Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La prova nucleica di acido-amplificazione ha migliorato la sicurezza dell'offerta di sangue della nazione

I sistemi di prova avanzati a sangue donato schermo hanno migliorato la sicurezza dell'offerta di sangue della nazione impedendo la trasmissione dei virus potenzialmente micidiali, secondo un nuovo studio costituito un fondo per dal cuore, dal polmone e dall'istituto nazionali di sangue.

La prova nucleica di acido-amplificazione (NAT) ha contribuito ad impedire ogni anno la trasmissione di circa cinque infezioni di HIV-1 e di 56 (HCV) infezioni del virus dell'epatite C da quando ha cominciato ad essere utilizzata negli Stati Uniti come prova di selezione d'investigazione del 1999. Lo studio è pubblicato nell'emissione del 19 agosto di New England Journal di medicina.

“I rischi per i destinatari di sangue dai virus trasfusione-trasmessi quali il HIV e l'epatite sono già estremamente - basso, in parte a causa di sorveglianza aumentata e della prova migliore,„ ha detto Barbara Alving, M.D., direttore provvisorio di NHLBI. “il NAT accresce la sicurezza dell'offerta di sangue della nazione più ulteriormente diminuendo questi rischi.„

Lo studio è il primo e soltanto quello della sua portata per mostrare l'efficacia del sistema di prova di NAT nazionalmente. Tutti i laboratori importanti di donazione di sangue negli Stati Uniti hanno partecipato, rappresentando più di 98 per cento delle donazioni di sangue provate. Molte organizzazioni hanno collaborato sulla ricerca, compreso la croce rossa americana, l'istituto di ricerca dei sistemi di sangue, i centri del sangue dell'America e Food and Drug Administration (FDA).

I ricercatori di studio hanno analizzato tutte le donazioni che hanno individuato l'acido ribonucleico (RNA) dal HIV-1 e da HCV dal NAT fra 1999 e 2002. I ricercatori poi hanno guardato per vedere quale di queste donazioni infettate erano stati mancati dalle prove per individuare gli anticorpi o gli antigeni virali (proteine dal virus), i tipi di schermature precedentemente usati. Hanno concluso che il NAT ha ridotto il rischio di HIV-1 e di infezioni da HCV connessi con trasfusione di sangue a circa 1 in 2 milione unità di sangue. In confronto, altri esami del sangue sono associati con le tariffe di 1 in 1,5 milioni per il HIV-1 e di 1 in 276.000 per HCV.

I donatori di sangue sono stati esaminati a prova di infezione HIV dal 1985 e a prova di infezione da HCV dal 1990. Sebbene le prove sempre più sensibili per individuare gli anticorpi di HCV e del HIV e l'antigene del HIV siano applicate durante la decade passata, nelle infezioni rare di istanze in donatori sono stati mancati. Ciò è dovuto “il periodo di latenza„ durante il cui un donatore può essere infettato ma ancora verificare la quantità negativa sulle prove di selezione.

Il sistema di NAT, che era approvato per uso nel 2002 da FDA, può individuare più presto il HIV e le infezioni da HCV nei donatori di sangue di altre prove di selezione perché individua i geni virali piuttosto che gli anticorpi o gli antigeni. L'aspetto degli anticorpi richiede il tempo affinchè il donatore sviluppi una risposta immunitaria e la rilevazione degli antigeni richiede il tempo per un di più alto livello del virus di comparire nella circolazione sanguigna.

Con l'uso del NAT per HCV, il periodo di latenza è diminuito entro i circa 60 giorni (da una media di 70 giorni - 10 giorni). Per il HIV-1, il periodo di latenza medio con l'anticorpo è dei circa 22 giorni. Ciò è diminuita al circa 11 giorno con le prove di NAT utilizzate in questo studio. L'uso del NAT ha permesso che le banche del sangue interrompessero due meno efficaci prove di selezione -- Prova dell'antigene di HIV-1 e una prova per un indicatore non specifico per HCV. Le donazioni di sangue continuano ad essere schermate con le prove dell'anticorpo per il HIV, HCV ed altri virus, che le guide assicurano alla sicurezza dell'offerta di sangue.

“il NAT non solo migliora la sicurezza della nostra offerta di sangue già sicura, ma la tecnologia può adattarsi rapidamente allo schermo per i virus emergenti,„ ha detto George Nemo, Ph.D., responsabile di progetto della guida del gruppo e di studio della medicina della trasfusione e gruppo di ricerca scientifica di terapie cellulari a NHLBI.

Per esempio, l'anno scorso, schermare per il virus del Nilo occidentale è stata applicata in meno di nove mesi con la collaborazione del centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e di FDA e lo sviluppo rapido del NAT dai produttori. Quasi 1.000 donatori di sangue con l'infezione del virus del Nilo occidentale sono stati identificati dal NAT e le loro donazioni hanno eliminato.

“Questi risultati egualmente riflettono uno sforzo cooperativo senza precedenti e nazionale dai centri di raccolta di sangue, un'industria e gli enti federali, che notevolmente migliora la capacità dei centri di donazione di sangue di comprendere rapido le nuove prove come state necessarie,„ Nemo aggiunto. “Questa collaborazione egualmente facilita la nostra capacità di condurre la sorveglianza in corso e tempestiva dell'offerta di sangue della nazione.„

Il NAT egualmente permette di identificare le persone nelle fasi iniziali stesse di HIV-1 e di infezione da HCV. Questi informazioni possono aiutare meglio la comunità medica a capire i fattori di rischio connessi con l'infezione virale e la storia naturale, la progressione di malattia ed il trattamento per queste infezioni.

Uno dei sistemi di NAT utilizzati nello studio in primo luogo è stato messo a punto alla metà degli anni '90 dalla GEN-Sonda compresa, in collaborazione con Chiron Corporation, con contributo a ricerca e sviluppo forniti da NHLBI. I risultati di selezione dal sistema di NAT fabbricato dai sistemi molecolari di Roche egualmente sono stati inclusi nello studio.