Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il vino rosso è molto meglio per voi che il gin

Quando la scelta è vino rosso o gin, scelga il vino rosso - almeno quando tenendo conto della salubrità del vostro cuore.

Quello è secondo uno studio recente dai ricercatori dell'istituto universitario medico di Jefferson, che hanno confrontato gli effetti di bere il vino rosso o il gin su parecchi indicatori biochimici nel sangue. Il vino rosso contiene molti composti complessi compreso i polifenoli, che sono assenti da gin. Hanno trovato che quello vino rosso bere ha avuto un effetto molto maggior nell'abbassamento dei livelli nella circolazione sanguigna di cosiddette sostanze “antinfiammatorie„ che sono fattori di rischio nello sviluppo della malattia di cuore e del colpo.

I risultati, che sono comparso recentemente nell'aterosclerosi del giornale, non hanno sorpreso il co-author Emanuel Rubin, M.D., che piombo lo studio.

“È chiaro da questi risultati che mentre bere certo modulo dell'alcool abbassa gli indicatori infiammatori, il vino rosso ha un effetto molto maggior che il gin,„ dice il Dott. Rubin, professore distinto di patologia all'istituto universitario medico di Jefferson dell'università di Thomas Jefferson in Filadelfia.

Mentre ci sono associazioni ben note fra l'alcool e un rischio ridotto di attacco di cuore e segnano - il cosiddetto “paradosso francese,„ per esempio - il Dott. Rubin dice che “suddividere i dati„ è stata epidemiologicamente difficile.

Per trovare la prova si è riferita all'effetto dell'alcool nella diminuzione dell'attacco di cuore ed il colpo, lui ed i suoi colleghi all'università di Barcellona si sono girati verso gli indicatori sostitutivo o„ “sostitutivi della malattia. Infiammazione, nota, lungamente è stato implicato nello sviluppo di aterosclerosi e della coronaropatia. “Gli alti livelli delle proteine c-reattive e di altri indicatori di infiammazione nel sangue sono fattori di rischio che sono stati implicati nella coronaropatia e nel colpo ischemico,„ lui dice.

Dal il gruppo guidato da Jefferson ha confrontato gli effetti di vino rosso e di gin sui livelli di biomarcatori infiammatori nel sangue, compreso le molecole di aderenza, i chemokines ed i globuli bianchi che sono collegati con aterosclerosi. Secondo il Dott. Rubin, nessun test clinico è stato fatto che paragona l'effetto di vino rosso a quello delle bevande alcoliche ai bassi livelli di sostanze analcoliche, quali i polifenoli.

Nella prima parte dello studio, il ricercatore ha dato a 20 oggetti in due gruppi due bevande un il giorno di vino o di gin per i 28 giorni. Quello è stato seguito “da un periodo di interruzione„ di 15 giorni senza l'alcool. Nella seconda parte della prova, coloro che ha ricevuto la prima volta il vino rosso poi sono stati dati il gin. Coloro che ha mangiato il vino rosso allora ricevuto del gin in primo luogo. I ricercatori hanno misurato i livelli di biomarcatori prima e dopo ogni metà della prova. Hanno tentato rigorosamente di gestire diete degli oggetti'.

Sia il vino che il gin hanno mostrato gli effetti antinfiammatori. Entrambi i gruppi avevano diminuito i livelli di fibrinogeno che il sangue di grumi ma non è un indicatore infiammatorio e di IL-1, che è. I livelli sollevati di fibrinogeno sono un fattore di rischio per attacco di cuore.

Ma il vino rosso egualmente ha abbassato drammaticamente i livelli di molecole infiammatorie quali le molecole di aderenza e le proteine in monociti ed in linfociti.

Il Dott. Rubin sostiene che uno o due vetro di vino rosso un il giorno può essere utile e che c'è un certo grado di protezione dalla malattia di cuore e di colpo dalle bevande alcoliche in generale. Eppure, i risultati sono soltanto prova indiretta e non possono provare un effetto protettivo contro lo sviluppo di aterosclerosi. Lo studio è troppo breve lontano per analizzare un trattamento che richiede gli anni per svilupparsi, dice.

“È duro sradicarlo appena che cosa sta accendendo,„ dice. “Dovrà essere studi epidemiologici a lungo termine fatti.„