Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I mirtilli possono abbassare il colesterolo

La nuova ricerca dal ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti indica che i mirtilli possono abbassare il colesterolo efficacemente come droga commerciale ed avere il potenziale per meno effetti secondari avversi.

Nello studio, Rimando riferisce che un composto chiamato pterostilbene (terro-STILL-bien) possiede le qualità chemopreventive del simile cancro a quelle trovate in resveratrol, un altro composto in uva. Pterostilbene egualmente ha mostrato la forte attività inibitoria contro le linee cellulari del cancro al seno. Ma la prova rimane preliminare ed il composto ha ancora essere valutato in esseri umani, secondo Rimando.

Nella ricerca precedente, il resveratrol è stato accreditato gli impianti d'aiuto dell'uva combatte fuori i funghi ed è stato collegato alle incidenze della coronaropatia basse fra le popolazioni di consumo di vino.

A differenza del resveratrol, tuttavia, il pterostilbene già è conosciuto ai beni antidiabetici dei gruppi. In primo luogo è stato isolato da legno di sandalo rosso (santalinus del Pterocarpus). Insieme al resveratrol, egualmente è stato identificato in foglie di Vitis vinifera (acino d'uva), nelle bacche di Gamay e di Chardonnay infettate con il fungo e nelle bacche sane di Gamay e del pinot nero.

Gli studi, richiesti dalla similarità strutturale dei pterostilbene vicino al resveratrol, sono stati intrapresi con l'uso di un modello della cultura della ghiandola mammaria del mouse che è stato esposto ad un agente cancerogeno chimico. L'agente cancerogeno ha causato le celle precancerose su cui il composto è stato provato. La prova della ghiandola mammaria del mouse è stata eseguita dai collaboratori di Rimando all'università dell'Illinois a Chicago.

Il composto, pterostilbene, ha il potenziale di essere diventato un nutraceutical per l'abbassamento del colesterolo, specialmente per coloro che non reagisce bene alle droghe convenzionali usate a questo fine, il ricercatore dice. I risultati sono stati descritti oggi alla 228th riunione nazionale della società di prodotto chimico americano, la più grande società scientifica del mondo.

“Siamo eccitati per imparare che i mirtilli, che già sono conosciuti per essere ricchi di composti sani, possono anche essere un'arma potente nella battaglia contro l'obesità e la malattia di cuore, che sono uccisori principali negli Stati Uniti,„ diciamo la guida Agnese M. Rimando, il Ph.D., un chimico di studio della ricerca con il servizio di ricerca agricola dell'usda (ARS). Lavora all'unità di ricerca di utilizzazione dei prodotti naturali dell'ARS a Oxford, sig.na.

I ricercatori hanno sospettato per un po di tempo, in base agli studi aneddotici, che i mirtilli possono svolgere un ruolo nell'abbassamento del colesterolo, dice Rimando.

In questa nuova ricerca di laboratorio facendo uso delle celle di fegato del ratto, Rimando ed i suoi collaboratori, Rangaswami Nagmani e Feller di Dennis, dell'università di banco del Mississippi della farmacia, hanno esposto le celle altri a quattro composti trovati in mirtilli. Dei quattro composti, il pterostilbene ha mostrato il più alta potenza per l'attivazione del ricevitore dell'PPAR-alfa delle cellule, che a sua volta svolge un ruolo nella diminuzione il colesterolo e degli altri lipidi.

Pterostilbene era simile nell'attività a ciprofibrate, una droga commerciale che abbassa il cattivo) colesterolo ed i trigliceridi di LDL (. Ma il ciprofibrate, di cui il meccanismo di atto sulle celle è meno specifico, può avere effetti secondari quali dolore di muscolo e la nausea. Pterostilbene, che mira ad un ricevitore specifico, è probabile avere meno effetti secondari, Rimando dice, aggiungere che il composto non ha mostrato alcuni segni della tossicità delle cellule negli studi preliminari.

Fino a intraprendere gli studi in esseri umani, nessuno conosce quanto mirtilli una persona deve mangiare per avere un effetto positivo ad abbassare il colesterolo, Rimando avverte. Il suo studio aggiunge ad una lista crescente delle indennità-malattia attribuite alla poca della frutta ricca d'antiossidante, compreso la protezione contro invecchiamento, malattia di cuore e cancro come pure funge da ripetitore di memoria.

La società di prodotto chimico americano è un'organizzazione no-profit, conceduta dal congresso degli Stati Uniti, con un'appartenenza pluridisciplinare di più di 159.000 chimici e degli ingegneri chimici. Pubblica i numerosi giornali scientifici e database, convoca le conferenze importanti della ricerca e fornisce la polizza di scienza e educativa ed i programmi di carriera in chimica. I sui uffici principali sono a Washington, DC e Columbus, Ohio.