nella crescita di regolamentazione delle cellule. I mouse con p27Kip1 cancellato hanno aumentato i numeri delle cellule T ma, simile ai mouse con Smad3 cancellato, non sviluppano la leucemia. Tuttavia, quando i ricercatori hanno cancellato una copia del gene Smad3 in questi mouse di p27Kip1-deficient, 50 per cento dei mouse sono morto entro sei mesi e vari di loro hanno sviluppato la leucemia. I mouse con sia p27Kip1 che Smad3 completamente cancellati non hanno potuto essere studiati, così più sono morto quanto gli embrioni.

I ricercatori sperano che il lavoro continuato scopra altre alterazioni genetiche che, una volta collegate con perdita Smad3, svolgono un ruolo nella genesi della leucemia a cellula T pediatrica. Letterio egualmente ha precisato che il loro studio non ha esaminato tutte le variazioni della leucemia. “Indipendentemente da fatto che Smad3 gioca un ruolo in altri moduli della leucemia è ancora una questione aperta,„ ha detto.