Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La vitamina E ha vantaggio potenziale nei freddo di combattimento negli anziani

Il completamento della vitamina E ha vantaggio potenziale nel combattimento delle infezioni superiori delle vie respiratorie quali i freddo negli anziani, dice uno studio pubblicato nell'emissione del 18 agosto del JAMA.

Secondo il Consiglio per nutrizione responsabile (CRN), una delle associazioni commerciali principali dell'industria di supplemento dietetico, questo è uno studio più positivo per aggiungere alla prova scientifica del montaggio che la vitamina E è utile per la funzione immune migliore negli anziani.

La vitamina E viene dai grassi, dai petroli, dalle carni, dal pollame, dal pesce, dai legumi, dalle noci e dalla soia ed è una vitamina liposolubile che esiste in otto moduli differenti. Ogni modulo ha la sua propria attività biologica, la misura della potenza o uso funzionale nell'organismo. il Alfa-tocoferolo è l'intervento concreto della vitamina E in esseri umani ed è un antiossidante biologico potente. Gli antiossidanti quale la vitamina E agiscono per proteggere le vostre celle dagli effetti dei radicali liberi, che sono sottoprodotti potenzialmente offensivi del metabolismo dell'organismo. I radicali liberi possono causare il danno delle cellule che può contribuire allo sviluppo della malattia cardiovascolare e del cancro.

Ripartita le probabilità su, la prova alla cieca, alla la prova controllata a placebo, condotta da Simin Nikbin Meydani, il D.V.M., il Ph.D. ed i colleghi alla Tufts University, inclusa 617 anziani, pazienti a lungo termine della funzione di cura. Tutti i pazienti sono stati dati un multivitaminico con 50 per cento dell'indennità giornaliera raccomandata (RDA) dei micronutrienti chiave; 311 dei pazienti sono stati dati una capsula quotidiana supplementare di una vitamina E da 200 IU, mentre il gruppo di controllo di 306 è stato dato un placebo. Meno gente nel gruppo della vitamina E ha sofferto una o più infezioni superiori delle vie respiratorie. I ricercatori egualmente hanno osservato che quelli dati il supplemento della vitamina E hanno avuti i 20 per cento più a basso rischio di cattura del freddo che i partecipanti dati il placebo. Non c'era effetto sulle infezioni più basse delle vie respiratorie.

L'effetto protettivo della vitamina la E contro le infezioni superiori delle vie respiratorie, specialmente il raffreddore, indicato in questo studio è molto promettere, data particolarmente la preponderanza di tali malattie negli anziani e del potenziale affinchè i freddo piombo alla malattia più severa. Come gli autori di studio spiegano, “le infezioni delle vie respiratorie sono prevalenti in persone anziane, con conseguente morbosità, mortalità ed uso aumentati dei servizi di sanità.„

Presidente Annette Dickinson, Ph.D. di CRN, dichiara dello studio, “questo studio più ulteriormente illumina l'importanza del completamento della vitamina E per gli anziani, che sono generalmente a rischio di insufficienza nutriente. È riconosciuto che la nutrizione ha un effetto principale sulla resistenza di malattia ed il gruppo di Meydani precedentemente ha indicato che il completamento della vitamina E migliora le misure della risposta immunitaria. Lo studio corrente mostra un impatto sull'incidenza reale di malattia.„

Il Dott. Dickinson ha notato che tutti partecipanti sia ai gruppi della vitamina che del placebo E sono stati dati un multivitaminico della basso dose, poiché i residenti della casa di cura sono conosciuti per essere ad assunzioni insufficienti inclini. Ha detto, “questa era buona procedura ed alcuni esperti hanno sostenuto che i multivitaminici sono forniti ai residenti della casa di cura come aspetto di polizza per evitare le conseguenze delle assunzioni nutrienti insufficienti. Tuttavia, è possibile che il multivitaminico abbia attenuato gli effetti del supplemento della vitamina E.„

Nell'articolo di JAMA, gli autori concludono che i risultati dello studio “suggeriscono le implicazioni importanti per il benessere degli anziani„ e la richiesta per gli studi futuri più ulteriormente per valutare l'effetto del completamento della vitamina E sul raffreddore, comprendente l'analisi più dettagliata sull'effetto degli elementi nutritivi sugli agenti patogeni specifici.