Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I preventivi correnti hanno malattia cardiovascolare (CVD) rappresentare 17 milione morti annualmente

Lo specialista rinomato di salute pubblica, il professor Stephen Leeder, presenterà i risultati centrali di un rapporto che evidenzia la tendenza di disturbo verso una crescita nella malattia cardiovascolare in paesi in via di sviluppo, ad un colloquio speciale essere da tenersi all'università di Sydney.

La malattia cardiovascolare, l'attacco di cuore ed il colpo sono trasformarsi veloce in una questione importante in paesi in via di sviluppo. I preventivi correnti hanno malattia cardiovascolare (CVD) rappresentare 17 milione morti annualmente, confrontato ad un tasso di mortalità da un HIV/AIDS di 3 milioni. Le agenzie internazionali commesse a migliorare la salubrità globale hanno trascurato la malattia di cuore ed il colpo e molti paesi in via di sviluppo non hanno creato i programmi per gestire queste malattie.

L'effetto devastante potenziale di CVD è stato esaminato in un rapporto importante una corsa contro il tempo: Il significato della malattia cardiovascolare nelle economie di sviluppo co-create dal professor Stephen Leeder, Direttore dell'istituto australiano di criterio di integrità.

“Da ora al 2020 ci sarà miliardo genti nel mondo invecchiato oltre 65. Come le età globali della popolazione, la malattia cardiovascolare è collocata per trasformarsi nella causa della morte e nell'inabilità principali mondiali e sta minacciando di sopraffare i sistemi sanitari. I paesi in via di sviluppo stanno testimoniando la devastazione alla loro mano d'opera che l'Australia ed altri paesi occidentali hanno avvertito 50 anni fa,„ hanno detto il professor Leeder.

“Possiamo ora fare molto per impedire la malattia cardiovascolare e migliorare il suo impatto. Il tabagismo, una dieta non sana, i lipidi elevati di sangue, l'ipertensione, il peso eccessivo e la mancanza di esercizio, rappresentano oltre 75 per cento della malattia cardiovascolare. Sono favorevoli a trattamento medico ed alle diverse e scelte sociali. Abbiamo bisogno urgentemente della ricerca nei migliori modi di gestione e di impedire della malattia cardiovascolare in paesi in via di sviluppo.„

Il professor Stephen MacMahon, Direttore principale dell'istituto di George per salubrità internazionale ha detto che l'Australia ha un obbligo di aiutare i paesi in via di sviluppo, specialmente quelli nella regione Asia-Pacifico, diminuisce il carico di CVD.

“Con i loro sistemi fragili di salubrità, in basso ai paesi di reddito medio sia malamente attrezzato occuparsi del carico crescente delle malattie quale attacco di cuore e colpo,„ ha detto il professor MacMahon.

“Come uno dei paesi più ricchi nella regione Asia-Pacifico, Australia è in una buona posizione per aiutare i paesi meno sviluppati nella nostra parte del mondo a alzarsi per accelerare trattando CVD. Se non facciamo, l'impatto economico e sociale sarà sentito dall'intera regione.„

Il professor Stephen MacMahon discuterà alcuni di riusciti progetti di CVD che sono intrapresi dall'istituto di George in paesi in via di sviluppo mentre il Dott. Alan Cass, Direttore della polizza e della divisione di pratica all'istituto di George, paragonerà il carico delle malattie vascolari croniche fra gli australiani indigeni a quello fra la gente in paesi in via di sviluppo. Il Dott. Paul Magnus, Consigliere medico, AIHW fornirà una generalità comparativa delle implicazioni del rapporto in termini di informazioni australiane su CVD.

Il rapporto è accessibile in linea a: http://www.earth.columbia.edu/news/2004/images/raceagainsttime_FINAL_0410404.pdf