Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Dimensione importante quando trovano un compagno

La differenza nella dimensione fra i maschi e le femmine delle stesse specie è tutta giù alla battaglia per un compagno, secondo uno studio degli shorebirds pubblicati dagli scienziati britannici.

I risultati, pubblicati negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze, sono la prima spiegazione per una norma identificata in quaranta anni fa dallo scienziato tedesco Bernhard Rensch.

La norma di Rensch, poichè è stato conosciuta, dice che il rapporto fra le dimensioni dei sessi è collegato con la dimensione corporea con molto poche eccezioni in tutto il regno animale - per esempio, gorille maschii è molto più grande delle gorille femminili, mentre i ratti maschii sono soltanto leggermente più grandi dei ratti femminili.

In questa nuova ricerca, gli scienziati dalle università di bagno, Oxford ed East Anglia, hanno effettuato le analisi statistiche complesse del comportamento accoppiamento, la dimensione corporea e l'ecologia di più di 100 specie differenti dello shorebird intorno al mondo.

Hanno trovato che in più grandi shorebirds la battaglia fra i maschi per un compagno è offerte altamente non Xerox e più grandi un vantaggio sopra altri corteggiatori potenziali poichè combattono aggressivamente sulla terra. Il risultato evolutivo è che i combattenti maschii, un grande shorebird, sono circa due volte la dimensione delle femmine.

Per le più piccole specie, quali i Dunlins, le battaglie hanno luogo nell'aria e l'agilità e la piccolezza si trasformano in in più fattori importanti. Il risultato è che i maschi del Dunlin sono più piccoli delle femmine.

Sebbene i biologi ritengano che la selezione sessuale debba svolgere un ruolo nel determinare la norma di Rensch, finora nessuno aveva potuto provare esattamente come ha funzionato. Sebbene la ricerca sia condotta sugli shorebirds, i ricercatori sono sicuri che quello lo stesso driver è in funzione in tutto dagli acari ai primati in tutto il regno animale.

Il Dott. Tamas Szekely dall'università di bagno che piombo il progetto, ha detto: “Abbiamo saputo per molti anni circa la norma di Rensch ma non abbiamo avuti una bugna che unità. Molti biologi avevano considerato la selezione sessuale come la risposta più probabile, ma nessuno realmente ha saputo.„

“Una volta che cominciassimo analizzare i dati la storia ha modellato perfettamente su. Credo che la selezione sessuale sia il driver dietro la norma di Rensch in tutto il regno animale e già stiamo trovando che questo è il caso in altre specie dell'uccello stiamo studiando quali le otarde,„ ho detto Szekely. “Non c'è ragione per la quale non si applicherebbe in molti altri animali dalle gorille che vivono sul pavimento della foresta pluviale alle scimmie che vivono su su che nella tenda anche.„

Gli Shorebirds, i gabbiani ed i auks sono il gruppo ideale per verificare le teorie spieganti la norma di Rensch poichè la massa dell'organismo degli shorebirds maschii varia da 59 per cento a 169 per cento della massa dell'ente femminile, comprendente quasi l'intero intervallo esibito dalle specie del mondo 9.700 di uccelli. Gli Shorebirds egualmente comprendono l'intervallo completo dei sistemi di accoppiamento compreso monogamia (un partner per volta) e poliandria polygyny (maschi hanno più di uno femminile per volta) e sociali sociali (femmine hanno più di un maschio per volta). I ricercatori hanno raccolto i dati sulla dimensione corporea, sul comportamento accoppiamento, sull'ecologia e sui dati storici di vita da letteratura attuale e li hanno analizzati con una serie degli strumenti statistici.

I ricercatori egualmente hanno trovato che dove c'è alta concorrenza fra i maschi, la differenza nel rapporto fra le dimensioni dei sessi aumenta, spiegando i rapporti cambianti identificati da Rensch. Al contrario, in specie con l'intensità bassa della concorrenza del maschio-maschio, le femmine tendono ad essere il più grande dei sessi.